mercoledì 30 aprile 2014

La rosa e il gabbiano


Brano sicuramente minore della discografia di Rosso, diciamo quei brani di mestiere che servono da riempitivo per un album, ciò non toglie che anche quando fa brani di "mestiere" Rosso li rende particolarmente piacevoli e accattivanti.
E' questo il caso di "La rosa e il gabbiano", una canzone filastrocca, forse diretta ai più piccini, un po' come fecero i grandi Toquinho e Vinicius de Morases scrivendo canzoni come "A casa" e "O caderno".






LA ROSA E IL GABBIANO

In via dei santi al 1° piano, c'era una rosa ed un gabbiano 
Poi venne un vento forte a destra, sbatteva i vetri e la finestra 

In via dei santi al 1° piano, chi dava il cuore e chi una mano 
Adesso resta quel che resta, non è più facile far festa 

In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì 
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 

Lalala lalala, lalala lala 

In via dei santi al 1° piano, la penna andava un pò lontano 
Per il gabbiano e la sua sposa, egli cantava alla sua rosa 

In via dei santi al 1° piano, c'era un bambino ed era strano 
Non può un bambino viver la, dove non c'è felicità 

In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì 
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 

Lalala lalala, lalala lala 

E adesso resta quel che resta, passava il santo e la sua festa 
In via dei santi al 1° piano, chi dava il cuore e chi una mano 

E adesso forse son contenti, ma son rimasti solo i denti 
In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì 
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 

Lalala lalala, lalala lala 

In via dei santi al 1° piano, c'era una rosa ed un gabbiano 
Aprendo le ali lui fuggì, e per la tristezza lei appassì 

Lalala lalala, lalala lala 
Lalala lalala, lalala lala 

Lalala, lalala, lalala 


L'angolo degli accordi:


Mi                             La      Mi                              La
In via dei santi al 1° piano, c'era una rosa ed un gabbiano
                     Fa#m             Mi         La                          Mi 
Poi venne un vento forte a destra, sbatteva i vetri e la finestra 
Mi                              La     Mi                                      La
In via dei santi al 1° piano, chi dava il cuore e chi una mano 

 Fa#m                          Mi       La                          Mi                           
Adesso resta quel che resta, non è più facile far festa 
               La    FA#m  Mi                   La          Fa#m      Mi
In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì

               La    Fa#m    Mi                            La                 Fa#m     Mi
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 
La      Mi   Fa#m Mi  La  Fa#m  Mi
Lalala lalala, lalala lala lala la la la
Mi                             La      Mi                                 La
In via dei santi al 1° piano, la penna andava un pò lontano

         Fa#m                    Mi             La                      Mi
Per il gabbiano e la sua sposa, egli cantava alla sua rosa 
Mi                             La      Mi                                   La
In via dei santi al 1° piano, c'era un bambino ed era strano 

                   Fa#m              Mi                 La        Mi
Non può un bambino viver la, dove non c'è felicità 
               La    FA#m  Mi                   La          Fa#m      Mi
In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì

               La    Fa#m    Mi                            La                 Fa#m     Mi
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 
La      Mi   Fa#m Mi  La  Fa#m   Mi
Lalala lalala, lalala lala lala lala la la 
La                                  Mi      La                                   Mi
E adesso resta quel che resta, passava il santo e la sua festa 

               Mi            Fa#m                    Mi                    Fa#m
In via dei santi al 1° piano, chi dava il cuore e chi una mano

    La                       Mi                          La              Mi                                            
E adesso forse son contenti, ma son rimasti solo i denti

               La    FA#m  Mi                   La          Fa#m      Mi
In via dei santi c'era chi, cantava il sabato chi invece il lunedì

               La    Fa#m    Mi                            La                 Fa#m     Mi
In via dei santi adesso c'è, chi ha chiuso il mondo in una tazza di caffè 
La      Mi   Fa#m Mi  La  Fa#m  Mi
Lalala lalala, lalala lala lalala la la
Mi                             La                     Mi              La
In via dei santi al 1° piano, c'era una rosa ed un gabbiano

                  Fa#m   Mi                 La                Mi 
Aprendo le ali lui fuggì, e per la tristezza lei appassì 
La      Mi   Fa#m Mi  La  Fa#m  Mi
Lalala lalala, lalala lala lalala la la

