mercoledì 19 marzo 2014

Anche se fosse peggio



Tocca ad "Anche se fosse peggio" l'onore di chiudere il primo album di Stefano Rosso.
La canzone si apre con una melanconica armonica a bocca (suonata da Luciano Ciccaglioni), così come melanconico è il testo, che tratta tematiche relative ai rapporti umani dove, sempre maggiori e predominanti sono sentimenti quali egoismo e menefreghismo.
Rosso parla anche di politica e lo fa con la sua consueta ironia ("Ho visto gente senza tetto, polli senza petto, ministri senza portafoglio mai").
Nella seconda parte il pezzo si arricchisce ancora di più grazie all'inserimento di un'orchestra d'archi.
La canzone è scelta da Stefano anche per fare da lato B del 45 giri che ha come lato A "Una storia disonesta".
Il 45 giri riscuote un ottimo successo rimanendo in hit parade per ben 18 settimane.







ANCHE SE FOSSE PEGGIO

Bussai con timidezza chiedendo un pò d'amore
Mi dissero: "Spiacente! Ma non compriamo niente!"
Così capì che il mondo regala a chi non da
E chi qualcosa chiede potrebbe anche crepar

Bussai con più veemenza,
Non più con titubanza
Mi dissero: "che vuole?"
"Scusate, un'intervista!"

Così capì che al mondo la gente puoi comprare
E la puoi conquistare facendola parlare

Ho visto gente senza tetto, polli senza petto, ministri senza portafoglio mai
Ho visto un angelo in mutande reggiseni vuoti, spiagge senza vetri mai

E cari amici adesso lo confesso se potessi tutto rifarei
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio non mi stancherei

Bussai con prepotenza..Beh, diciamo con violenza
Mi aprì e disse: "signore, non è in casa il dottore"
Me la portai in cucina facemmo una sveltina
Mi fece anche mangiare per poi ricominciare

Essendo un pò distratto non sento la padrona
Che arriva sul più bello, ci prende per il collo
E dice: "ma che fate? In casa mia v'amate?"
E vestiti cretina e fagli un buon caffè

Ho visto cantautori matti, ladri autodidatti,ministri senza portafoglio mai
Ho visto tanta neve a Roma, calvi con la chioma, dischi con un giro in più
E cari amici adesso lo confesso: "se potesi tutto rifarei"
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio non la tradirei.



L'angolo degli accordi:

Intro: Sol#-Sib-Cm-Fam-Sib-Sol-Cm
                 Cm             Sol           Cm
Bussai con timidezza chiedendo un pò d'amore
Cm                                 Sib                  Mib
Mi dissero: "Spiacente! Ma non compriamo niente!"
                       Fam    Sib                 Mib
Così capì che il mondo regala a chi non da
                       Fam                        Sol
E chi qualcosa chiede potrebbe anche crepar
                        Cm
Bussai con più veemenza
     Sol         Cm
Non più con titubanza
                    Cm
Mi dissero: "che vuole?"
       Sib            Mib
"Scusate, un'intervista!"
                       Fam       Sib              Mib
Così capì che al mondo la gente puoi comprare
                 Fam                      Sol
E la puoi conquistare facendola parlare
             Rem                   Sol                               Do
Ho visto gente senza tetto, polli senza petto, ministri senza portafoglio mai
                  Rem                    Sol                    Do
Ho visto un angelo in mutande reggiseni vuoti, spiagge senza vetri mai
         Fam                                            Do   Fam
E cari amici adesso lo confesso se potessi tutto rifarei
          Do                             Rem                 Sol        Fam            Do
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio non mi stancherei

Sol#-Sib-Cm-Fam-Sib-Sol-Cm
Cm                                    Sol             Cm
Bussai con prepotenza..Beh, diciamo con violenza
Cm                                 Sib                  Mib
Mi aprì e disse: "signore, non è in casa il dottore"
                       Fam    Sib                 Mib
Me la portai in cucina facemmo una sveltina
                      Fam                      Sol
Mi fece anche mangiare per poi ricominciare
                      Cm             Sol           Cm
Essendo un pò distratto non sento la padrona
Cm                                 Sib                  Mib
Che arriva sul più bello, ci prende per il collo
                        Fam    Sib                 Mib
E dice: "ma che fate? In casa mia v'amate?"
                        Fam              Sol
E vestiti cretina e fagli un buon caffè
                Rem               Sol                               Do
Ho visto cantautori matti, ladri autodidatti,ministri senza portafoglio mai
             Rem                     Sol                         Do
Ho visto tanta neve a Roma, calvi con la chioma, dischi con un giro in più
          Fam                                            Do   Fam
E cari amici adesso lo confesso: "se potesi tutto rifarei"
          Do                             Rem                  Sol        Fam    Do
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio non la tradirei.

L'angolo live: Purtroppo solo pochi secondi, ma è sempre un piacere ascoltare il nostro Stefano dal vivo:






Nessun commento:

Posta un commento