sabato 29 marzo 2014

Reichiana



La prima cosa che molti si chiederanno è: cosa significa "Reichiana"?
E' una terapia corporea elaborata dallo psichiatra austriaco Wilhelm Reich, che fu tra l'altro allievo di Sigmund Freud, essa favorirebbe la libera espressione dei sentimenti e la crescita interiore.
Stefano focalizza l'attenzione sull'educazione ricevuta dai ragazzi, ironizzando su chi si crede depositario della verità ("ma lascerei ai bambini il loro tempo, e no mille inventate verità").
Non mancano stoccate anche all'ambito ecclesiastico ("Il prete mi spiegò non c'è problema, tu stai in ginocchio e il resto vien da sè").
Come per la canzone "Compleanno" anche questa manca di un vero e proprio cambio di melodia, Stefano si limita ad alzare di una tonalità il pezzo verso la fine.
"Reichiana" si apre con un bel riff di chitarra elettrica che segue il testo per tutta la canzone, poi si aggiunge una bella sezione orchestrale.
Purtroppo non esistono versioni live di questa canzone.







REICHIANA


A far fischiar bicchieri con le dita
mio padre ha smesso quindici anni fa
accompagnato da quei due cavalli
sui quali certo non scommise mai
e mi lasciò la bella eredità
di indovinare qui come si fa
e mi lasciò la bella eredità
di indovinare qui come si fa

E il fiocco consumato insieme ai libri
son come i dischi vecchi, stanno là
ma prova un po' a cercarli, son spariti
o forse gli han rubati, chi lo sa?
insieme alla tua voglia di giocare
al medico, al pallone o di spiare
insieme alla tua voglia di giocare
al medico, al pallone o di spiare

Spiare i grandi fare cose strane
ma strane poi per cosa, chi lo sa?
sapevi solamente che tu... no!
e quante notti a letto giù a pensare
ma il prete mi spiegò "Non c'è problema,
tu stai in ginocchio e il resto vien da sè"
ma il prete mi spiegò "Non c'è problema,
tu stai in ginocchio e il resto vien da sè"

Così aspettai vent'anni ma confesso
che là in ginocchio io non ci restai
e fra un bicchiere e un figlio morto e il cesso
un Dio diverso intanto mi cercai
e ne trovai ma tutti senza barba
ma almeno mi facevano scopare
e ne trovai ma tutti senza barba
ma almeno mi facevano scopare

E allora ho letto e ho letto e ho letto tanto
e allora per i miei problemi ho pianto
e allora per la mia felicità
ho fatto un fuoco di quei libri là
filosofi, poeti, eroi e santi
ci hanno fregati tutti, tutti quanti
filosofi, poeti, eroi e santi
ci hanno fregati tutti, tutti quanti

E se mi permetto di cantare ancora
e d'inventar canzoni per la gente
è perchè cade il pelo e il vizio resta
e un'altra non ce l'ho io di risposta
ma lascerei ai bambini tutto il mondo
non quella che chiamiamo libertà
l'educazione è un sintomo fascista
è un grosso cancro per l'umanità
ma lascerei ai bambini il loro tempo
e no mille inventate verità
la sicurezza, il posto e la conquista
son grossi cancri per l'umanità





L'angolo degli accordi:


Capotasto: 2ft

La
A far fischiar bicchieri con le dita
Sim 
mio padre ha smesso quindici anni fa

Re                                         La 
accompagnato da quei due cavalli 

       Sim                                  Mi
sui quali certo non scommise mai

   Re                        La                       
e mi lasciò la bella eredità

    Sim                           La
di indovinare qui come si fa 

    Re                        La 
e mi lasciò la bella eredità

   Sim                              Mi 
di indovinare qui come si fa 
La
E il fiocco consumato insieme ai libri

Sim 
son come i dischi vecchi, stanno là

Re                                              La 
ma prova un po' a cercarli, son spariti

   Sim                                 Mi 
o forse gli han rubati, chi lo sa?

Re                                       La 
insieme alla tua voglia di giocare

 Sim                                   La
al medico, al pallone o di spiare

Re                                       La 
insieme alla tua voglia di giocare

Sim                                     Mi 
al medico, al pallone o di spiare 
La
Spiare i grandi fare cose strane

Sim 
ma strane poi per cosa, chi lo sa?

Re                                  La 
sapevi solamente che tu... no! 

