lunedì 30 giugno 2014

Lilli's Rag



Secondo e ultimo intermezzo strumentale del disco "Vado, prendo l'America... e torno", si chiama "Lilli's Rag".
Ma come sempre, bando alle ciance e godiamoci la bella chitarra acustica di Stefano:



L'angolo live:

Una bella versione live della canzone:








C'era una volta...forse due




Con "C'era una volta...forse due" Stefano torna alla canzone "favola", e come tutte le favole che si rispettino racchiude in se una morale e ci trasmette insegnamenti di vita.
Dal punto di vista musicale la canzone si discosta molto dalle altre contenute nel disco, probabilmente anche perché l'arrangiamento del pezzo è l'unico non curato da Rosso e da Harris ma bensì dal maestro Gianni Mazza.
Ci sono infine delle piccole somiglianze con la melodia di un'altra canzone di Stefano, "L'osteria del tempo perso".





C'ERA UNA VOLTA...FORSE DUE

C'era una volta o forse due un vecchio topolino
Che viveva in un tombino e non mangiava mai
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
Che viveva in un tombino e non mangiava mai
Passando un giorno o forse due vicino ad un granaio
Incontrò indovina chi, la figlia del mugnaio
Passando un giorno o forse due vicino ad un granaio
Incontrò indovina chi, la figlia del mugnaio
Cantava allegra la Marietta quando fece un gridolino
Perché vide poveretta, vide mouse il topolino
Cantava allegra la Marietta quando fece un gridolino
Perché vide poveretta, vide mouse il topolino
E allora valgo anche qualcosa e allora son temuto
Penso dunque il topolino, il tempo mio è venuto
E allora valgo anche qualcosa e allora son temuto
Penso dunque il topolino, il tempo mio è venuto
Scappò in cucina e aperto il frigo si mangiò due caciottine
Di prosciutto di montagna, solo due fettine
Poi stappò il vino, annata buona e riempito il bicchierone
Disse questo è per Marietta e questo qui per il padrone
Poi stappò il vino, annata buona e riempito il bicchierone
Disse questo è per Marietta e questo qui per il padrone
E mangia, canta, stappa e bevi che sembrava quasi matto
Non si accorse il poveretto che alle spalle c'era il gatto
E mangia, canta, stappa e bevi che sembrava quasi matto
Non si accorse il poveretto che alle spalle c'era il gatto
Non è il tuo posto questo amico disse il servo del padrone
E del vecchio topolino fece un sol boccone
Non è il tuo posto questo amico disse il servo del padrone
E del vecchio topolino fece un sol boccone
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
Che viveva in un tombino e non mangiava mai
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
Che viveva in un tombino e non mangiava mai

L'angolo degli accordi:

Intro:Sol-Re-Sol-Re7-Sol

Sol
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
                                                       Re
Che viveva in un tombino e non mangiava mai
                Sol
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
                                                        Re7     Sol
Che viveva in un tombino e non mangiava mai

Passando un giorno o forse due vicino ad un granaio
                                                 Re
Incontrò indovina chi, la figlia del mugnaio
                     Sol
Passando un giorno o forse due vicino ad un granaio
                                                Re7 Sol
Incontrò indovina chi, la figlia del mugnaio

Cantava allegra la Marietta quando fece un gridolino
                                            Re
Perché vide poveretta, vide mouse il topolino
              Sol
Cantava allegra la Marietta quando fece un gridolino
                                            Re7        Sol
Perché vide poveretta, vide mouse il topolino
             Lab
E allora valgo anche qualcosa e allora son temuto
                                                                 Mib
Penso dunque il topolino, il tempo mio è venuto
             Lab
E allora valgo anche qualcosa e allora son temuto
                                                       Mib7 Lab
Penso dunque il topolino, il tempo mio è venuto

Scappò in cucina e aperto il frigo si mangiò due caciottine
                                                   Mib
Di prosciutto di montagna, solo due fettine
                 Lab
Scappò in cucina e aperto il frigo si mangiò due caciottine
                                                   Mib Lab
Di prosciutto di montagna, solo due fettine

Poi stappò il vino, annata buona e riempito il bicchierone
                                                          Mib7     
Disse questo è per Marietta e questo qui per il padrone
                     Lab
Poi stappò il vino, annata buona e riempito il bicchierone
                                                          Mib7       Lab
Disse questo è per Marietta e questo qui per il padrone

