martedì 30 settembre 2014

Il treno dei papaveri


Dio, Gesù e le tematiche religiose sono spesso entrate nelle canzoni di Stefano Rosso e anche nella canzone "Il treno dei papaveri", il cantautore di Trastevere si mette a nudo ("Quante volte ho sbagliato per cercare chissà, quante volte ho cantato tra bugie e verità") ed esprime ancora una volta la sua fede cristiana (E domani sereno volerò in braccio a Dio).
La canzone è a tratti molto triste e sembra essere una sorta di testamento spirituale di Stefano.
Il pezzo si apre con un fischio di treno, subentra poi il banjo che ci guida in questo viaggio musicale con cui Stefano non ci parla solo delle sue esperienze, ma evidenzia come fatto in altre canzoni, le problematiche di chi vive ai margini della società (Sono solo dei poveri in fondo, vivono ai margini nell'ingiustizia...).





IL TRENO DEI PAPAVERI

Quante favole antiche
Che non sogno ormai più
Quanti amori perduti
Tra l'infanzia e Gesù
Io li porto nel cuore
Gocce di verità
La mia estate che muore
E che non tornerà
Resta un pugno di vita
E di vigliaccheria
E papaveri rossi
Lungo la ferrovia
Che volava lontano
Senza ma senza se
Cerco ancora ma invano
La risposta ai perché
Stanno soffrendo e qualcosa di più
Sconfitti dai volti umani
Cercano quello che cerchi anche tu
Eppure li vedi strani
Cercano un poco di serenità
Son figli di questo mondo
Orfani di patri e di libertà
Son solo dei poveri in fondo
Vivono ai margini nell'ingiustizia
Nei bassi di vecchie stazioni
Oppure nei ghetti eterna immondizia
Vergogna di generazioni
Vivono in case chiamate pensioni
Se li guardi bene ti specchi
Vivono ai margini senza illusioni
E la colpa è di essere vecchi
Quante volte ho sbagliato
Per cercare chissà
Quante volte ho cantato
Tra bugie e verità
E domani sereno
Volerò in braccio a Dio
Coi papaveri e il treno
Perché la è il posto mio
E domani sereno
Volerò in braccio a Dio
Coi papaveri e il treno
Perché la è il posto mio
Coi papaveri e il treno
Perché la è il posto mio


L'angolo degli accordi:

Do                    Rem
Quante favole antiche
Sol                              Do
Che non sogno ormai più
                           Rem
Quanti amori perduti
Sol                        Do                       
Tra l'infanzia e Gesù
                      Rem
Io li porto nel cuore
Sol               Do
Gocce di verità
                            Rem
La mia estate che muore
Sol                  Do
E che non tornerà
                             Rem
Resta un pugno di vita
Sol                 Do
E di vigliaccheria
                  Rem
E papaveri rossi
Sol                 Do
Lungo la ferrovia
                   Rem
Che volava lontano
Sol                     Do
Senza ma senza se
                            Rem
Cerco ancora ma invano
Sol                      Do
La risposta ai perché
                               Rem
Stanno soffrendo e qualcosa di più
Sol                          Do
Sconfitti dai volti umani
                                                    Rem
Cercano quello che cerchi anche tu
Sol                   Do
Eppure li vedi strani
                                 Rem
Cercano un poco di serenità
Sol                         Do
Son figli di questo mondo
                          Rem
Orfani di patri e di libertà
Sol                               Do
Son solo dei poveri in fondo
                                    Rem
Vivono ai margini nell'ingiustizia
Sol                           Do
Nei bassi di vecchie stazioni
                                       Rem
Oppure nei ghetti eterna immondizia
Sol                          Do
Vergogna di generazioni
                         Rem
Vivono in case chiamate pensioni
Sol                          Do
Se li guardi bene ti specchi
                              Rem
Vivono ai margini senza illusioni
Sol                             Do
E la colpa è di essere vecchi
                           Rem
Quante volte ho sbagliato
Sol              Do
Per cercare chissà
                           Rem
Quante volte ho cantato
Sol                   Do
Tra bugie e verità
                 Rem
E domani sereno
Sol                          Do
Volerò in braccia a Dio
                           Rem
Coi papaveri e il treno
Sol                          Do
Perché la è il posto mio