Sim                                        Mi
e quante notti a letto giù a pensare

Sim                                         La 
ma il prete mi spiegò "Non c'è problema, 

Re                                                  La
tu stai in ginocchio e il resto vien da sè"

Sim                                                 La 
ma il prete mi spiegò "Non c'è problema, 

Sim                                                Mi
tu stai in ginocchio e il resto vien da sè" 
La
Così aspettai vent'anni ma confesso

Sim 
che là in ginocchio io non ci restai

Re                                                           La 
e fra un bicchiere e un figlio morto e il cesso

Sim                                     Mi 
un Dio diverso intanto mi cercai

  Re                                      La 
e ne trovai ma tutti senza barba 

Sim                                    La
ma almeno mi facevano scopare

Re                                       La 
e ne trovai ma tutti senza barba

Sim                                      Mi 
ma almeno mi facevano scopare 
Sib
E allora ho letto e ho letto e ho letto tanto

Dom 
e allora per i miei problemi ho pianto

Mib                         Sib 
e allora per la mia felicità

Dom                                    Fa 
ho fatto un fuoco di quei libri là

Mib                          Sib 
filosofi, poeti, eroi e santi

Dom                                  Sib 
ci hanno fregati tutti, tutti quanti

Mib                           Sib 
filosofi, poeti, eroi e santi 

Dom                                   Fa
ci hanno fregati tutti, tutti quanti 
Sib
E se mi permetto di cantare ancora

Dom 
e d'inventar canzoni per la gente

Mib                                         Sib 
è perchè cade il pelo e il vizio resta

Dom                                     Fa 
e un'altra non ce l'ho io di risposta

Mib                                           Sib
ma lascerei ai bambini tutto il mondo

Dom                                    Sib 
non quella che chiamiamo libertà

Mib                                    Sib 
l'educazione è un sintomo fascista

Dom                                  Fa 
è un grosso cancro per l'umanità

Mib                                           Sib
ma lascerei ai bambini il loro tempo

 Dom                           Sib 
e no mille inventate verità 

Mib                                    Sib
la sicurezza, il posto e la conquista

 Dom                                  Fa 
son grossi cancri per l'umanità

giovedì 27 marzo 2014

E allora senti cosa fo'



Dal cilindro di Stefano Rosso esce un'altra perla, "E allora senti cosa fo'", una canzone che parla dell'emancipazione femminile e dei problemi che il protagonista ha con la sua lei (...sto pensando a quando tornerai, la speranza è sempre lì e tu chissà dove sarai...).
Si instaura così una lite di coppia, con lui che reagisce ai comportamenti troppo libertari di lei minacciando di diventare qualunquista, anarchico o radicale e di andare al mare senza costume:"e quando al mare vado a culo nudo sto".
La canzone inizia con i bellissimi violini suonati da Tino Fornai e come già fatto per "Pane e Latte" è il ritmo del valzer a farla da padrone.
La canzone venne fatto uscire anche come 45 giri con "Odio chi" sul lato b.
Con questo pezzo Stefano vinse anche un telegatto, che all'epoca era un premio abbastanza ambito. Dopo il telegatto fu invitato a diverse manifestazioni e tra queste una partecipazione al Palasport di Siena. Racconta l'aneddoto lo stesso Stefano durante un'intervista: "Un giornalista mi disse come mai partecipassi con Allora senti cosa fo' nella categoria ballo liscio, ed io risposi: "stai scherzando!", ma era tutto vero, mi fece vedere la scheda dicendo che un certo Mazzetti aveva organizzato il tutto, ovviamente non cantai, diventai triste, pagai l'albergo e il viaggio di ritorno".
Questo aneddoto ci fa capire una volta di più il carattere di Stefano Rosso e come non si piegasse alle logiche di mercato,  evitando così di svendersi e snaturare la sua arte.





E ALLORA SENTI COSA FO'


Cielo grigio cielo blu
ma intanto tu dove sei tu?
e se va avanti cosi' io m'ammazzo giovedi'

Tutto il giorno sto cosi' pensando a quando tornerai
la speranza e' sempre li' e tu chissa' dove sarai

E mentre un uomo prega tu adesso dimmi con chi stai
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento qualunquista anarchico o radicale
e quand'e' carnevale il travestito fo'

Si vabbe' dicevi tu l'indipendenza ma ce l'hai
son due mesi e forse più  e non so ancora dove stai
Compro il pane e torno su e io qui davanti alla TV
compro il pane e torno su ma non sei tornata piu'

E mentre un uomo prega tu adesso dimmi con chi stai
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento femminista mi vesto trasandato
e quando al mare vado a culo nudo sto

Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
e se va avanti cosi' io m'ammazzo giovedì
porca zozza ma lo sai qui il vicinato cosa fa'?
quando passo ride e fa': c'ha le corna quello la'