E mangia, canta, stappa e bevi che sembrava quasi matto
                                                                              Mib
Non si accorse il poveretto che alle spalle c'era il gatto
                 Lab
E mangia, canta, stappa e bevi che sembrava quasi matto
                                                         Mib7            Lab
Non si accorse il poveretto che alle spalle c'era il gatto
                    La
Non è il tuo posto questo amico disse il servo del padrone
                                                      Mi
E del vecchio topolino fece un sol boccone
                    La
Non è il tuo posto questo amico disse il servo del padrone
                                                 Mi7 La
E del vecchio topolino fece un sol boccone

C'era una volta o forse due un vecchio topolino
                                                                    Mi
Che viveva in un tombino e non mangiava mai
                La 
C'era una volta o forse due un vecchio topolino
                                                    Mi7          La
Che viveva in un tombino e non mangiava mai

La-Mi-La-Mi7-La


venerdì 27 giugno 2014

Amerika




Continua l'excursus di Rosso per l'America che in questa occasione è anche il titolo della canzone, con la variante della "K" al posto della "C".
Stefano tesse, con molta ironia, le lodi agli States ed elenca alcune delle cose arrivate a noi grazie agli americani, come la cioccolata, le sigarette, il whisky, Topolino e ovviamente tanti dischi di buona musica: "...che ci hai riempito la casa di dischi".
Dal punto di vista musicale la canzone si appoggia ad una chitarra acustica e a delle belle frasi di slide guitar, ma forse i cinque minuti di durata sono troppi per il tipo di melodia e di struttura armonica della canzone.



E ora vediamoci il video di Stefano che esegue "Amerika", in playback, durante la trasmissione televisiva "Discoring", per promuovere l'album.



video





AMERIKA

Capelli lunghi, spalle larghe, occhi azzurri
E un dollaro di più
Due scatolette, un pollice, la voglia e puoi girartela su e giù
Grande Amerika, bella Amerika
E Maggie prese il treno disse niente a i suoi
E non torno mai più
Cercò qualcuna sulla luna
E invece tornò a piangere quaggiù
Quaggiù in Amerika, bella Amerika
Che ci hai portato tanta cioccolata
Sigarette, macchinette e Tom Mix
Che ci hai insegnato che l'amore è bello
E si nasconde dentro i jeans
Che ci hai portato Topolino e il whisky
Che ci hai riempito la casa di dischi
Che ci hai salvato non so bene da cosa
Con il tuo cervello che non si riposa
Brava Amerika, bella Amerika
Spaccare il cielo, spaccare il mare
Spaccare il cuore e non fermarsi mai
E se qualcuno crepa dentro un ghetto
Fai la furba e non lo sai
Grande Amerika, bella Amerika
Bruciare i sogni, bruciare i motori
Bruciare le tappe e non fermarsi mai
Fischiare alle stelle, graffiare la luna
Studiare i pensieri, contare i complessi che hai
Grande Amerika, bella Amerika
Che ci hai insegnato a fare tanti soldi
E dopo quelli a farne ancora di più
Con la speranza che non venga presto il cancro
Soffocando i pochi soldi che hai tu
Che mentre liberavi al sud dei negri
Massacravi musi rossi al nord
Che la mia infanzia è stata bruttina
Perché papà mio non fu Glen Ford
Brava Amerika, bella Amerika
E Maggie fu trovata in un bordello
Non si seppe mai chi fu
Gesù fu messo in croce
E forse giunse un telegramma da laggiù
Dall'Amerika, bella Amerika
Dall'Amerika, grande Amerika
Tutto è Amerika, oh Amerika
Bella Amerika, grande Amerika

L'angolo degli accordi:

