mercoledì 26 febbraio 2014

Manù



La genesi di "Manù" è stata più volte raccontata dallo stesso Rosso durante molti suoi concerti, l'ispirazione venne a Stefano nei suoi viaggi in pullman per recarsi alla RCA, la sua casa discografica sita in zona Tiburtina.
Durante il tragitto il pullman passava di fronte ad una baraccopoli  che stava per essere abbattuta, ed una delle ultime baracche era appunto di questo vecchio raggrinzito che Stefano decise di chiamare "Manù", prendendo spunto da una vecchia favola indiana.
La canzone è una ballata essenzialmente acustica ma curata molto nell'arrangiamento, a metà canzone ad esempio fa il suo ingresso il banjo, strumento che col passare degli anni sarà suonato sempre più spesso da Stefano, non solo in studio ma anche durante i suoi concerti.
Verso il finale troviamo anche il violino a conferire alla canzone un tocco gitano, suonato per l'occasione da Tino Fornai.
Completano il quadro dei bellissimi tocchi di slide guitar.

MANU'


La foresta di cemento sotto un cielo grigio e blu,
si svegliava in un momento e contava un giorno in più.

Grida in alto un aeroplano, cerca un nido che non c'è
e quel gatto alcolizzato, ha esaurito i suoi perché

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

E un mago laggiù, guarda il mostro dice cresce bene
poi non pensa più, cerca solo un posto che conviene

E mentre sull'asfalto va, qualcuno ride chi sarà
è Manù il gitano vecchio, che da sopra la collina
prende l'acqua nel suo secchio e s'innaffia la piantina

E tra i panni stesi al vento, su due canne di bambù
dice al mostro di cemento, tu non prenderai Manù

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia un treno e vola via

E un giorno così, che soffiava un vento di tristezza
lui quel giorno capì e chinando il capo all'amarezza

Vide la pianta che bruciò, vide il bambù che si spezzò

E mentre fugge ancora, cercando nel modo qualcosa
un cucciolo d'uomo fisso ad una stella di latta, sta
sognando una rosa
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, su una nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte




L'angolo degli accordi:

Intro: Do-Rem

Do
La foresta di cemento sotto un cielo grigio e blu

       Fa                                       Do
si svegliava in un momento e contava un giorno in più. 

Grida in alto un aeroplano, cerca un nido che non c'è

             Fa                             Do 
e quel gatto alcolizzato, ha esaurito i suoi perché 

                                             Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte 

                                                 Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                         Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia 

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via 
Mim                                      Rem
E un mago laggiù, guarda il mostro dice cresce bene

Mim                                 Rem 
poi non pensa più, cerca solo un posto che conviene 
Sol                           Do    Rem      Sol         Do     Re#   Fa    Sol
E mentre sull'asfalto va, qualcuno ride chi sarà

Do 
è Manù il gitano vecchio, che da sopra la collina

               Rem                                 Do
prende l'acqua nel suo secchio e s'innaffia la piantina 

E tra i panni stesi al vento, su due canne di bambù

             Rem                                    Do 
dice al mostro di cemento, tu non prenderai Manù 

                                             Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                  Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                              Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia

                                                       Do 
da da da da, fischia un treno e vola via
Mim                             Rem
E un giorno così, che soffiava un vento di tristezza

Mim                             Rem 
lui quel giorno capì e chinando il capo all'amarezza 
Sol                           Do    Rem      Sol                  Do
Vide la pianta che bruciò, vide il bambù che si spezzò 

E mentre fugge ancora, cercando nel modo qualcosa

Lam                                              Rem 
un cucciolo d'uomo fisso ad una stella di latta, sta

  Sol                 Do 
sognando una rosa

                                            Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte 

                                                  Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                             Sol
Da da da da, su una nuova ferrovia

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via

                                              Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                   Do 
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                           Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via 

                                              Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                   Do 
da da da da, file d'auto sopra il ponte



Ma andiamo a conoscere Manù, dalla viva voce di Stefano:



L'angolo live:

Un paio di versioni live di questa bella canzone:





lunedì 24 febbraio 2014

La banda degli zulù



Con "La banda degli zulù", Rosso disegna un acquerello della sua amata Trastevere, per la precisione di Santa Maria in Trastevere, con ragazzi che bighellonano senza far nulla vicino ad una fontana, altri che suonano e altri ancora che fanno colletta.
Appena parte la canzone sembra di essere lì insieme a Stefano ad osservare questo spaccato di vita romana.
Nella canzone non poteva mancare la consueta ironia di Stefano: "Ma il governo se un bel giorno cambierà sai che bella fine fanno quelli là...".
Musicalmente il pezzo è molto ritmato con un piano allegro e saltellante a far da contrappunto al cantato di Stefano.
Questa volta le sonorità acustiche vengono lasciate da parte a favore di chitarre elettriche, di un basso corposo e di una batteria incalzante.
Ci sono anche dei cori femminili, che sono a firma del gruppo dei Baba Yaga, formato da Isabella Sodani, Rita Mariano e Patrizia Neri.
Stefano mostrerà il suo apprezzamento per questo pezzo riproponendolo più volte in veste acustica nei suoi concerti dal vivo.