E tu … tu brutta strega a quanti uomini ti dai?
tua madre invece nega non pensa al male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento liberale non pago piu' le tasse
e giuro mi cascasse se dopo non lo fo'

Non siamo piu' bambini e e' quello che ci frega
e mentre c'e' chi prega c'e' chi fuma al bar

(Parlato)
Si va be' … mo che faccio?
Sposete sposete che quella
te fa' da magna' te lava li panni
quella 'n se lava manco li piedi lei …
Quasi quasi chiamo Daniela!…
Va be' pure quest'artra … bona quella!!!…
“E' mia e me la gestisco da me!”
Meno male che c'e' la sessoautonomia
che e' come i Blue Jeans … non passa mai de moda




L'angolo degli accordi:

Gli accordi che ho messo fanno riferimento alla versione col nuovo arrangiamento del 2001, che differisce dall'originale anche per piccole parti di testo.


LA-
Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
SOL                 MI7               LA-
e se va avanti cosi'io m'ammazzo giovedi'
LA-
Tutto il giorno sto cosi' pensando a quando tornerai
SOL                         MI7              LA-
la speranza e' sempre li' e tu chissa' dove sarai

  RE-7              SOL9      DO
E mentre un uomo prega tu invece chissa' dove stai
     RE-7         SOL9        DO                MI7
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7  Sim       RE-     Mi7  LA
divento qualunquista anarchico o radicale
  FA#-7           SI-7           MI7  LA
e quand'e' carnevale il travestito fo'   

   La-
Si vabbe' dicevi tu l'indipendenza ma ce l'hai
SOL                   MI7              LA-
non ricordo quasi piu'da due mesi dove stai?
LA-
Compro il pane e torno su e io qui davanti alla TV
SOL                       MI7                LA-
compro il pane e torno su ma non sei tornata piu'

  RE-7              SOL9       DO
E mentre un uomo prega tu intanto dimmi con chi stai
     RE-7         SOL9        DO                MI7
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7 SI-      RE-     MI7   LA
divento femminista mi vesto trasandato
  FA#-           SI-7         MI7  LA
e quando al mare vado a culo nudo sto

LA-
Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
SOL                 MI7              LA-
e se va avanti cosi'io m'ammazzo giovedi
LA-
porca zozza ma lo sai qui il vicinato cosa fa'?
SOL                       MI7                LA-
quando passo ride e fa': c'ha le corna quello la'

  RE-7               SOL9    DO
E tu … tu brutta strega a quanti uomini la dai?
    RE-7         SOL9     DO                   MI7
tua madre invece nega non pensa al male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7  SI-    RE-   MI7      LA
divento liberale non pago piu' le tasse
 FA#-          SI-7   MI7        LA
e giuro mi cascasse se dopo non lo  fo'

          FA#-7     SI-    RE-   MI7       LA
Non siamo piu' bambini e' quello che ci frega
  FA#-            SI-7           MI7     FA FA7+
e mentre c'e' chi prega c'e' chi fuma al bar

Ed eccola qua la versione appunto del 2001, che oltre ad un arrangiamento nuovo di zecca non ha la sezione parlata alla fine, inoltre Stefano si diverte a fare la voce in falsetto quando interpreta la parte femminile, cosa che si divertiva a fare anche durante i concerti :








L'angolo della curiosità:

Di questa canzone esiste anche un videoclip girato da Rosso in RAI e presentato durante la trasmissione Discoring curata da Gianni Boncompagni:



L'angolo live: 


Stefano come al solito gioca e interagisce alla grande con il pubblico e si diverte anche a cambiare qualche frase delle sue canzoni, in questo caso ad esempio dice: "soddisfazione non ti do, divento romanista".
Inoltre come accaduto per molte altre esibizioni non si fa problemi ad interrompere di punto in bianco l'esecuzione del pezzo per rispondere ad una battuta del pubblico, riprendendo poi con maestria come se nulla fosse successo:





mercoledì 26 marzo 2014

Libertà....E scusate se è poco



Una canzone dal testo amaro dedicata a quello che insieme alla salute è il bene più prezioso, la libertà.
Stefano Rosso non nasconde la sua delusione: "i miei sogni li hai lasciati dentro a un bar" e più si va avanti con la canzone più il testo diventa autobiografico: "Io ti ho dato tutto, anche i testi e la mia voglia di cantar".
Non mancano le stoccate alla società e alle sue logiche di sfruttamento: "qui ci amministrano le nascite ed il fumo".
La canzone si apre con degli squilli di trombe mentre il ritmo è tenuto da un tamburo suonato a mo' di marcia e da un organetto.
A metà pezzo, Rosso alza di un tono la canzone come per farci arrivare meglio il suo messaggio sulla cara e amata libertà, che però come dice nel finale: "Quando passi non ti riconosco più".





LIBERTA'....E SCUSATE SE E' POCO

Libertà 
Tutta curva e stanca 
Quando passi non ti riconosco più 
Libertà 
Hai la faccia bianca 
E i miei sogni li hai lasciati dentro ai bar 
O all'osteria sbocciati all'ombra del frascati 
Con quelli nati con la mamma e con papà 
Libertà 
Son più di vent'anni 
Che nei panni di straccione me ne vo 
E coi ragazzi come me solo questioni 
Mentre i capoccia dividevano i milioni 
Libertà 
Io ti ho dato tutto 
Anche i testi e la mia voglia di cantare
Pensare che volevo fare il violinista 
E mi ritrovo a far canzoni da estremista 
Libertà 
M'hai fregato bene 
E coi resti di me stesso eccomi qua 
E con la scusa della crisi e del consumo 
Qui ci amministrano le nascite ed il fumo 
Libertà 
T'ho voluto bene 
Ed insieme a te volò la bella età 
Ma poi ti dissi : Amica sei condizionata 
Da quella volta bella mia ti sei negata 
Libertà 
Come sei invecchiata 
Quando passi non ti riconosco più 
Libertà come sei cambiata 
Quasi quasi penso che non eri tu.

L'angolo degli accordi:


Do
Libertà
                       Rem
Tutta curva e stanca

                                   Sol         Do 
Quando passi non ti riconosco più

Do 
Libertà

                     Rem 
Hai la faccia bianca

                                Sol                    Do
E i miei sogni li hai lasciati dentro ai bar 

Do                                                     Rem
O all'osteria sbocciati all'ombra del frascati

                                   Sol                   Do 
Con quelli nati con la mamma e con papà 

Do
Libertà

                     Rem 
Son più di vent'anni

                            Sol                    Do 
Che nei panni di straccione me ne vo

Do                                          Rem 
E coi ragazzi come me solo questioni

                              Sol              Do 
Mentre i capoccia dividevano i milioni

Do 
Libertà

                     Rem
Io ti ho dato tutto

                                   Sol         Do 
Anche i testi e la mia voglia di cantare

Do                                       Rem
Pensare che volevo fare il violinista

                             Sol               Do 
E mi ritrovo a far canzoni da estremista 

   Re
Libertà 

                      Mim
M'hai fregato bene

                            La                 Re 
E coi resti di me stesso eccomi qua

                                                  Mim 
E con la scusa della crisi e del consumo

                                      La                Re 
Qui ci amministrano le nascite ed il fumo

Re 
Libertà

                    Mim 
T'ho voluto bene 

                         La               Re
Ed insieme a te volò la bella età 

Re                                              Mim
Ma poi ti dissi : Amica sei condizionata 

                                 La                Re
Da quella volta bella mia ti sei negata

Re 
Libertà

                   Mim 
Come sei invecchiata 

                                   La          Re
Quando passi non ti riconosco più

Re                           Mim 
Libertà come sei cambiata

                              La              Re  
Quasi quasi penso che non eri tu.


L'angolo live:

Sentiamoci questa bella versione live del 2003 eseguita al Jailbreak di Roma:





La canzone nel 2001 viene registrata di nuovo da Stefano con un nuovo arrangiamento per l'inclusione nel cd "Il meglio".

Questa volta è la fisarmonica a dettare i ritmi, insieme al basso e al tamburello.
Simpatico anche l'inserimento del violino che entra proprio sul verso "pensare che volevo fare il violinista...".
Completa il quadro un arrangiamento orchestrale e una simpatica coda con Stefano che parla in napoletano.