Sol                   Lam               Sol
Capelli lunghi, spalle larghe, occhi azzurri
         Lam-Re  Sol
E un dollaro di più
                             Lam          Sol
Due scatolette, un pollice, la voglia
            Lam-Re       Sol
E puoi girartela su e giù
             Do    Sol          Do    Sol
Grande Amerika, bella Amerika
                            Lam            Sol
E Maggie prese il treno disse niente a i suoi
          Lam-Re   Sol
E non torno mai più
                          Lam
Cercò qualcuna sulla luna
   Sol                   Lam-Re       Sol
E invece tornò a piangere quaggiù
                   Do     Sol         Do     Sol
Quaggiù in Amerika, bella Amerika
                 Do
Che ci hai portato tanta cioccolata
Sol
Sigarette, macchinette e Tom Mix
                 Do
Che ci hai insegnato che l'amore è bello
           Sol
E si nasconde dentro i jeans
                 Do
Che ci hai portato Topolino e il whisky
                 Sol
Che ci hai riempito la casa di dischi
                  Do
Che ci hai salvato non so bene da cosa
                 Sol
Con il tuo cervello che non si riposa
           Do    Sol          Do     Sol
Brava Amerika, bella Amerika
                             Lam
Spaccare il cielo, spaccare il mare
Sol                         Lam Re        Sol      
Spaccare il cuore e non fermarsi mai
                        Lam                  Sol
E se qualcuno crepa dentro un ghetto
          Lam     Re      Sol
Fai la furba e non lo sai
             Do   Sol          Do    Sol
Grande Amerika, bella Amerika
                           Lam
Bruciare i sogni, bruciare i motori
Sol                         Lam Re       Sol
Bruciare le tappe e non fermarsi mai
                                Lam
Fischiare alle stelle, graffiare la luna
Sol                          Lam       Re                 Sol
Studiare i pensieri, contare i complessi che hai
             Do   Sol          Do    Sol
Grande Amerika, bella Amerika
                Do
Che ci hai insegnato a fare tanti soldi
            Sol
E dopo quelli a farne ancora di più
                 Do
Con la speranza che non venga presto il cancro
        Sol
Soffocando i pochi soldi che hai tu
                   Do
Che mentre liberavi al sud dei negri
Sol
Massacravi musi rossi al nord
                 Do
Che la mia infanzia è stata bruttina
            Sol
Perché papà mio non fu Glen Ford
           Do   Sol          Do   Sol   
Brava Amerika, bella Amerika
                    Lam              Sol
E Maggie fu trovata in un bordello
            Lam   Re      Sol
Non si seppe mai chi fu
                             Lam
Gesù fu messo in croce
             Sol                Lam      Re    Sol
E forse giunse un telegramma da laggiù
       Do   Sol           Do   Sol
Dall'Amerika, bella Amerika
       Do   Sol             Do    Sol
Dall'Amerika, grande Amerika
            Do  Sol       Do    Sol
Tutto è Amerika, oh Amerika
         Do   Sol             Do   Sol
Bella Amerika, grande Amerika





martedì 24 giugno 2014

Charles - Tema di Charles




"Charles" è un'altra gemma preziosa firmata Stefano Rosso, una canzone allegra e briosa, sostenuta ancora una volta da un pianoforte molto country, così come molto country sono i riff di chitarra che ci accompagnano per tutto il pezzo.
Possiamo facilmente identificare il nostro Stefano con il personaggio di Charles, con cui Rosso dialoga elargendogli i suoi consigli sul mondo della musica: "Non preoccuparti Charles delle canzoni buche, un giorno o l'altro arriva quella buona".
Poi nel corso della canzone, Stefano parla anche di sè:"...anch'io non me la prendo, anche se scrivo ormai da quindici anni, non è importante se poi non vendo...".
Nel finale della canzone, Stefano si unisce a Charles e conclude: "compriamo un po' di vino e stiamo qui a suonare, che cazzo ci sarà da conquistare".
In quest'ultima frase c'è secondo me tutta la filosofia di vita di Stefano o quantomeno il suo modo di approcciarsi al mondo della musica, fatto di allegria  e dal gusto di suonare,  non certo di tutti i protocolli e comportamenti forzati che lo show business imponeva e impone tutt'ora.
In particolare l'amore di Stefano per la sua chitarra era tale che spesso nei suoi concerti ripeteva come fosse stato più fedele al suo strumento piuttosto che alle compagne della sua vita.
Finita la canzone inizia una parte strumentale chiamata "Tema di Charles".