Do-Rem-Sol-Do (2volte)
                 Rem
E domani sereno
Sol                          Do
Volerò in braccio a Dio
                           Rem
Coi papaveri e il treno
Sol                          Do
Perché la è il posto mio
                           Rem
Coi papaveri e il treno
Sol                         Do
Perché la è il posto mio

domenica 28 settembre 2014

Mortacci



Se non consideriamo "Banjoman" che è un album composto per metà da composizioni originali e per metà da cover, "Mortacci" è il primo lavoro di Rosso da "Femminando", uscito nel 1989, a contenere tutte canzoni originali.
L'album esce nel 2007 e come i precedenti è autoprodotto sotto l'etichetta "Red&Black Music".
"Mortacci" oltre ad essere il titolo del disco è anche il nome della prima canzone, un pezzo molto divertente in cui Stefano ci racconta la vita di un personaggio inventato, tale Macaluso Michele, costruttore di case, morto a causa di un tubo innocente.
Ovviamente come in altre canzoni di Stefano, l'ironia la fa da padrone e alla fine del pezzo Rosso coglie ancora una volta l'occasione per prendere in giro chi si è fidato, politicamente parlando, di Berlusconi, chiamato in questo caso, nano ambrosiano, con tanto di commento finale colorito.
L'introduzione affidata ad una banda di ottoni, rende bene l'atmosfera da funerale, una sorta di marcetta, con Stefano che alterna parti di cantato a lunghi tratti di parlato.





MORTACCI

Compagni amici e fratelli
Benvenuti al mio funeralo
Mi chiamo Macaluso Michele
Mio nonno fabbricava case
Mio padre fabbricava case
Io ho fabbricato case
Case Case quante case!
Modestamente siamo stati tutti artisti
A fabbricare case....per gli altri
Noi sempre in affitto!
Ma adesso mi aspetta l'ultima dimora
E per male che mi vada
Per quello che ho fatto
Certo qui non avrò lo sfratto
Mi sono sistemato
Sessant'anni sgobbati in cantiere
'Sassinato da un tubo innocente
Ne dottore giammai cavaliere
Becco e povero ordunque perdente
Nacqui nobile dentro si intende
E qualcuno rubò la mia parte
Vissi come chi in culo lo prende
E anche questa credetemi è un arte
L'arte è cosa assai complessa
Chi la cerca è sempre a un passo
Chi la cerca in un Picasso
Chi la trova n'miezzo a' fessa
L'arte è cosa assai complessa
Picasso ha la fessa e i suoi peccati
Per la strada mi son diplomato
E ho capito un po' tutto e un po' niente
Non ho fatto gli esami di Stato
Ma ho imparato a conoscer la gente
Per un tempo mi sono drogato
E facevo una vita da cani
E l'ho fatta col vino annacquato
E pipponi sparati a due mani
Oh guardate qua!
Ci tengo l'impronta della manopola
Come li motociclisti
C'ho il callo la cicatrice
Modestamente è una copia della Cappella Sistina
Fin da giovanotto mi chiamavano il Bernini
Ma non sono svizzero
Ho cercato ma invano la musa
Ero giovane bello e un po' pazzo
L'ho cercata in Europa e negli Usa
C'ho trovato una cippa di cazzo
Così adesso compagni è finita
M'ha inculato quel tubo balzano
Mentre voi che restate qui in vita
Siete stati inculati da un nano
Da un nano ambrosiano
Coglioni!

L'angolo degli accordi:

---------Parlato-------------

Compagni amici e fratelli
Benvenuti al mio funeralo
Mi chiamo Macaluso Michele
Mio nonno fabbricava case
Mio padre fabbricava case
Io ho fabbricato case
Case Case quante case!
Modestamente siamo stati tutti artisti
A fabbricare case....per gli altri
Noi sempre in affitto!
Ma adesso mi aspetta l'ultima dimora
E per male che mi vada
Per quello che ho fatto
Certo qui non avrò lo sfratto
Mi sono sistemato
----------------------------------
Dom
Sessant'anni sgobbati in cantiere
                                         Sol
'Sassinato da un tubo innocente

Ne dottore giammai cavaliere
                                          Dom
Becco e povero ordunque perdente

Nacqui nobile dentro si intende
                                       Sol
E qualcuno rubò la mia parte

Vissi come chi in culo lo prende
                                                  Dom
E anche questa credetemi è un arte
---------Parlato--------------------
L'arte è cosa assai complessa
Chi la cerca è sempre a un passo
Chi la cerca in un Picasso
Chi la trova n'miezzo a' fessa
L'arte è cosa assai complessa
Picasso ha la fessa e i suoi peccati
--------------------------------------
Dom
Per la strada mi son diplomato
                                                    Sol
E ho capito un po' tutto e un po' niente

Non ho fatto gli esami di Stato
                                                 Dom
Ma ho imparato a conoscer la gente

Per un tempo mi sono drogato
                                  Sol
E facevo una vita da cani

E l'ho fatta col vino annacquato
                                      Dom
E pipponi sparati a due mani
----------Parlato-------------------
Oh guardate qua!
Ci tengo l'impronta della manopola
Come li motociclisti
C'ho il callo la cicatrice
Modestamente è una copia della Cappella Sistina
Fin da giovanotto mi chiamavano il Bernini
Ma non sono svizzero
-------------------------------------
Dom
Ho cercato ma invano la musa
                                           Sol
Ero giovane bello e un po' pazzo

L'ho cercata in Europa e negli Usa
                                          Dom
C'ho trovato una cippa di cazzo

Così adesso compagni è finita
                                         Sol
M'ha inculato quel tubo balzano

