lunedì 27 ottobre 2014

Roma, romani e romanisti



La canzone che chiude l'album "Piccolo mondo antico" è anche quella che chiude la carriera musicale di Stefano Rosso e si chiama "Roma, romani e romanisti".
Lo stile è quello usato per "L'ultimo romano" e "Quanno c'era mi' nonno", la canzone-stornello in romanesco.
Il collegamento ideale del pezzo è ovviamente con "Quando partì Noè", con il quale condivide la tematica del diluvio universale, raccontato anche in questa occasione con spirito e ironia, tanto da riuscire a inserirci l'A.S. Roma e il suo essere romanista.
Dopo una breve malattia Stefano Rosso muore a Roma il 15 settembre 2008, ma non morirà mai la sua musica e la sua poesia che continuerà ad accompagnare la vita di tante persone.
Il blog però non si ferma qui, dopo aver analizzato le affascinanti 110 composizioni del suo canzoniere andrò a fare un piccolo resoconto anche delle bellissime performance strumentali contenute in album quali "La chitarra fingerpicking", "Lullaby of Birdland", "Fingerstyle guitar" e "Live at the station".





ROMA, ROMANI E ROMANISTI

Ci fu un diluvio detto universale
Che er Padre Eterno mannò sulla tera
Perché la gente si faceva guera
E non pensava antro che a far male
Salvò solo Noè e la su famija
Dicennoje avete fatto er bene
Così che voi nun passerete pene
All'antri un accidente che je pija
Poi metti insieme coppie de animali
Così che ce ripopolamo er monno
De qua de là pe' quanto e grosso e tonno
E da rifallo bello senza eguali
E poi c'ho sempre sto pensiero in testa
Na chicca come un fiore ne l'occhiello
Da dì che adesso è veramente bello
Che tutti quanti ci faranno festa
Così plasmò la creta co le mani
Presa la puzzolana er travertino
La carce fresca er marmo fino fino
E fece Roma insieme a li romani
E quanno un giorno poi li vide tristi
Senza televisione e senza radio
Intorno a un campo fabbricò no stadio
L'AS Roma co li romanisti
Dicheno che sta storia nun è vera
E l'invidia amichi mii e na cosa brutta
Ma er coloseo San Pietro e via Margutta
E so fiori dell'eterna primavera
Sverti de lingua e lesti co le mani
Forse pe' questo semo i più mar visti
Però nun semo farzi ne razzisti
Che ce volete fa semo romani!

L'angolo degli accordi:

Capotasto:1st fr

Intro: Sim-La-Sim-La-Sim-La-Sim-La

La                                        Sim
Ci fu un diluvio detto universale
            Mi                                     La
Che er Padre Eterno mannò sulla tera
                                        Sim
Perché la gente si faceva guera
    Mi                                        La
E non pensava antro che a far male
Fa#m                            La
Salvò solo Noè e la su famija
Sim                                 Mi
Dicennoje avete fatto er bene
Sim                     Mi            La
Così che voi nun passerete pene
      Sim                                 La
All'antri un accidente che je pija

Sim-La-Sim-La

La                                        Sim
Poi metti insieme coppie de animali
Mi                                      La
Così che ce ripopolamo er monno
                                                       Sim
De qua de là pe' quanto e grosso e tonno
    Mi                             La
E da rifallo bello senza eguali
    Fa#m                                        La
E poi c'ho sempre sto pensiero in testa
Sim                                      Mi
Na chicca come un fiore ne l'occhiello
      Sim                  Mi             La
Da dì che adesso è veramente bello
Sim                                    La
Che tutti quanti ci faranno festa

Sim-La-Sim-La

La                                     Sim
Così plasmò la creta co le mani
Mi                                       La
Presa la puzzolana er travertino
                                                Sim
La carce fresca er marmo fino fino
    Mi                                La
E fece Roma insieme a li romani
    Fa#m                                     La
E quanno un giorno poi li vide tristi
Sim                                   Mi
Senza televisione e senza radio
Sim                          Mi              La
Intorno a un campo fabbricò no stadio
Sim                      La
L'AS Roma co li romanisti

Sim-La-Sim-La

Sib                                         Dom
Dicheno che sta storia nun è vera
    Fa                                          Sib
E l'invidia amichi mii e na cosa brutta
                                                  Dom
Ma er coloseo San Pietro e via Margutta
         Fa                             Sib          
E so fiori dell'eterna primavera
Solm                                    Sib
Sverti de lingua e lesti co le mani
Dom                                           Fa
Forse pe' questo semo i più mar visti
Dom                 Fa        Sib
Però nun semo farzi ne razzisti
Dom                            Sib
Che ce volete fa semo romani!

