mercoledì 30 luglio 2014

Angelita



"Angelita" è una delicata ballata acustica di appena due minuti dalle liriche un po' ermetiche.
In questa canzone Stefano si occupa anche dei cori, che danno un po' più di solennità al pezzo.
Completano il quadro un arrangiamento d'archi e il bell'arpeggio di chitarra acustica che ci accompagna per tutta la canzone.






ANGELITA

Angelita quegli occhi Angelita tanti anni d'amore
Ma che ne sanno i poeti cantanti ma che ne sanno
Angelita sul prato Angelita vestita di niente
Ma che ne sanno i pittori e poi che ne sa la gente
Angelita è già notte Angelita rispunta del sole
Ma che ne sanno i soldati del re ma che ne sanno
Angelita la bocca Angelita Gesù t'amo tanto
Ma che ne sanno gli amici e poi lo so io soltanto
E hanno preso la luna e il senso l'hanno comprata
Ma Angelita Angelita Angelita rima baciata
Sanno tutto di tutti e persino sull'ultima stella
Ma di lei non sa niente nessuno e Angelita è più bella
Angelita è lontano Angelita è un tesoro perduto
E i pescatori chissà chissà l'hanno mai saputo
Angelita la strada Angelita ritorna qualcuno
E gli scrittori non lo sanno no non lo sa nessuno
E si fanno la guerra nel senso che si sapeva
E Angelita Angelita Angelita non ci rideva
E ti dicono che domani o fra un anno piove
Lei ci guarda negli occhi e ti insegna due cose nuove
Angelita domani Angelita ti porterò un fiore
Ma che ne sanno dalla luna in giù ma che ne sanno
Angelita domani Angelita è passato già un anno
Ma che ne sanno Gesù Gesù ma che ne sanno

L'angolo degli accordi:

La
Angelita quegli occhi Angelita tanti anni d'amore
                  Mi                                               La
Ma che ne sanno i poeti cantanti ma che ne sanno

Angelita sul prato Angelita vestita di niente
                  Mi                                              La
Ma che ne sanno i pittori e poi che ne sa la gente

Angelita è già notte Angelita rispunta del sole
                  Mi                                              La
Ma che ne sanno i soldati del re ma che ne sanno

Angelita la bocca Angelita Gesù t'amo tanto
                  Mi                                         La         
Ma che ne sanno gli amici e poi lo so io soltanto
              Sim                                           Fa#m
E hanno preso la luna nel senso l'hanno comprata
       Sim                       Mi                 La
Ma Angelita Angelita Angelita rima baciata
           Sim                                             Fa#m
Sanno tutto di tutti e persino sull'ultima stella
          Sim                                                             La
Ma di lei non sa niente nessuno e Angelita è più bella

Angelita è lontano Angelita è un tesoro perduto
              Mi                                           La
E i pescatori chissà chissà l'hanno mai saputo

Angelita la strada Angelita ritorna qualcuno
         Mi                                                  La
E gli scrittori non lo sanno no non lo sa nessuno
       Sim                                            Fa#m
E si fanno la guerra nel senso che si sapeva
    Sim                       Mi                     La
E Angelita Angelita Angelita non ci rideva
       Sim                                              Fa#m
E ti dicono che domani o fra un anno piove
      Sim                                  Mi                       La
Lei ci guarda negli occhi e ti insegna due cose nuove

Angelita domani Angelita ti porterò un fiore
                 Mi                                                  La
Ma che ne sanno dalla luna in giù ma che ne sanno

Angelita domani Angelita è passato già un anno
                  Mi                                         La
Ma che ne sanno Gesù Gesù ma che ne sanno



lunedì 28 luglio 2014

Via del tempo



Con "Via del tempo" Stefano Rosso torna a ricordare il passato, un po' come aveva fatto con "Letto 26", ed ecco allora il ricordo delle prime feste fatte in casa e delle prime cotte, la nonna Amalia con i nipotini e la tanto amata Santa Maria in Trastevere, che molto spesso viene citata nelle sue canzoni e descritta in quest'occasione come "la piazza che ha otto lati fatta intorno alla fontana".
Il pezzo è impreziosito dal violino di Marco Stella che dona alla canzone un'atmosfera folk, il resto lo fanno i bei fraseggi di chitarra acustica e la batteria incalzante di Walter Martino.
Sembra che Stefano avesse dedicato questa canzone ad un suo vecchio amore di gioventù di nome Viola, citata anche nell'ultimo rigo del pezzo.