LA BANDA DEGLI ZULU'

Ecco la banda degli zulù
dice la gente di sangue blù 
son tutti matti qualcuno fa 
e un altro dice sarà l'età
Son seduti alla fontana 
non li vogliono nel bar 
non consumano mai niente 
e il barista non ci sta 
io c'ho famija nun se pò fa 

Chi suona il flauto, chi fa colletta 

chi prede il sole e chi va di fretta 
qualcuno ha detto che la madama
fa una retata sulla fontana 
Dice bimba è andata bene ho già fatto mille e sei
due si baciano, uno canta all are ready want to do 
questa è la banda degli zulù 

Poi tramonta il sole e sono ancora la

 e qualcuno il sacco a pelo non ce l'ha
 dice Susy, be venite su da me
 è in crociera il vecchio e a casa posto c'è 

Poi c'è un terzetto che guarda il gruppo

 ma guarda quello, ma quanto è brutto
 e le ragazze che fanno schifo, 
che non si lavano nemmeno il viso
 Ma il governo se un bel giorno cambierà
 sai che bella fine fanno quelli la
poi si voltan, e nel bar entrano a bere

un magnaccia, un ladro e un contrabbandiere.. 

la la lalala.. la la lala



L'angolo degli accordi:


  Do                          Sol 

Ecco la banda degli zulù
               Fa                   Do
dice la gente di sangue blù 
                                    Sol
son tutti matti qualcuno fa 
                 Fa            Do
e un altro dice sarà l'età
        Lab           
Son seduti alla fontana 
              Do
non li vogliono nel bar 
             Lab
non consumano mai niente
         Do 
e il barista non ci sta 
               Sol                    Do
io c'ho famija nun se pò fa 
                                          Sol
Chi suona il flauto, chi fa colletta
                   Fa                      Do
chi prede il sole e chi va di fretta
                                          Sol 
qualcuno ha detto che la madama
              Fa                Do
fa una retata sulla fontana
  Lab                                              Do
Dice bimba è andata bene ho già fatto mille e sei
 Lab                                               Do
due si baciano, uno canta all are ready want to do 
                   Sol               Do
questa è la banda degli zulù. 

  Lam                                             Re
Poi tramonta il sole e sono ancora la
   Lam                                             Do
 e qualcuno il sacco a pelo non ce l'ha
   Lam                                 Re
 dice Susy, be venite su da me
   Do                                  Sol             Do                                                 
 è in crociera il vecchio e a casa posto c'è. 
                                                    Sol
Poi c'è un terzetto che guarda il gruppo 
                     Fa                             Do
 ma guarda quello, ma quanto è brutto
                                      Sol
 e le ragazze che fanno schifo
                   Fa                         Do 
che non si lavano nemmeno il viso
   Lam                                              Re
 Ma il governo se un bel giorno cambierà
   Lam                                     Do
 sai che bella fine fanno quelli la
          Lam                                     Re
poi si voltan, e nel bar  entrano a bere
        Do                        Sol                 Do
un magnaccia, un ladro e un contrabbandiere
                  Sol       Fa      Do
la la lalala.. la la lala la la la  la







L'angolo live:

Come detto in precedenza, Stefano Rosso ha spesso suonato questa canzone dal vivo.
La prima esecuzione che sentiamo è presa da un concerto fatto al "Lettere Caffè" di Roma il 7.6.2002:


La seconda performance invece è tratta da un live al Jailbreak di Roma del 20.11.2003.
Alla fine del pezzo si può sentire Stefano che scherza con il pubblico.
Stefano amava spesso parlare tra una canzone e l'altra, raccontare aneddoti, fare battute e prendere a volte bonariamente in giro il pubblico, con quell'ironia tipica romana, come avviene appunto in questa occasione:














venerdì 21 febbraio 2014

Girotondo

  