Dom-Sib-Dom-Sib (Fino a sfumare)


martedì 21 ottobre 2014

Quanno c'era mi' nonno



Si prosegue con il filone delle canzoni in romanesco, e dopo "L'urtimo romano" ecco "Quanno c'era mi' nonno".
La canzone è un vero e proprio stornello e ci parla, come suggerisce il titolo, di un tempo che fu e che ora non esiste più.
Stefano ricorda le scampagnate a San Pancrazio dove si mangiavano fave e pecorino, il tutto annaffiato da un buon vino, ora invece  si mangiano panini e si beve la coca-cola.
Si percepisce la gioia del ricordo e nello stesso momento la nostalgia per i tempi andati, dove ci si divertiva con poco (.."chitarra e mandolino che belle m'briacate..).
L'atmosfera musicale ben si adatta alle liriche di Stefano, con un mandolino squillante e la voce molto modulata, che fa il verso agli stornellatori romani.






QUANNO C'ERA MI' NONNO

Quanno c'era mi' nonno s'annava all'osteria
Che stava a ogni via nun c'era da sbaja
E cor bicchier de vino facevi la zuppetta
Col taralluccio tosto che tosto nun è più
Un'ultima serenata me vojo fa stanotte
Saluto er metronotte e me metto a cantà
Casetta de trastevere e casa de mamma mia
Nun ce so più gerani amprofumà sta via
Quanno pe' scampagnata s'annava a San Pancrazio
Adesso mo' e no strazio falla sull'autostrada
Co dentro al frigo borsa la coca e li panini
Perché sti regazzini magnano ormai così
Noi fava e pecorino e poi la botticella
S'attacavamo a quella mo n'do t'attacchi più
Chitarra e mandolino che belle m'briacate
Tra pizzichi e tastate e tanto pe' cantà
"A bella paciocca e viè qua!"
"E fermo co ste manaccie!"
Casetta de trastevere casa de mamma mia
Nun ce so più gerani amprofumà sta via
Quanno c'era mi' nonno s'annava all'osteria
Che stava a ogni via nun c'era da sbaja


L'angolo degli accordi:

Intro:Rem-Lam-Mi-Lam-Rem-Lam-Mi-Lam

Lam                                Mi                    Lam
Quanno c'era mi' nonno s'annava all'osteria
Rem                    Lam Mi             Lam
Che stava a ogni via nun c'era da sbaja
Rem                    Lam Mi              Lam
E cor bicchier de vino facevi la zuppetta
Rem                Lam Mi                     
Col taralluccio tosto che tosto nun è più
La                  Sim  Mi                 La
Un'ultima serenata me vojo fa stanotte
                        Sim  Mi                 La
Saluto er metronotte e me metto a cantà
                 Sim            Mi                      La
Casetta de trastevere e casa de mamma mia
Rem                Lam   Mi                    Lam
Nun ce so più gerani amprofumà sta via

Rem-Lam-Mi-Lam-Rem-Lam-Mi-Lam

Lam                                 Mi                          Lam
Quanno pe' scampagnata s'annava a San Pancrazio
Rem                    Lam    Mi                Lam
Adesso mo' e no strazio falla sull'autostrada
Rem                      Lam Mi                 Lam
Co dentro al frigo borsa la coca e li panini
Rem               Lam  Mi                     
Perché sti regazzini magnano ormai così
La                     Sim Mi              La
Noi fava e pecorino e poi la botticella
                         Sim   Mi                         La
S'attacavamo a quella mo n'do t'attacchi più
                           Sim Mi                     La
Chitarra e mandolino che belle m'briacate
Rem                   Lam Mi           La
Tra pizzichi e tastate e tanto pe' cantà

La-Sim-Mi-La-La-Sim-Mi-La (Parlato)
"A bella paciocca e viè qua!" "E fermo co ste manaccie!"

La                 Sim      Mi                      La
Casetta de trastevere casa de mamma mia
Rem                Lam   Mi                    Lam
Nun ce so più gerani amprofumà sta via

Rem-Lam-Mi-Lam-Rem-Lam-Mi-Lam

Lam                               Mi                     Lam
Quanno c'era mi' nonno s'annava all'osteria
Rem                    Lam Mi             La
Che stava a ogni via nun c'era da sbaja




lunedì 20 ottobre 2014

L'urtimo romano



Stefano Rosso riveste per un attimo i panni di Trilussa e dopo il sonetto che aveva recitato nell'album "Mortacci", compone una canzone in dialetto romano intitolata "L'urtimo romano".
Stefano quando era piccolo aveva una paura tremenda che la mamma andando a lavorare venisse messa sotto mentre attraversava la strada e questo ha influenzato le liriche di questa canzone ("Fu corpa der semafero bojaccia") come lui stesso ricorda in un'intervista a Giuliano Chiaramonte.
Nella stessa intervista, che potete ascoltare alla fine dell'articolo, Stefano ci parla del titolo della canzone, profetizzando ahimé, che a breve "L'urtimo romano" poteva essere lui stesso.
Nel pezzo troviamo anche un po' di malinconia per una Roma che non c'è più ("E Ponte Sisto che nun se vedeva, pe' le gran machine e je dispiaceva...").
Stefano sceglie un arrangiamento essenziale e si accompagna solamente con una chitarra.
Simone Avincola ha scelto questa canzone per dare il titolo al bel documentario che ha realizzato in omaggio a Stefano Rosso, documentario la cui locandina potete vedere in alto nel blog.








