mercoledì 26 marzo 2014

Libertà....E scusate se è poco



Una canzone dal testo amaro dedicata a quello che insieme alla salute è il bene più prezioso, la libertà.
Stefano Rosso non nasconde la sua delusione: "i miei sogni li hai lasciati dentro a un bar" e più si va avanti con la canzone più il testo diventa autobiografico: "Io ti ho dato tutto, anche i testi e la mia voglia di cantar".
Non mancano le stoccate alla società e alle sue logiche di sfruttamento: "qui ci amministrano le nascite ed il fumo".
La canzone si apre con degli squilli di trombe mentre il ritmo è tenuto da un tamburo suonato a mo' di marcia e da un organetto.
A metà pezzo, Rosso alza di un tono la canzone come per farci arrivare meglio il suo messaggio sulla cara e amata libertà, che però come dice nel finale: "Quando passi non ti riconosco più".





LIBERTA'....E SCUSATE SE E' POCO

Libertà 
Tutta curva e stanca 
Quando passi non ti riconosco più 
Libertà 
Hai la faccia bianca 
E i miei sogni li hai lasciati dentro ai bar 
O all'osteria sbocciati all'ombra del frascati 
Con quelli nati con la mamma e con papà 
Libertà 
Son più di vent'anni 
Che nei panni di straccione me ne vo 
E coi ragazzi come me solo questioni 
Mentre i capoccia dividevano i milioni 
Libertà 
Io ti ho dato tutto 
Anche i testi e la mia voglia di cantare
Pensare che volevo fare il violinista 
E mi ritrovo a far canzoni da estremista 
Libertà 
M'hai fregato bene 
E coi resti di me stesso eccomi qua 
E con la scusa della crisi e del consumo 
Qui ci amministrano le nascite ed il fumo 
Libertà 
T'ho voluto bene 
Ed insieme a te volò la bella età 
Ma poi ti dissi : Amica sei condizionata 
Da quella volta bella mia ti sei negata 
Libertà 
Come sei invecchiata 
Quando passi non ti riconosco più 
Libertà come sei cambiata 
Quasi quasi penso che non eri tu.

L'angolo degli accordi:


Do
Libertà
                       Rem
Tutta curva e stanca

                                   Sol         Do 
Quando passi non ti riconosco più

Do 
Libertà

                     Rem 
Hai la faccia bianca

                                Sol                    Do
E i miei sogni li hai lasciati dentro ai bar 

Do                                                     Rem
O all'osteria sbocciati all'ombra del frascati

                                   Sol                   Do 
Con quelli nati con la mamma e con papà 

Do
Libertà

                     Rem 
Son più di vent'anni

                            Sol                    Do 
Che nei panni di straccione me ne vo

Do                                          Rem 
E coi ragazzi come me solo questioni

                              Sol              Do 
Mentre i capoccia dividevano i milioni

Do 
Libertà

                     Rem
Io ti ho dato tutto

                                   Sol         Do 
Anche i testi e la mia voglia di cantare

Do                                       Rem
Pensare che volevo fare il violinista

                             Sol               Do 
E mi ritrovo a far canzoni da estremista 

   Re
Libertà 

                      Mim
M'hai fregato bene

                            La                 Re 
E coi resti di me stesso eccomi qua

                                                  Mim 
E con la scusa della crisi e del consumo

                                      La                Re 
Qui ci amministrano le nascite ed il fumo

Re 
Libertà

                    Mim 
T'ho voluto bene 

                         La               Re
Ed insieme a te volò la bella età 

Re                                              Mim
Ma poi ti dissi : Amica sei condizionata 

                                 La                Re
Da quella volta bella mia ti sei negata

Re 
Libertà

                   Mim 
Come sei invecchiata 

                                   La          Re
Quando passi non ti riconosco più

Re                           Mim 
Libertà come sei cambiata

                              La              Re  
Quasi quasi penso che non eri tu.


L'angolo live:

Sentiamoci questa bella versione live del 2003 eseguita al Jailbreak di Roma:




La canzone nel 2001 viene registrata di nuovo da Stefano con un nuovo arrangiamento per l'inclusione nel cd "Il meglio".
Questa volta è la fisarmonica a dettare i ritmi, insieme al basso e al tamburello.
Simpatico anche l'inserimento del violino che entra proprio sul verso "pensare che volevo fare il violinista...".
Completa il quadro un arrangiamento orchestrale e una simpatica coda con Stefano che parla in napoletano.





Nessun commento:

Posta un commento