VIA DEL TEMPO

Ho lasciato qualche amico e tanti sogni da quartiere
E le cose che racconto per un terzo sono vere
E alla piazza che ha otto lati fatta intorno alla fontana
C'ho inventato la mia favola romana
E le ragazze delle prime feste fatte in casa
Hanno riempito scuole, strade di bambini
Il primo legno che ho suonato è diventato fumo
C'avranno fatto il fuoco forse dei cerini
Son passati treni e nuvole quanti fiumi hanno girato
Dalla spiaggia ai monti anch'io ci sono stato
E le rose al mio giardino son tornate anche quest'anno
Come torna l'uva e il vino a fare danno
Dei negozi con le insegne con la scritta di vernice
C'è rimasta un'osteria ma vende quadri
Nelle tasche del cappotto cento lire da cornice
Son sparite insieme ai vecchi buoni ladri
E nonna Amalia coi nipoti e i tavoli di marmo
La lotteria ogni giorno sorteggiava un pollo
E l'immondizia per le strade ogni Capodanno
A noi bambini ci fioriva sopra il collo
Son passate tante lacrime e perché no tanti sorrisi
Le nottate le cambiali e quanti avvisi
Ma il mio diavolo che era andato per seguire una gattina
L'ho rivisto è ritornato stamattina
E m'affaccio alla finestra sembra che chiami qualcuno
Ma come ogni volta poi non c'é nessuno
E ci bevo sulla tazza il caffè alla macchinetta
Perché ho tanto tempo perché non ho fretta
Così mi faccio due minuti di pazienza indiana
Le quattro tecniche non le ho dimenticate
E una serata con gli amici a fine settimana
E poi di corsa tutti incontro a un'altra estate
Son passati treni e nuvole quanti fiumi hanno girato
Dalla spiaggia ai monti anch'io ci sono stato
E le rose al mio giardino son tornate anche quest'anno
Come torna l'uva e il vino a fare danno
Ieri il cielo era coperto e oggi è ritornato blu
Solamente Viola non ritorna più

L'angolo degli accordi:

Intro: Sol-Do-Sol-Re-Sol-Do-Sol

Sol                                                Sim
Ho lasciato qualche amico e tanti sogni da quartiere
        Do                                  Sol
E le cose che racconto per un terzo sono vere
                                                     Sim
E alla piazza che ha otto lati fatta intorno alla fontana
        Do                                Sol
C'ho inventato la mia favola romana
       Lam                                 Sol
E le ragazze delle prime feste fatte in casa
            Lam                                 Sol
Hanno riempito scuole, strade di bambini
              Lam                                      Sol
Il primo legno che ho suonato è diventato fumo
                 Lam                             Sol
C'avranno fatto il fuoco forse dei cerini
        Sim                                      Do
Son passati treni e nuvole quanti fiumi hanno girato
          Sim                                             Re
Dalla spiaggia ai monti anch'io ci sono stato
       Sim                                 Do
E le rose al mio giardino son tornate anche quest'anno
          Sol                   Re             Sol
Come torna l'uva e il vino a fare danno
                                                    Sim
Dei negozi con le insegne con la scritta di vernice
      Do                                        Sol
C'è rimasta un'osteria ma vende quadri
                                        Sim
Nelle tasche del cappotto cento lire da cornice
       Do                                             Sol
Son sparite insieme ai vecchi buoni ladri
               Lam                               Sol
E nonna Amalia coi nipoti e i tavoli di marmo
     Lam                                                Sol
La lotteria ogni giorno sorteggiava un pollo
                Lam                              Sol
E l'immondizia per le strade ogni Capodanno
          Lam                                  Sol
A noi bambini ci fioriva sopra il collo
       Sim                                         Do
Son passate tante lacrime e perché no tanti sorrisi
     Sim                                     Re
Le nottate le cambiali e quanti avvisi
                  Sim                                    Do
Ma il mio diavolo che era andato per seguire una gattina
        Sol         Re          Sol
L'ho rivisto è ritornato stamattina
                                                    Sim
E m'affaccio alla finestra sembra che chiami qualcuno
       Do                                       Sol
Ma come ogni volta poi non c'é nessuno
                                     Sim
E ci bevo sulla tazza il caffè alla macchinetta
                 Do                                      Sol
Perché ho tanto tempo perché non ho fretta
              Lam                            Sol 
Così mi faccio due minuti di pazienza indiana
                  Lam                                 Sol
Le quattro tecniche non le ho dimenticate
           Lam                                 Sol
E una serata con gli amici a fine settimana
              Lam                                      Sol
E poi di corsa tutti incontro a un'altra estate
        Sim                                      Do
Son passati treni e nuvole quanti fiumi hanno girato
          Sim                                              Re
Dalla spiaggia ai monti anch'io ci sono stato
       Sim                                 Do
E le rose al mio giardino son tornate anche quest'anno
          Sol                   Re             Sol
Come torna l'uva e il vino a fare danno
                                                  Do
Ieri il cielo era coperto e oggi è ritornato blu
Sol                      Re              Sol
Solamente Viola non ritorna più