Ciao a tutti! Con questo blog andrò ad analizzare tutte le canzoni composte da Stefano Rosso, grande cantautore romano della metà degli anni settanta.
Stefano oltre ad una grande abilità nello scrivere melodie e testi, vi abbina anche una grande tecnica chitarristica.
Il suo marchio di fabbrica è infatti il fingerpicking, letteralmente "pizzicare con il dito", tecnica usata molto dai chitarristi folk e che consiste in un modo di suonare la chitarra utilizzando le dita al posto del plettro.
La caratteristica di questa tecnica è che il pollice della mano destra sostituisce quello che in realtà dovrebbe fare il basso. Il pollice suona quindi una corda bassa che si alterna alle corde alte, che suonanando, creano una melodia.
Ma torniamo al nostro Stefano, che nel corso della sua vita musicale ha raccolto purtroppo meno di quanto meritasse, un po' dovuto forse al suo carattere schietto e sincero che poco si prestava alle logiche e ai compromessi del mondo discografico e dello spettacolo e molto invece dovuto proprio alla grande miopia di molti "addetti ai lavori" che spesso inseguono la pista commerciale e del guadagno facile a scapito della qualità e della bontà della musica.
E poi non scordiamoci mai che i cosidetti esperti musicali (leggasi Decca), rifiutarono un "gruppetto" di Liverpool chiamato Beatles dicendo che l'era dei gruppi con la chitarra stava volgendo al termine!
 Ma ora possiamo entrare nel magico mondo di Rosso, analizzando la prima canzone: "Girotondo".
Questa traccia apriva il primo Lp di Stefano intitolato "Una storia disonesta".
Quando fu ristampato in versione cd il medesimo album ebbe un ordine di pezzi differente, si apriva infatti con la canzone "Manu".

La canzone ha un arrangiamento molto semplice fatto di chitarre e mandolino.
Nella seconda parte entra anche un flauto e Stefano, come ha fatto in molti altri suoi pezzi, alza di una tonalità la canzone, passando dal Sol al La.
Una ballata dolce e sognante nella quale Stefano trasferisce tutta la sua vena malinconica, con  riferimenti all'infanzia ("c'era il pane a tavola e mancava il vino..."), che saranno presenti in molte altre sue canzoni, e con riferimenti politici e sociali ("c'è la bomba a destra si combatte al sud..."), non mancano infine versi ironici che saranno un marchio di fabbrica anche per gli album futuri ("fa la cuccia il vecchio è allo stadio il cane e a chi pensa troppo dopo viene fame..").


GIROTONDO

Quanto è bello il mondo
ti voglio cantar
e se vuoi saperlo
stammi ad ascoltar

Giro-girotondo
gira il mondo e va
gira fino a quando
non si fermerà
fa la cuccia il vecchio
è allo stadio il cane
e a chi pensa troppo
dopo viene fame
la Rivoluzione
quella si farà
come casa nuova
per chi non ce l'ha
e la trippa il gatto
non la mangia più
se lavori, forse,
puoi mangiarla tu
c'è la bomba a destra
si combatte al sud
chiudi la finestra
puoi cadere... giù

Giro-girotondo
gira il mondo e va
gira fino a quando
non si fermerà
sotto i ponti passa
il fiume e se ne va
tu che parli tanto
provalo a fermar
restano i ricordi
della bella età
come i sogni tuoi
che muoiono a metà

Io son nato vecchio
e muoio da bambino
c'era il pane a tavola
e mancava il vino
per compagno il sole
e la libertà
quando piove a casa
tu mi puoi trovar

Giro-girotondo
gira il mondo e va
gira fino a quando
non si fermerà


L'angolo degli accordi:

  Sol                          Do
Quanto e bello il mondo
              Sol
ti voglio cantar
                Do
e se vuoi saperlo
                 Sol
stammi ad ascoltar

Giro-girotondo
                       Do
gira il mondo e va
                   Re
gira fino a quando
            Sol
non si fermerà

fa la cuccia il vecchio
                     Do
è allo stadio il cane
                      Re
e a chi pensa troppo
                 Sol
dopo viene fame

la Rivoluzione 
              Do
quella si farà
                   Re
come casa nuova
                 Sol
per chi non ce l'ha
                   Sim
e la trippa il gatto
                      Re           
non la mangia più

se lavori, forse,
                     Sol
puoi mangiarla tu
                      Sim
c'e la bomba a destra
                    Re
si combatte al sud
                 
chiudi la finestra
          Re7      Sol
puoi cadere... giù

Giro-girotondo
                     Do
gira il mondo e va
                     Re
gira fino a quando
              Sol
non si fermerà
Sol
sotto i ponti passa
                     Re
il fiume e se ne va

tu che parli tanto
                Sol
provalo a fermar
Sol
restano i ricordi
                Do
della bella età
                    Re
come i sogni tuoi
                      Sol
che muoiono a metà
La
Io son nato vecchio
                    Re
e muoio da bambino
                      Mi
c'era il pane a tavola
                   La
e mancava il vino
La
per compagno il sole
         Re
e la libertà
                       Mi
quando piove a casa
                  La
tu mi puoi trovar
La
Giro-girotondo
                     Re
gira il mondo e va
                    Mi
gira fino a quando
              La
non si fermerà

Ma ora sentiamocela questa bella canzone di Stefano Rosso:



L'angolo live: Al momento non esiste, tra versioni live ufficiali e live bootlegs,  una  performance dal vivo di questa canzone.