CHARLES

Non preoccuparti Charles delle canzoni buche
Un giorno o l'altro arriva quella buona
Non preoccuparti se s'affacciano le rughe
O se non hai studiato alla Sorbona
Non preoccuparti mai dell'ultimo arrivato
Anche se è un altro poi che t'ha fregato
Ma compra un po' di vino
Suona fino al mattino
E se resisti forse ce la fai
Non preoccuparti Charles che anch'io non me la prendo
Anche se scrivo ormai da quindici anni
Non è importante sai se poi non vendo
E in qualche modo mi sistemo i panni
E all'ultimo arrivato do buona fortuna
In fondo è solo uno che c'ha provato
Mi compro un po' di vino
Suono fino al mattino
E se resisto forse ce la fo
Pensa piuttosto a quello che lasci per strada
Vendendo agli altri il fegato e il cervello
Pensa piuttosto che per male che ti vada
Trovi sempre qualcosa di più bello
Telefona a qualcuno
Prova sulla luna
E se risponde portatela a casa
Poi compra un po' di vino
Fagli la serenata
E se ci riesci fate una scopata
Mio vecchio Charles non preoccuparti mai di niente
Pensa soltanto a far canzoni buone
E se per strada lasci qualche dente
Andrà a far compagnia a tante persone
Non preoccuparti mai dell'ultimo arrivato
Anche se è un altro poi che ci ha fregato
Compriamo un po' di vino
E stiamo qui a suonare
Che cazzo ci sarà da conquistare

L'angolo degli accordi:

Intro:Fa-Sol-Do-Sol-Do

Do
Non preoccuparti Charles delle canzoni buche
                                                   Sol
Un giorno o l'altro arriva quella buona
                                                         Fa
Non preoccuparti se s'affacciano le rughe
    Sol                                Do
O se non hai studiato alla Sorbona

Non preoccuparti mai dell'ultimo arrivato
                                                   Fa
Anche se è un altro poi che t'ha fregato
Fam
Ma compra un po' di vino
Do                 Lam
Suona fino al mattino
Sol                             Do
E se resisti forse ce la fai

Non preoccuparti Charles che anch'io non me la prendo
                                                       Sol
Anche se scrivo ormai da quindici anni
                                                   Fa
Non è importante sai se poi non vendo
        Sol                                      Do
E in qualche modo mi sistemo i panni

E all'ultimo arrivato do buona fortuna
                                              Fa
In fondo è solo uno che c'ha provato
Fam
Mi compro un po' di vino
Do                 Lam
Suono fino al mattino
Sol                              Do
E se resisto forse ce la fo

Pensa piuttosto a quello che lasci per strada
                                                    Sol
Vendendo agli altri il fegato e il cervello
                                                        Fa
Pensa piuttosto che per male che ti vada
          Sol                                Do
Trovi sempre qualcosa di più bello

Telefona a qualcuno, prova sulla luna
                                        Fa
E se risponde portatela a casa
Fam
Poi compra un po' di vino
Do         Lam
Fagli la serenata
Sol                             Do
E se ci riesci fate una scopata

Mio vecchio Charles non preoccuparti mai di niente
                                             Sol
Pensa soltanto a far canzoni buone
                                              Fa
E se per strada lasci qualche dente
             Sol                               Do
Andrà a far compagnia a tante persone

Non preoccuparti mai dell'ultimo arrivato
                                                     Fa
Anche se è un altro poi che ci ha fregato
Fam
Compriamo un po' di vino
Do                   Lam
E stiamo qui a suonare
Sol                            Do
Che cazzo ci sarà da conquistare

L'angolo live:

Ecco una bella versione live di "Charles".
Stefano non rinuncia al gusto della battuta neanche durante l'esecuzione delle sue canzoni, si interrompe infatti sul verso "anche se scrivo ormai da quindici anni" e comincia a scherzare con il pubblico.
Di tutte le canzoni che compongono l'album "Vado, prendo l'America e torno", solo tre sono quelle di cui abbiamo testimonianze audio: "Charles", "Vado" e "Lili's rag".

video

Questa invece è una versione live ancora più vecchia risalente al 1981:





L'angolo delle cover:

Simone Avincola esegue live "Charles":













lunedì 23 giugno 2014

12 Years Old



Ormai per Stefano è abitudine inserire qualche pezzo strumentale nei suoi album, così dopo "Banjorosso" e "Metro's Rag" contenuti in "Io e il Sig.Rosso", ecco "12 Years Old" contenuto in "Vado, prendo l'America e torno", un minuto e trenta secondi per dar spazio all'abilità di Rosso con il suo amato banjo.






