lunedì 24 marzo 2014

Colpo di Stato




Il secondo album si sa è sempre il più difficile e Stefano era chiamato a confermare quanto di eccellente  fatto con il suo album di debutto.
Rosso centra il bersaglio con un bellissimo LP intitolato "E adesso senti cosa fo'".
Anche la produzione e l'arrangiamento migliorano notevolmente grazie al contributo di Ruggero Cini, che porta la sua esperienza e professionalità avendo lavorato con artisti del calibro di Dalla, Baglioni e Zero.
L'album si apre con "Colpo di Stato" una canzone dalla forte connotazione politico-sociale in cui Stefano si dimostra ancora una volta abile osservatore della realtà che lo circonda.
E allora eccolo snocciolare il fermento di quegli anni fatti di scioperi, di rivoluzioni studentesche e di benzina costosissima.
Stefano ironizza su "chi fa la guerra blaterando nei caffè" e su chi "cercando la rivoluzione ha trovato infine le comodità".
La cosa incredibile è che nonostante siano passati più di 30 anni il brano resta purtroppo attualissimo.
Il giudizio di Stefano è comunque disilluso: "E da migliaia d'anni non cambia la storia...".
Dal punto di vista musicale la canzone ha un ritmo incalzante, sostenuta fin dai primi secondi da un basso pulsante, vero elemento trainante di tutto il pezzo, e da una chitarra elettrica in levare.
Stefano si diverte anche a fare la voce del giornalista radiofonico che racconta notizie di tafferugli inerenti una partita di calcio.





COLPO DI STATO

E tra gente che gesticola con le armi
E tra i nuovi santi illuminati al neon
Sta nascendo un nuovo tipo di ideale
Quello yankee tipo "fatelo da voi".

E tra scioperi d'autonoma estrazione
Lo studente che si interroga da sé
Sta covando forse la rivoluzione
Mentre la signora bene prende il the.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
E qui intanto farà il colpo del caffè.

L'altra sera ha detto la televisione
Si rafforzerà la polizia perché
Ha confuso infine il capo protezione
Beh, non vorrei che poi colpissero anche me

Mentre tu che fingi poi di aver paura
L'ignoranza è nelle cose che non sai
E cerca insomma tu di farti una cultura
E giù libri rilegati e letti mai.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
Metti la benzina e il colpo prende a te.

E c'è chi fa l'estremista per prudenza
Chi comanda rappresaglie e lui non c'è
Chi riempie di farina la credenza
Chi fa guerra blaterando nei caffè.

Poi c'è chi cercando la rivoluzione
Ha trovato infine le comodità
Chi confonde il pranzo con la colazione
Chi confonde la salute con l'età.

E da migliaia d'anni non cambia la storia
Giulio Cesare, Cavour, testa pelata
E il copione ormai lo san tutti a memoria
E la solita, non cambia la menata.

Colpo di stato
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Colpo di stato
Vai allo stadio? Aspetta, vengo insieme a te

L'angolo degli accordi:
Re
E tra gente che gesticola con le armi
             Fa#
E tra i nuovi santi illuminati al neon
           Sol                                        Re
Sta nascendo un nuovo tipo di ideale
               Mi                                 La
Quello yankee tipo "fatelo da voi".
            Re
E tra scioperi d'autonoma estrazione
         Fa#
Lo studente che si interroga da sé
          Sol                               Re
Sta covando forse la rivoluzione
Mi                                                    Re
Mentre la signora bene prende il the.
Mim         La
Colpo di stato
                Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re            Sim
Colpo di stato
             Mi                                     Re
E qui intanto farà il colpo del caffè.
Re
L'altra sera ha detto la televisione
         Fa#
Si rafforzerà la polizia perché        
        Sol                                     Re    
Ha confuso infine il capo protezione
                 Mi                                                La
Beh, non vorrei che poi colpissero anche me
Re
Mentre tu che fingi poi di aver paura
        Fa#
L'ignoranza è nelle cose che non sai
                Sol                                     Re
E cerca insomma tu di farti una cultura
   Mi              La                 Re
E giù libri rilegati e letti mai.
Mim         La
Colpo di stato
                Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re             Sim
Colpo di stato
 Mi                                                         Re
Metti la benzina e il colpo prende a te.
Re
E c'è chi fa l'estremista per prudenza
            Fa#
Chi comanda rappresaglie e lui non c'è
         Sol                                Re
Chi riempie di farina la credenza
             Mi                                  La
Chi fa guerra blaterando nei caffè.
Re
Poi c'è chi cercando la rivoluzione
            Fa#
Ha trovato infine le comodità
          Sol                                             Re
Chi confonde il pranzo con la colazione
          Mi                                     La
Chi confonde la salute con l'età.
Re
E da migliaia d'anni non cambia la storia
             Fa#
Giulio Cesare, Cavour, testa pelata
          Sol                                             Re
E il copione ormai lo san tutti a memoria
    Mi                     La                Re
E la solita, non cambia la menata.
Mim         La
Colpo di stato
                 Re                                      La
Ma che colpo se lo stato qui non c'è
Re             Sim
Colpo di stato
                                                                       Re
Vai allo stadio? Aspetta, vengo insieme a te

L'angolo delle cover:

A cimentarsi con questo bel brano di Stefano è un gruppo piemontese, "Luciano de Blasi e i Sui Generis".
Hanno esordito nel 2011 con l'album "Contronatura":






Nessun commento:

Posta un commento