venerdì 25 luglio 2014

Donne



Stefano Rosso omaggia il mondo femminile con la canzone "Donne" che da anche il titolo all'intero album.
Nel testo, fortemente autobiografico, Rosso racconta le sue esperienze di vita con le donne, da quella che dava il suo amore con passione e sincerità a quella che raccontava le bugie, da quella che lo ha "lasciato li a metà" a quella un po' folle.
La melodia è piacevole e orecchiabile ed è impreziosita dalla pedal steel guitar di Mauro Balestra che da alla canzone una marcia in più.
Molto carini anche i cori di beatlesiana memoria.
Stefano mostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, la sua versatilità e la sua facilità a passare da un genere country-blues ad uno pop con ottimi risultati.





DONNE


Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra 
Quante donne quante donne hanno forgiato la mia età
Quante invece m'han lasciato li a metà
Sulla strada che da un bacio va a due passi dalla luna
Quante donne a tutte do buona fortuna
Quante donne quante donne m'hanno detto amore mio
Quante m'hanno allontanato un po' da Dio
Sulla strada che va al prato lì a due passi dal caffè
Quante donne poi buona fortuna a te
Alla donna bruna con gli occhioni neri
Alla donna che ti da un po' di pazzia
Alla donna tutta sentimenti veri
Io sognavo forte e lei volava via
Alla donna che con me ha bevuto il vino
Alla santa e poi alla moglie del vicino
Ma fra tutte canterò la mia canzone che tu sai
Per la donna che non ho baciato mai
Quante donne quante donne dentro al filo dei pensieri
E' già un secolo sembrava solo ieri
Sulla strada che da quanto è la più bella che ci sia
Quante donne ci vediamo a casa mia
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
Alla donna che leggeva le poesie
Alla donna che mi ha preso sotto il cuore
Alla donna che ti da le sue bugie
Quella che se non ti vede un giorno muore
Alla donna che ha bevuto al mio bicchiere
A Lauretta che è aggrottata di follia
Ma fra tutte canterò la mia canzone che tu sai
Per la donna che non ho baciato mai
Quante donne quante donne hanno cambiato la mia vita
Quante ancora perché non è già finita
Sulla strada che dal mare porta a un'isola lontana
Gira il disco e butta l'acqua una fontana
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra 


L'angolo degli accordi:

La             Re       Mi          La
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
                                                              Re
Quante donne quante donne hanno forgiato la mia età  
             Mi                                   La
Quante invece m'han lasciato li a metà
                                                            Re
Sulla strada che da un bacio va a due passi dalla luna
             La                 Mi           La
Quante donne a tutte do buona fortuna
                                                             Re
Quante donne quante donne m'hanno detto amore mio  
             Mi                                           La
Quante m'hanno allontanato un po' da Dio
                                                        Re
Sulla strada che va al prato lì a due passi dal caffè
             La            Mi                     La
Quante donne poi buona fortuna a te
        Re                Sim                    La
Alla donna bruna con gli occhioni neri
         Mi                                  La
Alla donna che ti da un po' di pazzia
        Re              Sim           La
Alla donna tutta sentimenti veri
     Sim                                  Mi
Io sognavo forte e lei volava via
        Re                   Sim                    La
Alla donna che con me ha bevuto il vino
        Mi                                     La
Alla santa e poi alla moglie del vicino
            Re                          La                    Re
Ma fra tutte canterò la mia canzone che tu sai
           Sim                                  Mi
Per la donna che non ho baciato mai
             La                                           Re
Quante donne quante donne dentro al filo dei pensieri
               Mi                              La
E' già un secolo sembrava solo ieri
                                                       Re
Sulla strada che da quanto è la più bella che ci sia
             La          Mi                     La
Quante donne ci vediamo a casa mia
                 Re           Mi      La
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
                 Re           Mi      La
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
        Sim           Mi             La
Alla donna che leggeva le poesie
        Mi                                            La
Alla donna che mi ha preso sotto il cuore
        Sim                             La
Alla donna che ti da le sue bugie  
           Sim                                        Mi
Quella che se non ti vede un giorno muore
        Sim                                      La
Alla donna che ha bevuto al mio bicchiere
    Mi                                        La
A Lauretta che è aggrottata di follia
           Sim                         La                    Sim
Ma fra tutte canterò la mia canzone che tu sai
                                                    Mi
Per la donna che non ho baciato mai
             La                                       Re
Quante donne quante donne hanno cambiato la mia vita
            Mi                                   La
Quante ancora perché non è già finita
                                                    Re
Sulla strada che dal mare porta a un'isola lontana
            La                Mi              La
Gira il disco e butta l'acqua una fontana
                  Re           Mi      La
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra
                  Re           Mi      La
Tu tu tu tu ru ri ra ru tu ri ri ra 


giovedì 24 luglio 2014

Dora dance



Come da tradizione, Stefano Rosso inserisce pezzi strumentali anche nel disco "Donne".
Il pezzo che sentiamo qui si chiama "Dora Dance" ed è eseguito al banjo da Rosso mentre in sottofondo si sente il rumore del mare.







mercoledì 23 luglio 2014

Rosalita




"Rosalita" ci riporta alle atmosfere dell'album "Vado prendo l'America... e torno".
La canzone si apre con un bel fraseggio di chitarra acustica suonata da Gualtiero Cesarini.
Il ritmo è allegro, anche se la storia narrata da Stefano non lo è affatto, infatti Rosalita sotto il sole ardente messicano è costretta a seguire uno yankee che le ha tolto tutto, libertà e dignità.
Alla fine lo yankee muore e Rosalita torna finalmente libera.
Possiamo ritenere questa canzone la "sorella" di Lucky Dallas, anche questa infatti ha un filo narrativo ben preciso, una sorta di mini-storia messa in musica.






ROSALITA

Sotto il sole messicano Rosalita se ne andava
Col rosario nella mano con il cuore che pregava
Poi lo yankee chiese l'acqua ma gli prese pure il cuore
Gli strappò quei due vestiti e fu un alibi d'amore
Se le stelle ci parlassero e cantassero pensieri
Se le lacrime non fossero che sentimenti veri
Vi racconterei che andavano insieme nello Utah
Lui a cavallo che guidava e lei che lo seguiva muta
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
Poi l'inverno americano fatto di televisione
Con pressioni sul cervello per far bella la nazione
Rosalita che affogava tra la noia e i desideri
Lui nei giorni di mercato allontanava quelli neri
Ma la notte di Natale non si accesero le stelle
Certo lui rimase male con due buchi sulla pelle
Rosalita lo guardava mentre il sangue usciva lento
Rosalita che pregava e lui che malediva il vento
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
Rosalita l'hanno vista le tra le valli e le colline
L'hanno vista sul Rio Grande dove il fiume fa confine
Lo sceriffo di Durango giura che l'hanno ammazzata
Rosalita invece è viva e non fu mai trovata
Sotto il sole messicano Rosalita se ne andava
Col rosario nella mano con il cuore che pregava
Poi lo yankee chiese l'acqua ma gli prese pure il cuore
Gli strappò quei due vestiti e fu un alibi d'amore
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
Mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà

L'angolo degli accordi:

Capotasto: 2ft

Intro:Mi
 
Mi                                        La
Sotto il sole messicano Rosalita se ne andava
          Mi                                La
Col rosario nella mano con il cuore che pregava
          Mi                                          Fa#m
Poi lo yankee chiese l'acqua ma gli prese pure il cuore
      Mi                                             Fa#m
Gli strappò quei due vestiti e fu un alibi d'amore
         Mi                            La
Se le stelle ci parlassero e cantassero pensieri
         Mi                                  La
Se le lacrime non fossero che sentimenti veri
        Mi                                 Fa#m
Vi racconterei che andavano insieme nello Utah
         Mi                                         Fa#m
Lui a cavallo che guidava e lei che lo seguiva muta  
Mi  Mi7  La                Mi                      Fa#m            Mi 
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
La                Mi                 Fa#m       Mi
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
La                Mi                    Fa#m           Mi
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
La                Mi                 Fa#m  Mi
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
                                               Fa#m 
Poi l'inverno americano fatto di televisione
        Mi                                        Fa#m
Con pressioni sul cervello per far bella la nazione
     Mi                                   La             
Rosalita che affogava tra la noia e i desideri
             Mi                                Fa#m          
Lui nei giorni di mercato allontanava quelli neri
          Mi                              Fa#m
Ma la notte di Natale non si accesero le stelle
         Mi                                  Fa#m
Certo lui rimase male con due buchi sulla pelle
Mi                                            La
Rosalita lo guardava mentre il sangue usciva lento
Mi                                            La
Rosalita che pregava e lui che malediva il vento
Mi Mi7    La               Mi                      Fa#m           Mi 
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
La                Mi                 Fa#m       Mi
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
La                Mi                    Fa#m           Mi
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
La                Mi                 Fa#m  Mi
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
                                               Fa#m 
Rosalita l'hanno vista le tra le valli e le colline
              Mi                                         Fa#m
L'hanno vista sul Rio Grande dove il fiume fa confine
      Mi                                    La
Lo sceriffo di Durango giura che l'hanno ammazzata
      Mi                                  La
Rosalita invece è viva e non fu mai trovata
            Mi                           Fa#m
Sotto il sole messicano Rosalita se ne andava
       Mi                                   Fa#m
Col rosario nella mano con il cuore che pregava
          Mi                                         Fa#m
Poi lo yankee chiese l'acqua ma gli prese pure il cuore    
      Mi                                            Fa#m
Gli strappò quei due vestiti e fu un alibi d'amore
Mi Mi7    La               Mi                      Fa#m           Mi 
Rosalita, mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
La                Mi                 Fa#m       Mi
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà
La                Mi                    Fa#m           Mi
Mmm mmm mmm salvate il cielo di Rosalita
La                Mi                 Fa#m  Mi
Mmm mmm mmm salvate Rosalita
La                Mi                      Fa#m           Mi 
Mmm mmm mmm salvate gli occhi di Rosalita
La                Mi                 Fa#m       Mi
Mmm mmm mmm salvate la sua libertà







domenica 20 luglio 2014

La casa di Silvia




"La casa di Silvia" ha un testo non memorabile ed una melodia carina, niente di più.
Sembra la tipica canzone di mestiere per rimpolpare un album, ma probabilmente Rosso non la pensava così dato che la scelse per presentarla in tv come promozione del disco.
L'arrangiamento è fatto in gran parte con le tastiere e synth suonati da Romano Musumarra e, cosa insolita per i dischi di Rosso, contiene un assolo di chitarra elettrica nella parte centrale suonato da Silvano Chimenti.






LA CASA DI SILVIA

Quante stelle stanotte sotto il cielo italiano
Quante stelle cucite su quella maglia azzurra
E un ponentino che non viene da lontano
Come donna in amore quasi mi sussurra
Che la casa di Silvia ha una finestra aperta
Che la casa di Silvia ha un buco sulla vita
Troppo caldo stanotte si dorme senza coperta
La sera è già finita
Ma nella casa di Silvia c'è la televisione
Forse mamma e papà guardano un film spinto
Forse fanno l'amore che male c'è
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
che male c'è Silvia guarda il soffitto
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se
Quanti grappoli d'uva sulle strade italiane
Quanti chicchi d'amore quanti capelli neri
Che circondano Silvia e la sua bocca lontana
Vista con dei pensieri dal bosco di Manziana
E la casa di Silvia e a un'ora dalla luna
E la casa di Silvia ha una finestra sul mondo
Che è bello piccolo e tondo
A un 'ora dalla luna dall'autostrada del sole
E nella casa di Silvia c'è la televisione
Forse mamma e papà guardano un film spinto
Forse fanno l'amore che male c'è
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
che male c'è Silvia guarda il soffitto
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se
Quante stelle stanotte sotto il cielo italiano
Quante stelle cucite su quella maglia azzurra
E un ponentino che non viene da lontano
Come una donna in amore quasi mi sussurra
Che la casa di Silvia ha una finestra aperta
Che la casa di Silvia ha un buco sulla vita
Troppo caldo stanotte si dorme senza coperta
E la sera è già finita
Ma nella casa di Silvia c'è la televisione
Forse mamma e papà guardano un film spinto
Forse fanno l'amore che male c'è
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
che male c'è Silvia guarda il soffitto
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se
Silvia
Silvia
Don't let you down
Silvia
Silvia
Don't let you down
Silvia