L'URTIMO ROMANO

Quer giorno lui s'era svejato strano
Pure er bastone je tremava in mano
Ma disse:"Faccio un sarto giù d'Augusto"
Compro er giornale e vengo a casa presto
Nun salutò nemmeno Gigi er macellaro
Guardò Trilussa con un soriso amaro
E Ponte Sisto che nun se vedeva
Pe' le gran machine e je dispiaceva
Passò er semafero pe' da n'occhiata ar fiume
Le scalette scese piano piano e là
Se accese mezzo sigaro toscano
Se mise du minuti a riposa
Salutò er pescatore e s'arzo in piedi
Pe risalì sur ponte e che fatica!
E ma lui e non se sentiva vecchio mica
Fu corpa der semafero bojaccia
E rivide Roma bella sotto ar sole d'oro
E giù per fiume scenni er barcarolo
E vide pure tante tante stelle
Erano tutte belle ciumachelle
Poi guardò in cielo e lenta arzò la mano
Scanzò la nuvola pe' potè guardà
Quer sole che oramai troppo lontano
Dava un saluto all'urtimo romano

L'angolo degli accordi:

Intro:Sim-Mi-Lam

Lam
Quer giorno lui s'era svejato strano
                                               Rem
Pure er bastone je tremava in mano
                                                Lam
Ma disse:"Faccio un sarto giù d'Augusto"
                                                        La
Compro er giornale e vengo a casa presto

Nun salutò nemmeno Gigi er macellaro
                                                 Mi
Guardò Trilussa con un soriso amaro

E Ponte Sisto che nun se vedeva
                                               La
Pe' le gran machine e je dispiaceva

Passò er semafero pe' da n'occhiata ar fiume
                                                 Sim
Le scalette scese piano piano e là
     Rem                          Lam
Se accese mezzo sigaro toscano
Sim            Mi               La
Se mise du minuti a riposa

Salutò er pescatore e s'arzo in piedi
                    Lam           Rem
Pe risalì sur ponte e che fatica!
                                                      La
E ma lui e non se sentiva vecchio mica
Mi                                La
Fu corpa der semafero bojaccia

E rivide Roma bella sotto ar sole d'oro
                                                Mi
E giù per fiume scenni er barcarolo

E vide pure tante tante stelle
                                    La
Erano tutte belle ciumachelle

Poi guardò in cielo e lenta arzò la mano
                                         Sim
Scanzò la nuvola pe' potè guardà
         Rem                              La
Quer sole che oramai troppo lontano
               Si                                  La
Dava un saluto all'urtimo romano

L'angolo live:

Una bella versione live eseguita da Stefano a Radio Rock.
Rosso alla fine ci svela che la canzone l'ha composta negli anni '70 per un suo amico che si chiamava Remo de Roma.







sabato 18 ottobre 2014

Barcarola trasteverina




Ed eccoci arrivati al momento del pezzo strumentale, che di solito, è presente in quasi tutti gli album di Stefano Rosso.
Il pezzo si chiama "Barcarola trasteverina" ed è una composizione per flauto e fagotto che Stefano da tempo aveva in mente.
La melodia è dolce, soave e un po' malinconica.
Sentiamocela e poi ascoltiamo anche una breve intervista di Stefano contenuta in "Piccolo mondo antico" in cui accenna proprio a questa composizione.





Ecco lo stralcio dell'intervista in cui Stefano accenna a "Barcarola trasteverina":







venerdì 17 ottobre 2014

S.Maria in Trastevere



Il cerchio si chiude, Stefano Rosso che nei primi album ci aveva raccontato la sua amata Trastevere, descritta con amore e poesia in "Letto 26" o in "Circo" ma anche in altri bellissimi pezzi come "La banda degli zulù" e "Via della Scala", ora ci regala, nel suo ultimo album, quest'altro delizioso acquerello musicale con "S.Maria in Trastevere".
A mio parere è la canzone più bella di "Piccolo mondo antico".
Inizialmente avrebbe dovuto intitolarsi S.Maria del Fosso.





