lunedì 17 marzo 2014

Compleanno



Insieme a "Letto 26", "Compleanno" è la canzone più autobiografica dell'album "Una storia disonesta".
Stefano immagina di essere consapevole della sua nascita, che sa un po' di fregatura (.."sentivo di aver preso già il bidone") ed elenca le alternative ("potevo stare su gli occhi delle ragazze innamorate"),           ("dentro il cuori di quel pazzo rubacuori di mio padre") o infine ("dove le stelle sono solo stelle").
Un testo quindi molto poetico, che ha una chiosa molto dolce, con un verso dedicato alla sua amata ("e adesso qui con te ho tanta voglia di fare all'amore"), con un finale che sa di voglia di tornare nell'utero materno ("forse perché t'amo o chi lo sà, forse è la voglia di tornare là").
Stefano era molto legato a questo pezzo, che difficilmente mancava di eseguire nei suoi concerti.
Tra l'altro Rosso amava molto esibirsi proprio il giorno del suo compleanno (il 7 dicembre, come ricorda il testo).
L'arrangiamento della canzone è ancora una volta molto essenziale, c'è la consueta chitarra arpeggiata con maestria da Stefano, una base ritmica molto delicata che entra a metà canzone insieme al basso.
La canzone manca di un vero e proprio "middle eight", ovvero del momento in cui si ha una variazione di melodia, una sorta di bridge per intenderci.







COMPLEANNO

Potevo stare là 
e invece presi quella decisione 
sapevo tutto già 
e fu il coraggio forse fu ambizione 
e con gli amici adesso a casa mia 
si parla spesso di filosofia. 

Potevo stare là 
su gli occhi di ragazze innamorate 
e dentro il cuore di 
quel pazzo rubacuori di mio padre 
e quella notte lui non saprà mai 
col vino dell'amore l'ubriacai. 

E il 7 di dicembre stavo là 
"E' nato!" 
il fiocco azzurro sul portone 
io invece in culla giù in maternità 
sentivo d'aver preso già il bidone. 

Potevo stare là 
dove le stelle sono solo stelle 
e invece sono qua 
e vedo quelle tutte quelle belle 
possibile che non ricordo più 
quello che è stato, quello che fu. 

E il 7 di dicembre eccomi qua 
ma non è quello di vent'anni fa 
di quando in culla giù in maternità 
sentivo "C'è qualcosa che non va...". 

E adesso qui con te 
ho tanta voglia di fare all'amore 
ti stringo forte a me 
e sento che mi batte forte il cuore 
e forse è perchè t'amo o chi lo sa 
forse è la voglia di tornare là. 


L'angolo degli accordi:


Capotasto: 1st

Intro: Re-Mim-La-Re-Re-Mim-La

Re               Mim
Potevo stare là
    La                              Re 
e invece presi quella decisione

Re                Mim 
sapevo tutto già 

   La                                  Re
e fu il coraggio forse fu ambizione

Re                                         Mim 
e con gli amici adesso a casa mia

     La                           Re 
si parla spesso di filosofia.   Mim-La-Re

 
Re               Mim
Potevo stare là

          La                                Re 
su gli occhi di ragazze innamorate

Re                     Mim 
e dentro il cuore di

         La                                  Re 
quel pazzo rubacuori di mio padre

Re                                        Mim 
e quella notte lui non saprà mai

 Mim                           La
col vino dell'amore l'ubriacai. 
    Mim     La                 Re               
E il 7 di dicembre stavo là

  Mim 
"E' nato!"

               La                Re 
il fiocco azzurro sul portone 

Mim                     La               Re 
io invece in culla giù in maternità

Mim                                     La 
sentivo d'aver preso già il bidone. 
Re               Mim
Potevo stare là

 La                                   Re 
dove le stelle sono solo stelle 

Re                  Mim 
e invece sono qua 

 La                                    Re
e vedo quelle tutte quelle belle

                                       Mim 
possibile che non ricordo più

                                              La 
quello che è stato, quello che fu.

 
    Mim      La                     Re
E il 7 di dicembre eccomi qua

    Mim             La              Re 
ma non è quello di vent'anni fa

     Mim                 La                Re 
di quando in culla giù in maternità

Mim                                        La 
sentivo "C'è qualcosa che non va...". 
Re                      Mim
E adesso qui con te

              La                         Re 
ho tanta voglia di fare all'amore

Re                      Mim 
ti stringo forte a me

    La                 Mim               Re 
e sento che mi batte forte il cuore

Re                                          Mim 
e forse è perchè t'amo o chi lo sa

                La                    Re 
forse è la voglia di tornare là. 


Coda: Re-Mim-La-Re-Re-Mim-La-Re

L'angolo live:


Il primo live che ci sentiamo è del 2002, Stefano suona al locale romano "Lettere Caffè":



Il secondo invece è del 1993, preso dal cd "Live Folk Studio":


  


L'angolo delle cover:

A cimentarsi con "Compleanno" è il Simone Avincola trio.
Avincola ha anche realizzato un bellissimo documentario su Stefano Rosso dal titolo "L'ultimo Romano" uscito nel 2013.
Dura 55 minuti e fa rivivere questo grande cantautore attraverso le sue bellissime canzoni e le testimonianze di chi lo ha conosciuto.






Nessun commento:

Posta un commento