L'angolo degli accordi:

Capotasto: 1ft

Intro:La-La-Mi-La

La
Quante stelle stanotte sotto il cielo italiano

Quante stelle cucite su quella maglia azzurra
                          Mi
E un ponentino che non viene da lontano
                         La
Come donna in amore quasi mi sussurra

Che la casa di Silvia ha una finestra aperta

Che la casa di Silvia ha un buco sulla vita
                       Mi
Troppo caldo stanotte si dorme senza coperta
                     La
La sera è già finita
                           Re                      La
Ma nella casa di Silvia c'è la televisione
                           Mi
Forse mamma e papà guardano un film spinto
                    La
Forse fanno l'amore che male c'è
                      Re                         La
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
                                             Mi
che male c'è Silvia guarda il soffitto
                                                               La
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se

La-La-Mi-La

Quanti grappoli d'uva sulle strade italiane

Quanti chicchi d'amore quanti capelli neri
                          Mi
Che circondano Silvia e la sua bocca lontana
                      La
Vista con dei pensieri dal bosco di Manziana
                   
E la casa di Silvia e a un'ora dalla luna

E la casa di Silvia ha una finestra sul mondo    
                                  Mi
Che è bello piccolo e tondo
                                                              La
A un 'ora dalla luna dall'autostrada del sole
                        Re                       La
E nella casa di Silvia c'è la televisione    
                          Mi
Forse mamma e papà guardano un film spinto
                    La
Forse fanno l'amore che male c'è
                     Re                          La
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
                                             Mi
che male c'è Silvia guarda il soffitto
                                                               La
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se

Quante stelle stanotte sotto il cielo italiano

Quante stelle cucite su quella maglia azzurra
                          Mi
E un ponentino che non viene da lontano
                                La
Come una donna in amore quasi mi sussurra

Che la casa di Silvia ha una finestra aperta

Che la casa di Silvia ha un buco sulla vita
                      Mi
Troppo caldo stanotte si dorme senza coperta
                        La
E la sera è già finita
                           Re                      La
Ma nella casa di Silvia c'è la televisione
                          Mi
Forse mamma e papà guardano un film spinto
                    La
Forse fanno l'amore che male c'è
                     Re                          La
Nella casa di Silvia qualcuno fa l'amore
                                             Mi
che male c'è Silvia guarda il soffitto
                                                               La
Forse ha gli occhi chiusi e fa l'amore da se

Silvia

Silvia
                      Mi
Don't let you down
     La
Silvia

Silvia
                      Mi
Don't let you down
     La
Silvia

mercoledì 16 luglio 2014

Annetta di Milano



"Annetta di Milano" è una canzone briosa che si regge gran parte sul bel sax di Gianni Oddi.
Si discosta sicuramente da quello che è lo stile di Stefano Rosso ma forse la apprezziamo di più proprio per questo, un'artista infatti deve mettersi in gioco di tanto in tanto e battere strade meno conosciute.





