domenica 16 marzo 2014

Pane e latte



"Pane e latte" è un piccolo gioiello di appena 1 minuto e 44 secondi.
Una melodia allegra e gioiosa a cui fa da contrappunto un testo ironico e scanzonato.
C'è la povertà, che però non ferma i sogni del protagonista, sogni fatti di macchine belle, pranzi domenicali e stipendi più lauti. 
La canzone da spunto a Stefano anche per ricordare aneddoti della sua infanzia, ci racconta infatti, durante uno dei suoi concerti, che non essendo il primogenito ne tantomeno il più piccoletto, toccava spesso a lui andare a comprare generi alimentari a credito, chiosando poi con una battuta: "Quando passavano i proletari a casa nostra ci dicevano:"a morti de fame!"".
La canzone si apre con il fischio di Stefano Rosso e a farla da padrone sono ancora una volta  sonorità acustiche.
La chitarra tiene un ritmo di valzer in 3/4 e a metà canzone subentra anche il mandolino.






PANE E LATTE

E distillando le rassegnazioni a casa mia producevamo sogni
Babbo e mamma dirigenti io con i miei fratelli semplici operai

E una mattina mi svegliai da ragioniere
E affogando il pane dentro al latte cominciai a pensar così

Ma chi mi ferma più al vicino con la "topolino"
Passerò vicino col sorriso in faccia

Ma chi mi ferma più la domenica a mangiare fuori
E a chi mi sorpassa le corna farò

E all'ombra di un garzone semianalfabeta 
Il tempo andava e lei non cominciava

Guarda un pò che casa hanno i "Donati"
E invece noi col bagno per le scale

E una mattina mi svegliai capitalista 
E affogando il pane dentro al latte cominciai a pensar così

Ma chi mi ferma più 
Anch'io voglio dentro al portafoglio quel che vale come il principale

Ma chi mi ferma più
M'ha fermato un calcolo sbagliato due occhi neri e una pancia così

E distillando le rassegnazioni a casa mia noi produciamo sogni
Io e mia moglie dirigenti i miei bambini semplici operai

E ogni mattina tutti intorno al tavolino
Affoghiamo il pane dentro al latte e anche quello che non c'è


L'angolo degli accordi:


Capotasto 1st:

Intro (Fischio): La-Mi-Fa#m-Mi 
     
               La                                                                                          Mi
E distillando le rassegnazioni a casa mia producevamo sogni
  Mi                                                                                     La
Babbo e mamma dirigenti io con i miei fratelli semplici operai
            Fa#m                          Sim
E una mattina mi svegliai da ragioniere
 Sim                              La                    Mi                       La
E affogando il pane dentro al latte cominciai a pensar così
La
Ma chi mi ferma più al vicino con la "topolino"
                                             Mi
Passerò vicino col sorriso in faccia
Mi                   Fa#m      Sim                            La
Ma chi mi ferma più la domenica a mangiare fuori
                  Fa#m         Mi      La
E a chi mi sorpassa le corna farò
                    La
E all'ombra di un garzone semianalfabeta
La                                        Mi 
Il tempo andava e lei non cominciava
Mi
Guarda un pò che casa hanno i "Donati"
                                              La
E invece noi col bagno per le scale
           Fa#m                      Sim
E una mattina mi svegliai capitalista
Sim                            La                     Mi                      La 
E affogando il pane dentro al latte cominciai a pensar così
La
Ma chi mi ferma più
La                                                                                           Mi 
Anch'io voglio dentro al portafoglio quel che vale come il principale
Mi                    Fa#m
Ma chi mi ferma più
Sim                                     La              Fa#m                  Mi        La
M'ha fermato un calcolo sbagliato due occhi neri e una pancia così
            La                                                                          Mi
E distillando le rassegnazioni a casa mia noi produciamo sogni
 Mi                                                                         La
Io e mia moglie dirigenti i miei bambini semplici operai
           Fa#m                             Sim
E ogni mattina tutti intorno al tavolino
Sim                            La                        Mi                        La
Affoghiamo il pane dentro al latte e anche quello che non c'è

Finale (Fischio): Sim-La-Mi-La

L'angolo live:


Come accaduto per altre canzoni anche "Pane e latte" è stata re-incisa per includerla nell'album del 2001 "Il Meglio".
Il nuovo arrangiamento affida la ritmica del brano non più alla chitarra ma alle tastiere, ma ritengo il primo sicuramente migliore sia dal punto di vista musicale che da quello vocale:







L'angolo delle cover:

Come cover sentiamoci invece la versione live di Andrea Tarquini, eseguita al locale romano "L'Asino che vola".
Tarquini ha suonato diverse volte con Stefano quando era poco più che ventenne, ed è un bravissimo chitarrista.
Ha realizzato da poco un disco tributo a Stefano Rosso che si chiama "Reds" e lo consigliamo vivamente a tutti, perché è ben suonato e fatto col cuore.








Nessun commento:

Posta un commento