S.MARIA IN TRASTEVERE

S.Maria del Fosso mondo intorno a una fontana
Dove nacquero i miei figli e dove è morta la befana
Dove c'è chi va di fretta e c'è chi ha messo il freno a mano
Dove puoi capir la vita da un'idiota o uno sciamano
S.Maria del Fosso barricata San Callisto
E qualcuno bazzicava lì ma nessuno l'ha più visto
Dove volano cent'anni e stanotte non passa mai
Senza trucchi e senza inganni e le tasche piene di guai
Dove è andata Daniela dove andato papà
Dove è andata la mamma neanche il prete lo sa
Dove è andata la vita è passata di qui
Dove è andato il mio sogno dove è andata Marì
S.Maria del Fosso cosmo intorno a una fontana
Dove vive brava gente e anche i figli di puttana
Dove il sole a mezzanotte si confonde con la luna
Con i ladri e le mignotte e chi è in cerca di fortuna
S.Maria del Fosso barricata San Callisto
Un amico bazzicava lì ma nessuno l'ha più visto
Dove c'è nessuno e tutti c'è il mercante di pensieri
Chi c'è nato e gioca a scacchi col cervello e gli stranieri
Dove è andata Daniela dove andato papà
Dove è andata la mamma neanche il prete lo sa
Dove è andata la vita è passata di qui
Dove è andato il mio sogno dove è andata Marì
S.Maria in Trastevere piazza intorno ad un pallone
Dove un giorno sono nato e c'ho scritto una canzone
Dove nacquero i miei figli dove è morta la befana
Dove vive brava gente e anche i figli di puttana

L'angolo degli accordi:

Intro:Do-Fa-Do-Fa-Do

Do                                     Fa
S.Maria del Fosso mondo intorno a una fontana
                                                          Do
Dove nacquero i miei figli e dove è morta la befana
                                                         Fa
Dove c'è chi va di fretta e c'è chi ha messo il freno a mano
                                               Do
Dove puoi capir la vita da un'idiota o uno sciamano
                              Fa
S.Maria del Fosso barricata San Callisto
                                             Do
E qualcuno bazzicava lì ma nessuno l'ha più visto
                                        Fa
Dove volano cent'anni e stanotte non passa mai
                                                      Do
Senza trucchi e senza inganni e le tasche piene di guai
Rem                              Do
Dove è andata Daniela dove andato papà
Rem                                  Do
Dove è andata la mamma neanche il prete lo sa
Rem                          Do
Dove è andata la vita è passata di qui
Rem                                      Do
Dove è andato il mio sogno dove è andata Marì

Do-Fa-Do-Fa-Do
                                         Fa
S.Maria del Fosso cosmo intorno a una fontana
                                                    Do
Dove vive brava gente e anche i figli di puttana
                                                   Fa
Dove il sole a mezzanotte si confonde con la luna
                                                      Do
Con i ladri e le mignotte e chi è in cerca di fortuna
                              Fa
S.Maria del Fosso barricata San Callisto
                                          Do
Un amico bazzicava lì ma nessuno l'ha più visto
                                               Fa
Dove c'è nessuno e tutti c'è il mercante di pensieri
                                                      Do    
Chi c'è nato e gioca a scacchi col cervello e gli stranieri
Rem                              Do
Dove è andata Daniela dove andato papà
Rem                                  Do
Dove è andata la mamma neanche il prete lo sa
Rem                          Do
Dove è andata la vita è passata di qui
Rem                                     Do
Dove è andato il mio sogno dove è andata Marì
                                              Fa
S.Maria in Trastevere piazza intorno ad un pallone
                                             Do
Dove un giorno sono nato e c'ho scritto una canzone
                                                      Fa
Dove nacquero i miei figli dove è morta la befana
                                                    Do
Dove vive brava gente e anche i figli di puttana

Intro:Do-Fa-Do-Fa-Do

L'angolo delle cover:

Giovanni del Grillo alla pianola e Stefano Migneco alla chitarra eseguono "S.Maria in Trastevere":









mercoledì 15 ottobre 2014

Zia Carlotta



Dopo "Mamma Jole" Rosso dedica una canzone anche alla zia, il titolo è per l'appunto "Zia Carlotta".
Curiosa la scelta del cantautore romano di usare espressioni toscane.
Ritroviamo "Jimmy l'ubriacone" già menzionato in "Roma City blues", ma soprattutto troviamo un Rosso molto in vena sia dal punto di vista lirico che da quello musicale.
Stavolta non è la chitarra a menar le danze ma un bel piano stile "saloon".
Dei cori campionati avrei fatto sinceramente a meno, molto azzeccata invece la sezione di fiati.
Come ultima curiosità da notare l'ennesima stoccata di Rosso a Berlusconi: "...neanche il nano stronzo fino dalla culla".




ZIA CARLOTTA

Zia Carlotta non l'è morta anzi vive insieme a noi
E ogni tanto porta a casa un vecchio amico
Jimmy l'ubriacone che è un barbone non l'è mica pazzo
Mangia beve dorme e non fa mai un cazzo
Non l'è andata a scuola ma l'è colto che c'ha du' coglioni
E ai studenti gli può dar ripetizioni
La politica è il suo forte poi la storia e geografia
Professore nato per l'economia
Dice che il grassone quello che sta sempre alla tivvù
L'è un ladrone di tre cotte anche di più
E quell'altro il piccoletto con la faccia da mammone
E' bucaiolo falso e pure un gran cialtrone
Non lo dico io per carità lo dice l'ubriacone
Che ha girato il mondo e è stato anche in prigione
E ne ha vista tante che ormai non lo stupisce nulla
Neanche il vescovo Brambilla da Fanfulla
Zia Carlotta se lo guarda con la faccia da incantata
Mentre lui racconta il su' passaggio in India
Quando era vegetariano insieme agli uomini insalata
Si grattava il culo tutta la giornata
Fu per lei il su Che Guevara maledetto e vidimicche
Con l'uccello grosso come l'asso a picche
Fu per lei il su' grande amore bello come il Celentano
Mentre lui se la trombava su il divano
Una volta c'ha provato che fu quasi deputato
Ma non era nei suoi panni a fare inganni
E non fu capace mai una volta al meno di rubare
Tanto meno diventar parlamentare
Non lo dico io per carità lo dice l'ubriacone
Che ha girato il mondo e è stato anche in prigione
Che ne ha viste tanto che oramai non lo stupisce nulla
Neanche il nano stronzo fino dalla culla
Zia Carlotta non l'è morta anzi vive insieme a noi
E ogni tanto porta a casa un vecchio amico
Jimmy l'ubriacone che è un barbone non l'è mica pazzo
Mangia beve dorme e non fa mai un cazzo


L'angolo degli accordi:

Intro:Sol-Do-Re-Sol (2 volte)

Sol                                            Do
Zia Carlotta non l'è morta anzi vive insieme a noi
            Re                                          Sol
E ogni tanto porta a casa un vecchio amico
                                                          Do
Jimmy l'ubriacone che è un barbone non l'è mica pazzo
             Re                                         Sol
Mangia beve dorme e non fa mai un cazzo
                                                         Do
Non l'è andata a scuola ma l'è colto che c'ha du' coglioni
        Re                                  Sol
E ai studenti gli può dar ripetizioni
                                                 Do
La politica è il su' forte poi la storia e geografia
        Re                              Sol
Professore nato per l'economia
         Si                                            Mim
Dice che il grassone quello che sta sempre alla tivvù
           Si                                          Mim
L'è un ladrone di tre cotte anche di più
            La                                  Re
E quell'altro il piccoletto con la faccia da mammone
     La                                          Re
E' bucaiolo falso e pure un gran cialtrone
             Sol                          Do
Non lo dico io per carità lo dice l'ubriacone
             Re                                                Sol
Che ha girato il mondo e è stato anche in prigione
                                                     Do
E ne ha vista tante che ormai non lo stupisce nulla
                   Re                                    Sol
Neanche il vescovo Brambilla da Fanfulla

Sol-Do-Re-Sol (Strumentale)

Sol                                              Do
Zia Carlotta se lo guarda con la faccia da incantata
             Re                                           Sol
Mentre lui racconta il su' passaggio in India
                                                          Do       
Quando era vegetariano insieme agli uomini insalata
        Re                            Sol 
Si grattava il culo tutta la giornata
                                                     Do
Fu per lei il su Che Guevara maledetto e vidimicche
        Re                                           Sol
Con l'uccello grosso come l'asso a picche
                                                          Do
Fu per lei il su' grande amore bello come il Celentano
             Re                                Sol
Mentre lui se la trombava su il divano
        Si                                     Mim
Una volta c'ha provato che fu quasi deputato
              Si                                   Mim
Ma non era nei suoi panni a fare inganni
           La                                      Re
E non fu capace mai una volta al meno di rubare
           La                          Re
Tanto meno diventar parlamentare
            Sol                          Do
Non lo dico io per carità lo dice l'ubriacone
             Re                                                Sol
Che ha girato il mondo e è stato anche in prigione
                                                           Do
Che ne ha viste tanto che oramai non lo stupisce nulla
                  Re                                 Sol
Neanche il nano stronzo fino dalla culla

Sol-Do-Re-Sol (4 volte)

La                                             Re
Zia Carlotta non l'è morta anzi vive insieme a noi
            Mi                                          La
E ogni tanto porta a casa un vecchio amico
                                                          Re
Jimmy l'ubriacone che è un barbone non l'è mica pazzo
             Mi                                         La
Mangia beve dorme e non fa mai un cazzo



lunedì 13 ottobre 2014

Piccolo mondo antico




Ed eccoci arrivati a "Piccolo mondo antico", la canzone che da anche il titolo all'album.
Ancora una volta Stefano ci da la sua visione della nostra società, e non è delle più rosee:"Piccolo mondo ormai alla frutta e a modo mio la vedo brutta".
Verso la fine del pezzo la stoccata finale con la considerazione che ci resta solo la precarietà del lavoro mentre regna l'illegalità e siamo sommersi da pubblicità.
Il finale è comico, con Rosso che spara una raffica di "fanculo" veramente liberatori!
Dal punto di vista musicale la canzone è molto curata, il pezzo si apre con una fisarmonica a cui segue una chitarra a tempo di valzer, poi nella parte centrale una parte orchestrale strumentale veramente deliziosa con violini, trombe e flauti.