ANNETTA DI MILANO

I pazzi del villaggio son figli di Maria
Così fu presa Annetta e fu portata via
Gli misero le mani legate sopra il cuore
E fuori il finestrino il pesco andava in fiore
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Annetta di Milano che non è mai vestita
E' stato un aquilone tra il cielo e la mia vita
Tra il cielo e la mia vita ci sono gli aeroplani
C'è Dio con le lancette e forse anche i marziani
Ci sono i pescatori vestiti da soldati
Le spiagge quasi libere e pochi innamorati
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Annetta di Milano non scrive neanche un rigo
L'estate è per chi viaggia e il tempo non è amico
E il tempo non è amico dei poveri e i poeti
Che credono alle favole e antichi falsi preti
E hanno rubato il mondo e tutto ciò che fu
E hanno ammazzato Annetta nel nome di Gesù
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Milano è sulla luna e un'altra estate muore
Annetta di Milano ha il mondo alla finestra
E gli occhi consumati son tutto quel che resta
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
I pazzi del villaggio son figli di Maria
Così fu presa Annetta e fu portata via
Gli misero le mani legate sopra il cuore
E fuori il finestrino il pesco andava in fiore
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Annetta di Milano ha il mondo alla finestra
E gli occhi consumati son tutto quel che resta
E tutto quel che resta che vola via lontano
Tra il cielo e la mia vita e Annetta di Milano
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah

L'angolo degli accordi:

Intro:Do-La-Sol-Do-La-Sol

Sol                                 Sim
I pazzi del villaggio son figli di Maria
Do                                 Sol
Così fu presa Annetta e fu portata via
                              Sim
Gli misero le mani legate sopra il cuore
   Do                          Sol
E fuori il finestrino il pesco andava in fiore
Do                            Sim
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Do                  Re            Do             Sol
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Do                                Sim
Annetta di Milano che non è mai vestita
Do             Re                 Do                 Sol
E' stato un aquilone tra il cielo e la mia vita
                                          Sim
Tra il cielo e la mia vita ci sono gli aeroplani
Do                                   Sol
C'è Dio con le lancette e forse anche i marziani
                               Sim
Ci sono i pescatori vestiti da soldati
Do                                    Sol
Le spiagge quasi libere e pochi innamorati
Do                            Sim
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Do                  Re            Do             Sol
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Do                                Sim
Annetta di Milano non scrive neanche un rigo
Do                       Re             Do                Sol
L'estate è per chi viaggia e il tempo non è amico
                                      Sim
E il tempo non è amico dei poveri e i poeti
Do                                    Sol
Che credono alle favole e antichi falsi preti
                                           Sim
E hanno rubato il mondo e tutto ciò che fu
Do                                               Sol
E hanno ammazzato Annetta nel nome di Gesù
Do                           Sim
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Do                  Re       Do                Sol
Milano è sulla luna e un'altra estate muore
Do                                 Sim
Annetta di Milano ha il mondo alla finestra
Do             Re                   Do                 Sol
E gli occhi consumati son tutto quel che resta
Do La Sol            Do            La Sol
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Do La Sol            Do            La Sol
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Do      Sol                        Do      Sol
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Sol                                  Sim
I pazzi del villaggio son figli di Maria
Do                                 Sol
Così fu presa Annetta e fu portata via
                              Sim
Gli misero le mani legate sopra il cuore
Do                             Sol
E fuori il finestrino il pesco andava in fiore
Do                           Sim
Guardategli le mani guardategli anche il cuore
Do                   Re          Do              Sol
Milano è sulla luna e un altro sogno muore
Do                                 Sim
Annetta di Milano ha il mondo alla finestra
Do             Re                   Do                 Sol
E gli occhi consumati son tutto quel che resta
Do                                    Sol
E tutto quel che resta che vola via lontano
Do                          Re      Do            Sol
Tra il cielo e la mia vita e Annetta di Milano
Do La Do            Sol       Do La Sol
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah
Do      Sol                        Do      Sol
Ah ah Annetta di Milano ah ah Annetta ah ah




domenica 13 luglio 2014

Come te



E' passato appena un anno dalla pubblicazione del bell'album "Vado, prendo l'America... e torno" e Stefano è già pronto a pubblicare un nuovo lavoro, anche questo è una sorta di "concept album", dopo aver infatti dedicato un Lp all'America ora ne dedica uno alle donne.
Si intitola per l'appunto "Donne" il nuovo disco che è esce nel 1982 sempre sotto etichetta Lupus, ed è ovviamente tutto dedicato all'universo femminile.
L'album è registrato agli studi Titania di Roma ed il tecnico del suono è Giampaolo Beltrame, mentre il fratello Maurizio si occupa della copertina dell'album che ritrae Stefano Rosso che imbraccia la chitarra acustica mentre dietro di lui campeggia la città di New York con i suoi grattacieli.
Le musiche sono tutte arrangiate da Rosso.
La prima traccia si chiama "Come te" ed è un pezzo prevalentemente acustico con la voce di Stefano registrata con molto riverbero e i sintetizzatori a ricreare un curioso e bizzarro effetto cornamusa.
Il pezzo diciamolo non è esaltante e risulta un po' ripetitivo nella sua progressione armonica.
Va detto anche che dopo un disco come "Vado, prendo l'America... e torno" in cui Rosso aveva scritto una canzone più bella dell'altra era sicuramente difficile fare di meglio e comunque il prosieguo di "Donne" ci regalerà altre canzoni di qualità.