Lilly del West



Dalle atmosfere festanti e allegre di "Quella notte che Bessie cantò", passiamo a quelle malinconiche di "Lilly del West".
Le liriche di Stefano sono esplicite e crude, la protagonista infatti "aveva un culo che parlava" e abitava in un posto che "è un po' il cesso del mondo".
Si evince subito che la Lilly narrata da Rosso è un osso duro, che non ama certo le cose romantiche e che alla prima occasione deruba il malcapitato di turno (" Mi risvegliai che già imbruniva, non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni").
Stefano decide di non appesantire la canzone con arrangiamenti che ne avrebbero allentato il "feeling" e registra solamente voce e chitarra acustica.
Ma andiamo anche noi ad incontrare Lilly sull'ottava:




LILLY DEL WEST

Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
Lilly abitava in un buchetto lì vicino
Come nei film o come quando vai a mignotte
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
E l'importante fu passare un'altra notte
Le chiesi fai un po' di caffè
Sbuffò però mi disse si
Portò due sigarette accese e disse
Dacci un taglio con la tua
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
Non è per te se vai cercando gente brava
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
Ci addormentammo che era quasi mezzogiorno
Sognai di stare a casa a scrivere canzoni
Col mare affianco e col giardino tutto intorno
Dove ho lasciato il cane e pochi libri buoni
Mi risvegliai che già imbruniva
Non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni
Chiesi di lei alla donna che puliva
Quella e chi la conosce quella lì
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
Pensai che fosse suo quel letto lì vicino
Come nei film o come quando vai a mignotte
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
E l'importante fu passare un'altra notte
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
Non è per te se vai cercando gente brava
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
Forse quel gatto tra i rifiuti che mangiava




L'angolo degli accordi:

Sol                                                   Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
                     Do             Re               Sol
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
                                                          Lam
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
          Do                       Re            Sol
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
                                                Lam
Lilly abitava in un buchetto lì vicino
                Do               Re                 Sol
Come nei film o come quando vai a mignotte
                                                       Lam
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
    Do                   Re                    Sol
E l'importante fu passare un'altra notte
Mim                          Lam
Le chiesi fai un po' di caffè
Re                             Sol
Sbuffò però mi disse si
Mim                                     Lam
Portò due sigarette accese e disse
 Do                  Re
Dacci un taglio con la tua
Sol                                                  Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
             Do                         Re                     Sol
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
                                                      Lam
Non è per te se vai cercando gente brava
        Do              Re                    Sol
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
                                                      Lam
Ci addormentammo che era quasi mezzogiorno
                Do                 Re         Sol
Sognai di stare a casa a scrivere canzoni
                                                            Lam
Col mare affianco e col giardino tutto intorno
               Do                      Re            Sol
Dove ho lasciato il cane e pochi libri buoni
Mim                          Lam
Mi risvegliai che già imbruniva
 Re                                                      Sol
Non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni
 Mim                                    Lam
Chiesi di lei alla donna che puliva
 Do                               Re     
Quella e chi la conosce quella lì
Sol                                                   Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
                    Do              Re              Sol
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
                                                          Lam
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
           Do                        Re        Sol
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
                                                    Lam
Pensai che fosse suo quel letto lì vicino
                Do               Re                 Sol
Come nei film o come quando vai a mignotte
                                                        Lam
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
    Do                   Re                   Sol
E l'importante fu passare un'altra notte
                                                                    Lam
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
                Do          Re                    Sol
Non è per te se vai cercando gente brava
                                                   Lam
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
                  Do          Re            Sol
Forse quel gatto tra i rifiuti che mangiava


L'angolo delle cover:

Giovanni del Grillo, che è stato anche pianista di Stefano Rosso per cinque anni, canta "Lilly del West":

video









venerdì 20 giugno 2014

Quella notte che Bessie cantò



Dopo la bella "Vado", Stefano è sbarcato in America e con "Quella notte che Bessie cantò" ci fa vivere l'atmosfera di un "night" americano con tanto di piano da "saloon".
Nel testo ancora una volta tanti riferimenti a città degli States come Chicago e New Orleans, quest'ultima famosa non solo per il carnevale ma anche per la musica jazz.
L'atmosfera di festa chiassosa e allegra è palpabile e non si può far a meno di tenere il ritmo con il piede.
Per l'assolo questa volta Stefano sceglie uno strumento insolito ma molto azzeccato vista l'atmosfera della canzone, il "kazoo".