PICCOLO MONDO ANTICO

Piccolo vecchio mondo antico
Progenie di una coppa "Dico"
Luce caduta in cattività
Nella carnalità dell'animalità
Piccolo buffo mondo antico
Che ti nascondi dietro al fico
Facce da culo, celebrità
Maestri in libertà dell'illegalità
Passò la prima, l'estate bruciò
Venne l'autunno poi inverno gelò
Cadde l'atomica e tutto passò
Anche la pace, si ricominciò
Piccolo mondo ormai alla frutta
E a modo mio la vedo brutta
Ci resta sola la libertà della precarietà
Nella globalità, culi e celebrità
Nell'illegalità e tanta pubblicità
Fanculo, fanculo, fanculo
Fanculo, fanculo, fanculo......

L'angolo degli accordi:

La
Piccolo vecchio mondo antico

Progenie di una coppa "Dico"
Fa                        La
Luce caduta in cattività
Sim             La Sim          La Fam La Fam
Nella carnalità dell'animalità
La
Piccolo buffo mondo antico

Che ti nascondi dietro al fico
Fa                    La
Facce da culo, celebrità
Sim                 La Sim         La Fam La Fam
Maestri in libertà dell'illegalità
                         Sim
Passò la prima, l'estate bruciò
La                             Sim
Venne l'autunno poi inverno gelò
Fa#m  Mi
Cadde l'atomica e tutto passò
Fa#m      Mi
Anche la pace, si ricominciò
La
Piccolo mondo ormai alla frutta

E a modo mio la vedo brutta
Fa                    La       Sim             La
Ci resta sola la libertà della precarietà
Sim            La  Sim             La
Nella globalità, culi e celebrità
Sim          La    Sim              La
Nell'illegalità e tanta pubblicità

Fanculo, fanculo, fanculo
Fanculo, fanculo, fanculo......





giovedì 9 ottobre 2014

Twilight




Un'altra canzone permeata di malinconia, con Stefano che, guardando al passato, vorrebbe tanto riviverlo ("Se potessi io ritornerei laggiù a giocare con gli sbagli della vita").
Twilight in inglese significa crepuscolo, e infatti la canzone ci trasmette questa sensazione di "bilancio di una vita", con i baffi dell'autore che si imbiancano e con la musica che passa e se ne va.
La musica ben si sposa alle liriche, la voce di Rosso ci trasmette come al solito forti emozioni e molto bello è anche l'arrangiamento di violini e di strumenti a fiato.





TWILIGHT

Musica che passa e se ne va
Giocano i bambini in libertà
Come aquiloni volano
Sulle ali delle età
Dove la vita va
Musica che passa e se ne va
Nuvole che il sole scioglie già
Mentre i miei baffi imbiancano
Un'altra estate va
Sulle ali dell'età
Se potessi io ritornerei laggiù
A giocare con gli sbagli della vita
A confondermi coi sogni e le bugie
Con le mie ingenuità
Sulle ali dell'età
Se potessi un altro figlio rifarei
E sentirmi dire: "Pà ti voglio bene!"
E sognare dietro a un calcio ad un pallone
E ritrovarsi là
Sulle ali dell'età
Musica che passa e se ne va
Giocano i bambini in libertà
Come aquiloni volano
Sulle ali dell'età
Sulle ali dell'età
Sulle ali dell'età
Sulle ali dell'età
Sulle ali dell'età
Sulle ali dell'età

L'angolo degli accordi:

Capotasto:2st fr

Intro:Sol-Lam-Re7-Sol-Lam-Sol-Lam-Sol

Lam            Re7              Sol
Musica che passa e se ne va
Lam         Re7                  Sol
Giocano i bambini in libertà
Lam         Re7  Sol
Come aquiloni volano
Lam       Re7    Sol
Sulle ali delle età
Lam      Re7 Sol
Dove la vita va
Lam            Re7              Sol
Musica che passa e se ne va
Lam                Re7             Sol
Nuvole che il sole scioglie già
Lam               Re7  Sol
Mentre i miei baffi imbiancano
Lam        Re7  Sol
Un'altra estate va
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam              Re7        Sol
Se potessi io ritornerei laggiù
Lam                      Re7           Sol
A giocare con gli sbagli della vita
Lam                        Re7         Sol
A confondermi coi sogni e le bugie
Lam           Re7     Sol
Con le mie ingenuità
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam                       Re7         Sol
Se potessi un altro figlio rifarei
Lam                   Re7             Sol
E sentirmi dire: "Pà ti voglio bene!"
Lam                            Re7             Sol
E sognare dietro a un calcio ad un pallone
Lam   Re7  Sol
E ritrovarsi là
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam            Re7               Sol
Musica che passa e se ne va
Lam               Re7           Sol
Giocano i bambini in libertà
Lam          Re7 Sol
Come aquiloni volano
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età