La      Mi   Fa#m Mi  La  Fa#m  Mi
Lalala lalala, lalala lala lalala la la
La      Mi   Fa#m Mi  La  Mi  Fa#m  Mi
Lalala, lalala, lalala  la la lala la la

martedì 29 aprile 2014

Canzone per chi



Stefano con "Canzone per chi" torna alle sue classiche ballate, anche se secondo me la nuova produzione, che abbonda di effetti e sintetizzatori, è poco adatta a pezzi di questo tipo.
Le liriche sono ancora una volta molto belle e Stefano dedica la canzone ad una vasta tipologie di persone, che sono spesso accomunate dalla voglia di vivere e di ribellarsi ad un sistema spesso crudele e ingiusto ("Per chi crede che la società ti uccide") o ("Per chi uccide le teorie di re buffoni").






CANZONE PER CHI


L'estate starnutiva un pò d'autunno
le nuvole coprivano il tramonto
così mi ritrovai la notte al fianco
mi ritrovai di nuovo solo e stanco
confesso mi tremava un pò la mano
la prima nota timida suonò
e sù una strada che non và lontano
ho scritto una canzone per non sò

per chi canta sorridendo a gola tesa
per chi prega ma lontano da una chiesa
per chi crede che la società ti uccide
per chi insieme con i bambini piange e ride
per chi uccide le teorie di re buffoni
per chi fà l'amore e piscia nei portoni

L'estate anticipava un pò d'autunno
le nuvole spogliavano le stelle
così mi ritrovai la luna al fianco
col vento che sfiorava la mia pelle
così continuai la mia canzone
che tutti sanno e non canta nessuno
la luce la rubavo ad un lampione
una canzone forse per qualcuno

per chi quando è notte e non si dorme addosso
per chi quando è giorno e sceglie i suoi vestiti
per chi quando c'è bisogno salta il fosso
per chi non si fà fregare dai partiti
per chi uccide le teorie di re buffoni
per chi fà l'amore e piscia nei portoni

la notte s'affogava nel mattino
un sonno mi segnava un pò la faccia
ripresi la chitarra ed il cammino
e dietro me non c'era già più traccia
tornando a casa vidi una ragazza
vendeva fiori giù a ponte Marconi
pensai la gente in fondo è solo pazza
anch'io che scrivo e vendo le canzoni

per chi sà che la coscienza non s'insegna
per chi ride sulle leggi di chi regna
per chi crede che la libertà è creare
per chi gioca con i bambini in riva al mare
per chi uccide le teorie di re buffoni
per chi fà l'amore e piscia nei portoni

L'angolo degli accordi:

Mi                                              La
L'estate starnutiva un pò d'autunno
                                  Mi
le nuvole coprivano il tramonto
                                          La
così mi ritrovai la notte al fianco
                                           Mi
mi ritrovai di nuovo solo e stanco
                                               La
confesso mi tremava un pò la mano
                                  Mi
la prima nota timida suonò
                                            La
e sù una strada che non và lontano
                                                 Mi
ho scritto una canzone per non sò
             La                                  Mi
per chi canta sorridendo a gola tesa
             La                                   Mi      
per chi prega ma lontano da una chiesa
             La                              Mi
per chi crede che la società ti uccide 
             La                                            Mi
per chi insieme con i bambini piange e ride
             La                            Si
per chi uccide le teorie di re buffoni
           La                               Si   Mi
per chi fà l'amore e piscia nei portoni
                                          La
L'estate anticipava un pò d'autunno 
                                        Mi
le nuvole spogliavano le stelle
                                       La
così mi ritrovai la luna al fianco
                                               Mi
col vento che sfiorava la mia pelle
                                  La
così continuai la mia canzone 
                                            Mi
che tutti sanno e non canta nessuno
                                       La
la luce la rubavo ad un lampione
                                      Mi
una canzone forse per qualcuno
              La                                            Mi
per chi quando è notte e non si dorme addosso
             La                                              Mi
per chi quando è giorno e sceglie i suoi vestiti
            La                                       Mi
per chi quando c'è bisogno salta il fosso
           La                              Mi
per chi non si fà fregare dai partiti
             La                            Si
per chi uccide le teorie di re buffoni
          La                                 Si  Mi
per chi fà l'amore e piscia nei portoni
                                    La
la notte s'affogava nel mattino
                                                 Mi
un sonno mi segnava un pò la faccia
                                    La
ripresi la chitarra ed il cammino
                                              Mi
e dietro me non c'era già più traccia 
                                        La
tornando a casa vidi una ragazza 
                                         Mi
vendeva fiori giù a ponte Marconi
                                                 La
pensai la gente in fondo è solo pazza
                                               Mi
anch'io che scrivo e vendo le canzoni
           La                                     Mi
per chi sà che la coscienza non s'insegna
            La                              Mi
per chi ride sulle leggi di chi regna
           La                               Mi
per chi crede che la libertà è creare
             La                                          Mi
per chi gioca con i bambini in riva al mare
            La                              Si
per chi uccide le teorie di re buffoni
           La                                Si Mi
per chi fà l'amore e piscia nei portoni

L'angolo live:

Versione live direttamente dal Jailbreak di Roma, che personalmente preferisco rispetto alla versione del disco, di cui non amo particolarmente gli arrangiamenti con sintetizzatori:





L'angolo delle cover: Ecco la bella cover di Simone Avincola e del suo quartetto, che gli è valsa anche il primo posto nella prima edizione del "Premio Stefano Rosso" del 2009:







domenica 27 aprile 2014

....ma niente più



"... ma niente più" è la canzone che apre il terzo disco di Stefano Rosso, dal titolo "Bioradiofotografie".
Anche questo LP è prodotto dalla RCA, anche se stavolta la produzione e gli arrangiamenti sono affidati a Gianni Marchetti che va a sostituire Antonio Coggio.
Il disco esce nel 1979 e sul retro della copertina c'è l'attrice Michela Miti nella parte della ragazza a cui è stata fatta la radiografia.
"...niente più" viene scelta anche come lato A del 45 giri che sul lato B ha invece "Ragazza sola".
Questo sarà anche l'ultimo album di Stefano sotto etichetta RCA, che tra l'altro fece una promozione molto blanda e la cosa ovviamente si ripercosse sulle vendite non esaltanti del disco.
Rosso decise così di passare ad un'altra etichetta, la "Ciao Records".
Ma torniamo alla canzone che  ha molto di autobiografico.
Sopratutto quando Stefano dice: "Ho lasciato gli anni verdi e gli occhi tra la scuola e il regno dei balocchi" e ancora: "M'è toccata una famiglia incerta che m'ha dato un tetto e una coperta, che m'ha detto figlio mio apri gli occhi benedici il pane che ora tocchi".
Molto bello anche il verso: "C'è chi vive con le sue illusioni io lo faccio con le mie canzoni".
Dal punto di vista musicale il brano presenta una linea di basso interessante  che non si limita ad un mero accompagnamento, donando alla canzone una marcia in più.
Viene fatto largo uso del sintetizzatore, cosa che in passato raramente è accaduta nei pezzi di Stefano, che si diverte anche ad eseguire una seconda voce di controcanto in alcune parti del brano.
Rosso girò anche un video per questa canzone, se qualche lettore di questo blog l'avesse può contattarmi così lo inserisco nel sito.


video






...MA NIENTE PIU'


Ho lasciato gli anni verdi e gli occhi
tra la scuola e il regno dei balocchi
ho lasciato il libro e il fiocco al collo
per un piatto di minestra e un pollo
ho lasciato il quadro mio a metà
per la bici o per l'ingenuità
m'è toccata una famiglia incerta
che m'ha dato un tetto e una coperta
che m'ha detto: "Figlio mio apri gli occhi
benedici il pane che ora tocchi".
E papà tornava tardi a notte
e sembrava che parlasse a botte
quando poi capì ch'era finita
ci lasciò due lacrime e la vita.

... ma niente più
... ma niente più

Ho lasciato la mia strada antica
sulla nuova incontrai la fatica
ci ho trovato la ragazza giusta
con il cuore in mano e con la frusta
l'ho rivista l'altra sera poi
e tre figli a tavola con noi
e se Dio m'ha dato due polmoni
l'ho giocati per tre sigarette
e se pure ci son santi buoni
c'è chi vive con le scarpe strette
forse lascerò alla mia partenza
la saggezza od una villa al mare
due pagnotte dentro una credenza
conti in banca o vino da gustare

... ma niente più
... ma niente più

C'è chi ha il mondo ha fatto guerre strane
c'è chi ha fatto guerra alle puttane
c'è chi vive con le sue illusioni
io lo faccio con le mie canzoni
io che passo i miei tramonti al lido
sotto un tetto mi son fatto il nido
chi s'è fatto un nido e chi un palazzo
chi non sverna e chi va sulla luna
e chi dice "In croce è morto un pazzo"
e chi non ha amato mai nessuna
c'è chi al mondo ha dato tutto quanto
io gli ho dato i giorni miei e un rimpianto
e chi più chi meno ha fatto storia
a qualcuno resta la memoria

... ma niente più
... ma niente più
... ma niente più


L'angolo degli accordi:


Mi                                            Fa#m

Ho lasciato gli anni verdi e gli occhi
            La                            Mi 
tra la scuola e il regno dei balocchi
                                                Fa#m 
ho lasciato il libro e il fiocco al collo
             La                                 Mi 
per un piatto di minestra e un pollo
                                           Fa#m 
ho lasciato il quadro mio a metà
          La                       Mi 
per la bici o per l'ingenuità
                                       Fa#m 
m'è toccata una famiglia incerta
                La                           Mi 
che m'ha dato un tetto e una coperta
                                                      Fa#m 
che m'ha detto: "Figlio mio apri gli occhi
        La                            Mi 
benedici il pane che ora tocchi"
                                   Fa#m 
E papà tornava tardi a notte
        La                                Mi
 e sembrava che parlasse a botte
                                     Fa#m 
quando poi capì ch'era finita
       La                             Mi 
ci lasciò due lacrime e la vita. 
                    Fa#m   La   Mi
... ma niente più
                    Fa#m   La   Mi 
... ma niente più 
Mi                                     Fa#m
Ho lasciato la mia strada antica 
           La                        Mi
sulla nuova incontrai la fatica 
                                       Fa#m
ci ho trovato la ragazza giusta
           La                                Mi 
con il cuore in mano e con la frusta
                                 Fa#m 
l'ho rivista l'altra sera poi 
         La                      Mi
e tre figli a tavola con noi
                                     Fa#m 
e se Dio m'ha dato due polmoni 
         La                   Mi
l'ho giocati per tre sigarette
                                   Fa#m 
e se pure ci son santi buoni
           La                          Mi 
c'è chi vive con le scarpe strette
                                   Fa#m 
forse lascerò alla mia partenza
     La                                  MI 
la saggezza od una villa al mare
                                          Fa#m 
due pagnotte dentro una credenza 
              La                        Mi
conti in banca o vino da gustare 
                     Fa#m   La   Mi
... ma niente più
                     Fa#m   La   Mi  
... ma niente più 
                   Fa#                               Sol#m
C'è chi ha il mondo ha fatto guerre strane
                Si                          Fa# 
c'è chi ha fatto guerra alle puttane
                                    Sol#m 
c'è chi vive con le sue illusioni
         Si                           Fa# 
io lo faccio con le mie canzoni
                                              Sol#m 
io che passo i miei tramonti al lido
              Si                            Fa# 
sotto un tetto mi son fatto il nido
                                             Sol#m 
chi s'è fatto un nido e chi un palazzo
              Si                            Fa# 
chi non sverna e chi va sulla luna
                                               Sol#m 
e chi dice "In croce è morto un pazzo"
         Si                           Fa#
e chi non ha amato mai nessuna
                                               Sol#m 
c'è chi al mondo ha dato tutto quanto
              Si                                  Fa# 
io gli ho dato i giorni miei e un rimpianto
                                           Sol#m 
e chi più chi meno ha fatto storia
    Si                          Fa# 
a qualcuno resta la memoria 
                     Si  Sol#m Fa#
... ma niente più
                     Si  Sol#m Fa# 
... ma niente più
                     Si  Sol#m Fa# 
... ma niente più