QUELLA NOTTE CHE BESSIE CANTO'

Quella notte che Bessie cantò
Che gran festa si fece a New Orleans
Lobbie al piano fumava
Qualcuno beveva
Quella notte che Bessie cantò
Quella notte che Bessie cantò
D'altre stelle la voce volò
E raggiunse Chicago, qualcuno pensò
Ma son certo più in alto arrivò
E si sentì cantare in mille ritmi "Mississippi blues"
"Mississippi blues"(On the river) "Mississippi blues"
Poi Pigmalione fece un salto
E sopra un tavolo arrivò
E allora tutti a incominciare:grande gara di "Foxtrot"
Quella notte che Bessie cantò
Che gran festa si fece a New Orleans
Lobbie al piano fumava
Qualcuno beveva
Quella notte che Bessie cantò
E si sentì cantare in mille ritmi "Mississippi blues"
"Mississippi blues"(On the river) "Mississippi blues"
Poi Pigmalione fece un salto
E sopra un tavolo arrivò
E allora tutti a incominciare:grande gara di "Foxtrot"
Quella notte che Bessie cantò
Altre stelle a un piano più su
C'era Gianni, che freddo, non cantava più
Lo sa Bessie, lo so io, lo sai tu
La la la la la la la la la la la la la la la ......

L'angolo degli accordi:

Intro:Sib-Fa-Sol-Re-Sol-Do-Fa


            Fa           Do       Fa
Quella notte che Bessie cantò
                            Do              Fa
Che gran festa si fece a New Orleans
                Sib     Mi
Lobbie al piano fumava
 Re7             Fa
Qualcuno beveva
            Re7         Sol      Do
Quella notte che Bessie cantò
            Fa           Do      Fa
Quella notte che Bessie cantò
                         Do    Fa
D'altre stelle la voce volò
    Sib           Mi           Re7         Fa
E raggiunse Chicago, qualcuno pensò
              Sol            Do   Fa
Ma son certo più in alto arrivò
                                                    Sib              Sol
E si sentì cantare in mille ritmi "Mississippi blues"
  Sib              Sol                              Sib             Sol
"Mississippi blues"(On the river) "Mississippi blues"

Poi Pigmalione fece un salto
                  Fa
E sopra un tavolo arrivò
              Sol                                       Do#      Do
E allora tutti a incominciare:grande gara di "Foxtrot"
            Fa           Do      Fa
Quella notte che Bessie cantò
                           Do               Fa
Che gran festa si fece a New Orleans
                Sib     Mi
Lobbie al piano fumava
Re7          Fa
Qualcuno beveva
                            Do      Fa
Quella notte che Bessie cantò

 Assolo:Fa-Do-Fa-Fa-Do-Fa-Sib-Fa-Sol-Sib- Fa
                                                    Sib              Sol
E si sentì cantare in mille ritmi "Mississippi blues"
  Sib             Sol                              Sib             Sol
"Mississippi blues"(On the river) "Mississippi blues"

Poi Pigmalione fece un salto
                  Fa
E sopra un tavolo arrivò
              Sol                                       Do#      Do
E allora tutti a incominciare:grande gara di "Foxtrot"
            Fa           Do       Fa
Quella notte che Bessie cantò
                           Do           Fa
Altre stelle a un piano più su
          Sib              Mi       Re7              Fa
C'era Gianni, che freddo, non cantava più
                              Do           Fa
Lo sa Bessie, lo so  io, lo sai tu
 
La la la la la la la la la la la la la la la ......



mercoledì 18 giugno 2014

Vado



Inizia il viaggio di Stefano Rosso alla conquista dell'America con "Vado".
La canzone ovviamente è piena di riferimenti agli States, ci sono gli yankee, Las Vegas, il poker, Cristoforo Colombo e persino personaggi dei fumetti quali "Il grande Bleck" e "Dinamite Bla".
L'arrangiamento invece strizza l'occhio alla musica country e non poteva mancare l'utilizzo del banjo, strumento molto amato da Stefano.