Strumentale:Lam       Re7    Sol (9 volte)

Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età
Lam       Re7    Sol
Sulle ali dell'età




martedì 7 ottobre 2014

Amerika e Alì Babà



Siamo nel 2008 e Stefano Rosso da alle stampe quello che sarà il suo ultimo album: "Piccolo mondo antico".
Ancora una volta il disco è autoprodotto dalla sua etichetta la "Red & Black Music".
L'amico di Stefano, Giuliano Chiaramonte, descrivendo questo disco disse:"la verve da cantautore di Stefano, dopo ben trent'anni di attività, è pressochè intatta e in più ci mostra e ci regala le sue inclinazioni verso la musica classica e la cosiddetta canzone romana".
Il disco si apre con "Amerika e Alì Babà", in cui Stefano sembra già parlare come chi ha lasciato questo mondo: "E da una nuvoletta al nuovo domicilio, vi guarderò stupito tra un sorriso e uno sbadiglio".
Come è nel suo stile, Stefano punta il dito su chi si approfitta del potere: "Dei finti democratici che regnano sovrani" ma anche su chi si fa irretire e raggirare:"Idolatrati semidei che invece sono nani", non rinunciando anche a qualche frase "colorita" che rende però benissimo il concetto: "Viene il sospetto che a prenderlo in culo vi dia gusto".
Dal punto di vista musicale la canzone si apre con un allegro suono di xilofono e di flauti campionati.
Il lavoro, come avvenuto anche col disco "Mortacci" è molto artigianale, ma non per questo di cattiva fattura, anzi, Rosso ci dimostra ancora una volta come il suo talento musicale non sia solo ad esclusivo appannaggio della composizione e della bravura nel suonare la chitarra, ma riguardi anche la sua capacità di arrangiare le canzoni.
Le liriche invece come già accennato sopra sono tutt'altro che dolci e vanno a formare un quadro amaro e triste della nostra società.
Verso la fine, la canzone sale di un tono, espediente a cui Stefano ricorre spesso nelle sue composizioni.




AMERIKA E ALI' BABA'

Quando ritornerò dal mondo della musica
Dove non c'è l'America e nemmeno Alì Babà
Non vi racconterò di leggi sulla fisica
Di nuove religioni e di presunte verità
Dei finti democratici che regnano sovrani
Idolatrati semidei che invece sono nani
Mentre la vita va figli dell'abitudine
Di malcelate voglie e di supposte libertà
Vi rubano le idee la casa i figli e Dio
Scusatemi lo sfogo ma lo stile è quello mio
Quando ritornerò sarò sincero e onesto
Che ai grandi ciarlatani in fondo manca solo questo
Hanno la barca al mare e lo chalet in montagna
E un popolo addestrato che ci fanno la cuccagna
Pensano alla famiglia dai figli alla cognata
Che la fighetta alla tivvù l'hanno già sistemata
Mentre la vita va tra sogni e psicofarmaci
Vi trascinate indomiti scannandovi tra voi
Che colpa avrete mai se in fondo fate il giusto
Viene il sospetto che prenderlo in culo vi dia gusto
Quando ritornerò dal mondo della musica
Dove non c'è l'America e nemmeno Alì Babà
Non vi racconterò di leggi sulla fisica
Di nuove religioni e di fottute verità
Quando ritornerò vi guarderò incantato
Da tanta ingenuità che il pifferaio vi ha suonato
E da una nuvoletta al nuovo domicilio
Vi guarderò stupito tra un sorriso e uno sbadiglio

L'angolo degli accordi:

Intro:Re-Mim-La-Re-Sim-Mim-La-Re

Re                  Mim La                   Re
Quando ritornerò dal mondo della musica
Sim                Mim           La                   Re
Dove non c'è l'America e nemmeno Alì Babà
                        Mim La              Re
Non vi racconterò di leggi sulla fisica
Sim               Mim        La               Re
Di nuove religioni e di presunte verità
La                  Fa#m   Mi               La
Dei finti democratici che regnano sovrani
               Fa#m    Mi                      La
Idolatrati semidei che invece sono nani
Re                  Mim La          Re
Mentre la vita va figli dell'abitudine
Sim               Mim              La            Re
Di malcelate voglie e di supposte libertà
                     Mim La                  Re
Vi rubano le idee la casa i figli e Dio
Sim               Mim            La                Re
Scusatemi lo sfogo ma lo stile è quello mio