video





COME TE

Come te apro gli occhi e penso un poco a Dio
Come te e mi chiedo se poi esiste il mio
E tu sai non sono più un bambino
Ho passato da un bel po' i vent'anni
Mi avvicino così più a tuo padre
Anche se io porto meglio i panni
Come te apro gli occhi e la televisione
Come te io mi sveglio e fischio una canzone
E ho bisogno di bagnarmi gli occhi
Con la pioggia un attimo di gioia
Ho bisogno che un po' tu mi tocchi
E di allontanare questa noia
Come te apro gli occhi e non mi frega niente
Come te ho bisogno invece della gente
E così domani usciamo insieme
E staremo attenti a non far figli
Fino al giorno in cui non ci conviene
Con l'amore ammezzerai i confini
Come te ho bisogno di sentirmi vivo
Come te prima buona e dopo un po' cattivo
Come il primo giorno della scuola
Come quando si formò alla svelta
Come in cielo un asino che vola
Come quella frase maledetta
Come te
E così domani usciamo insieme

E staremo attenti a non far figli
Fino al giorno in cui non ci conviene
O diventeremo dei conigli
Come te apro gli occhi e penso un poco a Dio
Come te e mi chiedo se poi esiste il mio
E tu sai non sono più un bambino
Ho passato da un bel po' i vent'anni
Mi avvicino così più a tuo padre
Anche se io porto meglio i panni
Come te
Come te
Come te
Come te

L'angolo degli accordi:

Intro: Sol-Do-Re (2 volte)

Sol                      Do                                  Re
Come te apro gli occhi e penso un poco a Dio
Sol                 Do                             Re
Come te e mi chiedo se poi esiste il mio
Sol
E tu sai non sono più un bambino
Do                                         Re
Ho passato da un bel po' i vent'anni
        Sol
Mi avvicino così più a tuo padre
           Do                           Re
Anche se io porto meglio i panni
 Sol                     Do                 Re
Come te apro gli occhi e la televisione
 Sol                 Do                                 Re
Come te io mi sveglio e fischio una canzone
         Sol
E ho bisogno di bagnarmi gli occhi
            Do                            Re
Con la pioggia un attimo di gioia
      Sol
Ho bisogno che un po' tu mi tocchi
        Do                        Re
E di allontanare questa noia
 Sol                     Do                             Re
Come te apro gli occhi e non mi frega niente
 Sol             Do                             Re
Come te ho bisogno invece della gente
    Sol
E così domani usciamo insieme
    Do                                  Re
E staremo attenti a non far figli
             Sol
Fino al giorno in cui non ci conviene
         Do                             Re
Con l'amore ammezzerai i confini
 Sol             Do                           Re
Come te ho bisogno di sentirmi vivo
 Sol                  Do                             Re
Come te prima buona e dopo un po' cattivo
              Sol 
Come il primo giorno della scuola
           Do                            Re
Come quando si formò alla svelta
               Sol
Come in cielo un asino che vola
           Do                     Re
Come quella frase maledetta
Sol
Come te

E così domani usciamo insieme
    Do                                  Re
E staremo attenti a non far figli
            Sol
Fino al giorno in cui non ci conviene
     Do                     Re
O diventeremo dei conigli
Sol                      Do                                  Re
Come te apro gli occhi e penso un poco a Dio
Sol                 Do                             Re
Come te e mi chiedo se poi esiste il mio
       Sol
E tu sai non sono più un bambino
      Do                               Re
Ho passato da un bel po' i vent'anni
             Sol
Mi avvicino così più a tuo padre
           Do                           Re
Anche se io porto meglio i panni
Sol          Do     
Come te
Sol          Do     
Come te
Sol          Do     
Come te
Sol          Do     
Come te