VADO

Vado, taglio l'atlantico alla grande
Ninetta mia non far domande
Un giorno forse capirai
Vado, con la mia faccia da trentenne
Miseria e fame in FM
Senza il contratto della Rai
Vado dietro la rotta di Colombo
Porto canzoni, libri e piombo
Dannato yankee aspetta là
Vado, sta attento vecchio paperone
Con la tua faccia da ladrone
Che arriva a Dinamite Bla
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Tu Nina mia non piangere perché
Vado, la prendo e la regalo a te
Nina mia bella come una puttana
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Vado, vendicherò tutti i parenti
Partiti intorno agli anni venti
E non tornarono mai più
Vado, con le mie idee coi miei trent'anni
Quello che scotta è nei panni
Sotto un calzone grigio-blù
Vado, compro tutte le noccioline
Spacco un miliardo di vetrine
Poi prendo il piatto con due jack
Vado, Las Vegas, te ti taglio i fili
Poi senza fonde né fucili
Taglio i capelli al grande Bleck
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Tu Nina mia non piangere perché
Vado, la prendo e la regalo a te
Nina mia bella come una puttana
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Vado, taglio l'atlantico alla grande
Ninetta mia non far domande
Un giorno forse capirai
Vado, c'è un vecchio amico che m'aspetta
Lui là s'è fatto la casetta
Chissà se tu m'aspetterai
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Tu Nina mia non piangere perché
Vado, la prendo e la regalo a te
Nina mia bella come una puttana
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai

L'angolo degli accordi:

Intro:Sol- Sol9-Sol

Re7                                     Sol Sol9 Sol
Vado, taglio l'atlantico alla grande
                                R7
Ninetta mia non far domande
                          Sol Sol9 Sol
Un giorno forse capirai
Re7                                     Sol Sol9 Sol
Vado, con la mia faccia da trentenne
                            Re7
Miseria e fame in FM
                                     Sol-Sol9-Sol
Senza il contratto della Rai
Re7                              Sol-Sol9-Sol
Vado dietro la rotta di Colombo
                                  Re7
Porto canzoni, libri e piombo
                                     Sol-Sol9-Sol
Dannato yankee aspetta là
Re7                                   Sol-Sol9-Sol
Vado, sta attento vecchio paperone
                                 Re7
Con la tua faccia da ladrone
                                    Sol-Sol9-Sol
Che arriva a Dinamite Bla
Mi                                                 La
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
                Re                 Re7                   Sol
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Mi                                       La
Tu Nina mia non piangere perché
               Re              Re7      Sol
Vado, la prendo e la regalo a te
               Mi                     La
Nina mia bella come una puttana
                 Re              Re7            Sol
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
            Mi    La  Re   Re7 Sol-Sol9-Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Re7                                Sol-Sol9-Sol
Vado, vendicherò tutti i parenti
                                     Re7
Partiti intorno agli anni venti
                                  Sol-Sol9-Sol
E non tornarono mai più
Re7                                           Sol-Sol9-Sol
Vado, con le mie idee coi miei trent'anni
                                     Re7
Quello che scotta è nei panni
                                      Sol-Sol9-Sol
Sotto un calzone grigio-blù
Re7                             Sol-Sol9-Sol
Vado, compro tutte le noccioline
                                    Re7
Spacco un miliardo di vetrine
                                             Sol-Sol9-Sol
Poi prendo il piatto con due jack
Re7                                         Sol-Sol9-Sol
Vado, Las Vegas, te ti taglio i fili
                               Re7
Poi senza fonde né fucili
                                        Sol-Sol9-Sol
Taglio i capelli al grande Bleck
Mi                                                La
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
                Re                  Re7                  Sol
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Mi                                       La
Tu Nina mia non piangere perché
               Re             Re7       Sol
Vado, la prendo e la regalo a te
                Mi                    La
Nina mia bella come una puttana
                 Re              Re7            Sol
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
            Mi   La  Re   Re7 Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
Re7                                     Sol-Sol9-Sol
Vado, taglio l'atlantico alla grande
                                Re7
Ninetta mia non far domande
                          Sol-Sol9-Sol
Un giorno forse capirai
Re7                                             Sol-Sol9-Sol
Vado, c'è un vecchio amico che m'aspetta
                           Re7
Lui là s'è fatto la casetta
                     Sol-Sol9-Sol
Chissà se tu m'aspetterai
Mi                                                La
E tu Nina mia non piangere ogni giorno
                Re                  Re7                  Sol
Perché io vado, prendo l'America e poi torno
Mi                                       La
Tu Nina mia non piangere perché
               Re              Re7      Sol
Vado, la prendo e la regalo a te
                Mi                     La
Nina mia bella come una puttana
                 Re              Re7             Sol
Ti bacio e scappo che l'America è lontana
            Mi   La  Re   Re7 Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
            Mi    La  Re   Re7 Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
            Mi  La  Re   Re7 Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai
            Mi   La  Re   Re7 Sol
Yakoo lei tu lai  leii o leii ai

L'angolo live:

Una bella versione live acustica della canzone: