giovedì 27 marzo 2014

E allora senti cosa fo'



Dal cilindro di Stefano Rosso esce un'altra perla, "E allora senti cosa fo'", una canzone che parla dell'emancipazione femminile e dei problemi che il protagonista ha con la sua lei (...sto pensando a quando tornerai, la speranza è sempre lì e tu chissà dove sarai...).
Si instaura così una lite di coppia, con lui che reagisce ai comportamenti troppo libertari di lei minacciando di diventare qualunquista, anarchico o radicale e di andare al mare senza costume:"e quando al mare vado a culo nudo sto".
La canzone inizia con i bellissimi violini suonati da Tino Fornai e come già fatto per "Pane e Latte" è il ritmo del valzer a farla da padrone.
La canzone venne fatto uscire anche come 45 giri con "Odio chi" sul lato b.
Con questo pezzo Stefano vinse anche un telegatto, che all'epoca era un premio abbastanza ambito. Dopo il telegatto fu invitato a diverse manifestazioni e tra queste una partecipazione al Palasport di Siena. Racconta l'aneddoto lo stesso Stefano durante un'intervista: "Un giornalista mi disse come mai partecipassi con Allora senti cosa fo' nella categoria ballo liscio, ed io risposi: "stai scherzando!", ma era tutto vero, mi fece vedere la scheda dicendo che un certo Mazzetti aveva organizzato il tutto, ovviamente non cantai, diventai triste, pagai l'albergo e il viaggio di ritorno".
Questo aneddoto ci fa capire una volta di più il carattere di Stefano Rosso e come non si piegasse alle logiche di mercato,  evitando così di svendersi e snaturare la sua arte.





E ALLORA SENTI COSA FO'


Cielo grigio cielo blu
ma intanto tu dove sei tu?
e se va avanti cosi' io m'ammazzo giovedi'

Tutto il giorno sto cosi' pensando a quando tornerai
la speranza e' sempre li' e tu chissa' dove sarai

E mentre un uomo prega tu adesso dimmi con chi stai
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento qualunquista anarchico o radicale
e quand'e' carnevale il travestito fo'

Si vabbe' dicevi tu l'indipendenza ma ce l'hai
son due mesi e forse più  e non so ancora dove stai
Compro il pane e torno su e io qui davanti alla TV
compro il pane e torno su ma non sei tornata piu'

E mentre un uomo prega tu adesso dimmi con chi stai
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento femminista mi vesto trasandato
e quando al mare vado a culo nudo sto

Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
e se va avanti cosi' io m'ammazzo giovedì
porca zozza ma lo sai qui il vicinato cosa fa'?
quando passo ride e fa': c'ha le corna quello la'

E tu … tu brutta strega a quanti uomini ti dai?
tua madre invece nega non pensa al male che mi fai

E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
divento liberale non pago piu' le tasse
e giuro mi cascasse se dopo non lo fo'

Non siamo piu' bambini e e' quello che ci frega
e mentre c'e' chi prega c'e' chi fuma al bar

(Parlato)
Si va be' … mo che faccio?
Sposete sposete che quella
te fa' da magna' te lava li panni
quella 'n se lava manco li piedi lei …
Quasi quasi chiamo Daniela!…
Va be' pure quest'artra … bona quella!!!…
“E' mia e me la gestisco da me!”
Meno male che c'e' la sessoautonomia
che e' come i Blue Jeans … non passa mai de moda




L'angolo degli accordi:

Gli accordi che ho messo fanno riferimento alla versione col nuovo arrangiamento del 2001, che differisce dall'originale anche per piccole parti di testo.


LA-
Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
SOL                 MI7               LA-
e se va avanti cosi'io m'ammazzo giovedi'
LA-
Tutto il giorno sto cosi' pensando a quando tornerai
SOL                         MI7              LA-
la speranza e' sempre li' e tu chissa' dove sarai

  RE-7              SOL9      DO
E mentre un uomo prega tu invece chissa' dove stai
     RE-7         SOL9        DO                MI7
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7  Sim       RE-     Mi7  LA
divento qualunquista anarchico o radicale
  FA#-7           SI-7           MI7  LA
e quand'e' carnevale il travestito fo'   

   La-
Si vabbe' dicevi tu l'indipendenza ma ce l'hai
SOL                   MI7              LA-
non ricordo quasi piu'da due mesi dove stai?
LA-
Compro il pane e torno su e io qui davanti alla TV
SOL                       MI7                LA-
compro il pane e torno su ma non sei tornata piu'

  RE-7              SOL9       DO
E mentre un uomo prega tu intanto dimmi con chi stai
     RE-7         SOL9        DO                MI7
ma a te che te ne frega di tutto il male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7 SI-      RE-     MI7   LA
divento femminista mi vesto trasandato
  FA#-           SI-7         MI7  LA
e quando al mare vado a culo nudo sto

LA-
Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu?
SOL                 MI7              LA-
e se va avanti cosi'io m'ammazzo giovedi
LA-
porca zozza ma lo sai qui il vicinato cosa fa'?
SOL                       MI7                LA-
quando passo ride e fa': c'ha le corna quello la'

  RE-7               SOL9    DO
E tu … tu brutta strega a quanti uomini la dai?
    RE-7         SOL9     DO                   MI7
tua madre invece nega non pensa al male che mi fai
    LA              LA7+                     LA6
E allora senti cosa fo' soddisfazione non ti do'
    LA  FA#7  SI-    RE-   MI7      LA
divento liberale non pago piu' le tasse
 FA#-          SI-7   MI7        LA
e giuro mi cascasse se dopo non lo  fo'

          FA#-7     SI-    RE-   MI7       LA
Non siamo piu' bambini e' quello che ci frega
  FA#-            SI-7           MI7     FA FA7+
e mentre c'e' chi prega c'e' chi fuma al bar

Ed eccola qua la versione appunto del 2001, che oltre ad un arrangiamento nuovo di zecca non ha la sezione parlata alla fine, inoltre Stefano si diverte a fare la voce in falsetto quando interpreta la parte femminile, cosa che si divertiva a fare anche durante i concerti :








L'angolo della curiosità:

Di questa canzone esiste anche un videoclip girato da Rosso in RAI e presentato durante la trasmissione Discoring curata da Gianni Boncompagni:



L'angolo live: 


Stefano come al solito gioca e interagisce alla grande con il pubblico e si diverte anche a cambiare qualche frase delle sue canzoni, in questo caso ad esempio dice: "soddisfazione non ti do, divento romanista".
Inoltre come accaduto per molte altre esibizioni non si fa problemi ad interrompere di punto in bianco l'esecuzione del pezzo per rispondere ad una battuta del pubblico, riprendendo poi con maestria come se nulla fosse successo:





Nessun commento:

Posta un commento