lunedì 24 marzo 2014

Colpo di Stato




Il secondo album si sa è sempre il più difficile e Stefano era chiamato a confermare quanto di eccellente  fatto con il suo album di debutto.
Rosso centra il bersaglio con un bellissimo LP intitolato "E adesso senti cosa fo'".
Anche la produzione e l'arrangiamento migliorano notevolmente grazie al contributo di Ruggero Cini, che porta la sua esperienza e professionalità avendo lavorato con artisti del calibro di Dalla, Baglioni e Zero.
L'album si apre con "Colpo di Stato" una canzone dalla forte connotazione politico-sociale in cui Stefano si dimostra ancora una volta abile osservatore della realtà che lo circonda.
E allora eccolo snocciolare il fermento di quegli anni fatti di scioperi, di rivoluzioni studentesche e di benzina costosissima.
Stefano ironizza su "chi fa la guerra blaterando nei caffè" e su chi "cercando la rivoluzione ha trovato infine le comodità".
La cosa incredibile è che nonostante siano passati più di 30 anni il brano resta purtroppo attualissimo.
Il giudizio di Stefano è comunque disilluso: "E da migliaia d'anni non cambia la storia...".
Dal punto di vista musicale la canzone ha un ritmo incalzante, sostenuta fin dai primi secondi da un basso pulsante, vero elemento trainante di tutto il pezzo, e da una chitarra elettrica in levare.
Stefano si diverte anche a fare la voce del giornalista radiofonico che racconta notizie di tafferugli inerenti una partita di calcio.





COLPO DI STATO

E tra gente che gesticola con le armi
E tra i nuovi santi illuminati al neon
Sta nascendo un nuovo tipo di ideale
Quello yankee tipo "fatelo da voi".

E tra scioperi d'autonoma estrazione
Lo studente che si interroga da sé
Sta covando forse la rivoluzione
Mentre la signora bene prende il the.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
E qui intanto farà il colpo del caffè.

L'altra sera ha detto la televisione
Si rafforzerà la polizia perché
Ha confuso infine il capo protezione
Beh, non vorrei che poi colpissero anche me

Mentre tu che fingi poi di aver paura
L'ignoranza è nelle cose che non sai
E cerca insomma tu di farti una cultura
E giù libri rilegati e letti mai.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
Metti la benzina e il colpo prende a te.

E c'è chi fa l'estremista per prudenza
Chi comanda rappresaglie e lui non c'è
Chi riempie di farina la credenza
Chi fa guerra blaterando nei caffè.

Poi c'è chi cercando la rivoluzione
Ha trovato infine le comodità
Chi confonde il pranzo con la colazione
Chi confonde la salute con l'età.

E da migliaia d'anni non cambia la storia
Giulio Cesare, Cavour, testa pelata
E il copione ormai lo san tutti a memoria
E la solita, non cambia la menata.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
Vai allo stadio? Aspetta, vengo insieme a te

L'angolo degli accordi:
Re
E tra gente che gesticola con le armi
             Fa#
E tra i nuovi santi illuminati al neon
           Sol                                        Re
Sta nascendo un nuovo tipo di ideale
               Mi                                 La
Quello yankee tipo "fatelo da voi".
            Re
E tra scioperi d'autonoma estrazione
         Fa#
Lo studente che si interroga da sé
          Sol                               Re
Sta covando forse la rivoluzione
Mi                                                    Re
Mentre la signora bene prende il the.
Mim         La
Colpo di stato
                Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re            Sim
Colpo di stato
             Mi                                     Re
E qui intanto farà il colpo del caffè.
Re
L'altra sera ha detto la televisione
         Fa#
Si rafforzerà la polizia perché        
        Sol                                     Re    
Ha confuso infine il capo protezione
                 Mi                                                La
Beh, non vorrei che poi colpissero anche me
Re
Mentre tu che fingi poi di aver paura
        Fa#
L'ignoranza è nelle cose che non sai
                Sol                                     Re
E cerca insomma tu di farti una cultura
   Mi              La                 Re
E giù libri rilegati e letti mai.
Mim         La
Colpo di stato
                Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re             Sim
Colpo di stato
 Mi                                                         Re
Metti la benzina e il colpo prende a te.
Re
E c'è chi fa l'estremista per prudenza
            Fa#
Chi comanda rappresaglie e lui non c'è
         Sol                                Re
Chi riempie di farina la credenza
             Mi                                  La
Chi fa guerra blaterando nei caffè.
Re
Poi c'è chi cercando la rivoluzione
            Fa#
Ha trovato infine le comodità
          Sol                                             Re
Chi confonde il pranzo con la colazione
          Mi                                     La
Chi confonde la salute con l'età.
Re
E da migliaia d'anni non cambia la storia
             Fa#
Giulio Cesare, Cavour, testa pelata
          Sol                                             Re
E il copione ormai lo san tutti a memoria
    Mi                     La                Re
E la solita, non cambia la menata.
Mim         La
Colpo di stato
                 Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re             Sim
Colpo di stato
                                                                       Re
Vai allo stadio? Aspetta, vengo insieme a te

L'angolo delle cover:

A cimentarsi con questo bel brano di Stefano è un gruppo piemontese, "Luciano de Blasi e i Sui Generis".
Hanno esordito nel 2011 con l'album "Contronatura":