Strumentale:Re-Mim-La-Re-Sim-Mim-La-Re
                       Mim La               Re
Quando ritornerò sarò sincero e onesto
Sim                        Mim              La               Re
Che ai grandi ciarlatani in fondo manca solo questo
                            Mim La                         Re
Hanno la barca al mare e lo chalet in montagna
Sim                       Mim            La              Re
E un popolo addestrato che ci fanno la cuccagna
La                 Fa#m     Mi               La
Pensano alla famiglia dai figli alla cognata
                        Fa#m       Mi                    La
Che la fighetta alla tivvù l'hanno già sistemata
Re                  Mim La                  Re
Mentre la vita va tra sogni e psicofarmaci
Sim               Mim      La                      Re
Vi trascinate indomiti scannandovi tra voi
                           Mim La                       Re
Che colpa avrete mai se in fondo fate il giusto
Sim                    Mim                    La              Re
Viene il sospetto che prenderlo in culo vi dia gusto
Mi                  Fa#m Si                   Mi
Quando ritornerò dal mondo della musica
Do#m            Fa#m          Si                   Mi
Dove non c'è l'America e nemmeno Alì Babà
                        Fa#m Si             Mi
Non vi racconterò di leggi sulla fisica
Do#m           Fa#m       Si            Mi
Di nuove religioni e di fottute verità
                       Fa#m Si                   Mi
Quando ritornerò vi guarderò incantato
Do#m               Fa#m            Si             Mi
Da tanta ingenuità che il pifferaio vi ha suonato
                      Fa#m Si                  Mi
E da una nuvoletta al nuovo domicilio
Do#m               Fa#m        Si                  Mi
Vi guarderò stupito tra un sorriso e uno sbadiglio

Strumentale:Mi-Fa#m-Si-Mi-Do#m-Fa#m-Si-Mi



lunedì 6 ottobre 2014

Giordano Bruno



Il disco "Mortacci" viene chiuso non da una canzone ma da un sonetto.
Rosso si traveste per un attimo da Trilussa, o se volete dal Belli, e ci regala questa piccola storia in rima su Giordano Bruno.
Con un simpatico sottofondo musicale, Stefano ci narra la triste fine del frate Domenicano, che fu condannato al rogo perché sosteneva che la terra girava, cosa impensabile per l'epoca.
Sembra di vederlo il nostro Stefano, che a chiosa del sonetto, ride sotto i baffi e ci dispensa uno dei consigli più saggi e antichi del mondo: "Si nun te voi scottà e fatte la bua te devi fa sempre li cazzi tua!".




GIORDANO BRUNO

Giordano Bruno, Frà Domenicano
Fissava il cielo da matina a sera
Rubanno quarche oretta alla preghiera
Pe indovina lassù che cazzo c'era
E a forza de guardà che te scoprì?
Che l'universo nun finiva lì
Se sa li preti 'n so' de bocca bona
Che se je dici che per te è diverso
Diventeno scontrosi e bacchettoni
E si je dici: "Sto pensiero è mio!"
Te dicheno che tu bestemmi Dio
E ai vescovi je fai girà i cojoni
Così se strappò er sajo e annò lontano
Dove fu accorto come 'n gran sapiente
Che ormai non era più Domenicano
E annò a spiegà le cose tra la gente
Parlanno a tutti quanti in italiano
Poiché a quer tempo n'era cispadano
Spiegava che Copernico alemano
Vedeva tutto dentro ar cannochiale
E che si in arto ce buttavi er sasso
Aricadeva si ma sempre là
Poiché la tera e quello che c'è dentro
A istesso modo suo deve girà
Li preti ce trovorno l'eresia
Eppoi 'n Domenicano? No giammai!
Questo ce mette tutti alla berlina
Pure perché se sa che è stato prete
E no spretato ce po' dda assai guai
La gente je po' crede che ne sai?
Cosi se organizzorno pe' l'attacco
Pe'dda a sto gran filosofo lo smacco
Intanto lui:"No est dogma est natura
che facet cose a caso ma co' cura"
Pe' chi c'è avvezzo questo è Panteismo
E Bruno fu accusato d'eretismo
De tradimento puro fu accusato
Che ar Vaticano fede avea giurato
Uno je disse:"Ciai d'avè le prove
pe sostenè che è er monno che se move!"
Lui risponneva: "Ce vedete male
perché non ve comprate er cannochiale?"
Bruno fu preso e condannato ar foco
E se decise pe' Campo de' Fiori
Poi misero Giordano in su la legna
E messe le fascine tutt'intorno
Diedero fiamma a st'arbero vivente
Che fece fine dell'abbacchio ar forno
Era febbraio er giorno diciassette
Quanno Giordano fu messo alle strette
Quanno a Campo de' Fiori er mejo fiore
Venne immolato in nome der signore
Da quelli grandi capi della granne Setta
Che fecero co Bruno la bruschetta
Mo c'è rimasto solo er monumento
De lui se sa ben poco o quasi gnente
Lo so perché l'ho chiesto a tante gente
Resta de lui solo st'insegnamento
Si nun te voi scottà e fatte la bua
Te devi fa sempre li cazzi tua!