Mentre voi che restate qui in vita
                                       Dom
Siete stati inculati da un nano

Da un nano ambrosiano

Coglioni!





venerdì 26 settembre 2014

E-mail al Presidente



Dopo "Miracolo Italiano" Stefano Rosso torna a parlare di politica e del sociale nella canzone "E-mail al presidente", ovviamente alla sua maniera, con tanta ironia e sarcasmo.
I personaggi della canzone si rivolgono al Presidente del Consiglio per lamentarsi della propria condizione sociale, abbiamo il ragazzino che ha freddo a scuola, il laureato disoccupato e l'operaio che guadagna poco.
Stefano si diverte anche a fare le "vocine", imitando quella del vecchietto sdentato o quella di Silvio Berlusconi con l'espressione "Mi consenta", ormai suo marchio di fabbrica.
Musicalmente la canzone è un po' ripetitiva, mancando anche di un ritornello, come se in questo caso per Stefano la cosa più importante fosse rappresentata dal testo e dal messaggio da mandare.
Il banjo è ancora una volta in primo piano.



E-MAIL AL PRESIDENTE

Sig. Presidente sono un ragazzino
Che a scuola ha tanto freddo
Basterebbe anche un cerino
Sig.Presidente faccio il centravanti
Ma sono un Italiano
E posti non ce ne son tanti
Sig.presidente sono laureato
Volevo fare il medico
Ma fò il disoccupato
Sig.Presidente faccio l'operaio
Se mi va bene pago
La pigione e il macellaio
Sig.Presidente va peggio di prima
Avevo mille sogni
m'è rimasta la schedina
Sig.Presidente sono pensionato
Chissà se riesco a prendere
I soldi che v'ho dato
Sig.Presidente se vo' in paradiso
Mi basterebbe un sigaro
E una ciotola di riso
Sig.Presidente se vo' giù all'inferno
Speriamo non ci siano tasse
Ne ci sia governo
Sig.Presidente me so' reincarnato
Mannaggia la puttana
E a me che ci son ritornato
Sig.Presidente io non volevo tornare
"Mi consenta" non volevo venire
"E' ovvio c'era un omo 'nterra"
Ci piacciono i buoi l'abbacchio e le galline
Mannaggia all'immortecci 'nse po' ca ciù e viè giù
Porca troia non mi contano i torni
Non mi tornano i conti
A "buciardi"!....


L'angolo degli accordi:

Re                                         La
Sig. Presidente sono un ragazzino

Che a scuola ha tanto freddo 

                                   Re
Basterebbe anche un cerino
                                           La
Sig.Presidente faccio il centravanti


Ma sono un Italiano

                                 Re
E posti non ce ne son tanti

                                    La
Sig.presidente sono laureato


Volevo fare il medico 

                       Re
Ma fò il disoccupato

                                      La
Sig.Presidente faccio l'operaio


Se mi va bene pago

                             Re
La pigione e il macellaio

                                         La
Sig.Presidente va peggio di prima


Avevo mille sogni

                             Re
m'è rimasta la schedina

                                        La
Sig.Presidente sono pensionato


Chissà se riesco a prendere 

                       Re
I soldi che v'ho dato

                                          La
Sig.Presidente se vo' in paradiso


Mi basterebbe un sigaro

                        Re
E una ciotola di riso

                                            La
Sig.Presidente se vo' giù all'inferno


Speriamo non ci siano tasse

              Re
Ne ci sia governo

                                           La
Sig.Presidente me so' reincarnato


Mannaggia la puttana

                            Re
E a me che ci son ritornato

------Parlato---------
Sig.Presidente io non volevo tornare
"Mi consenta" non volevo venire
"E' ovvio c'era un omo 'nterra"
Ci piacciono i buoi l'abbacchio e le galline
Mannaggia all'immortecci 'nse po' ca ciù e viè giù
Porca troia non mi contano i torni
Non mi tornano i conti
A "buciardi"!....


L'angolo live:


Quanti anni d'amore



A mio avviso "Quanti anni d'amore" si aggiudica la palma di miglior brano dell'album "Banjoman".
Ci sono tutti gli ingredienti del Rosso "style", versi pieni di poesia e malinconia, bellissimo accompagnamento di chitarra e ovviamente una melodia che ti entra subito in testa.
Quanti anni d'amore, ma soprattutto quanti anni di belle canzoni ci ha regalato Stefano!






QUANTI ANNI D'AMORE

Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
E le donne che ho amato sono sempre più belle
Non le tradirò
Ho sognato mia madre l'ho sognata sul ponte
Che va a casa mia dove io sono nato
Dove non c'è più niente giusto il nome alla via
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
E le donne che ho amato sono sempre più belle
E non le tradirò
Ho sognato mia moglie l'ho rivista bambina
Come l'ho conosciuta con la vita negli occhi
Con i sogni nel cuore gocce di eternità
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
E le donne che ho amato sono sempre più belle
E non le tradirò
Ho sognato mia figlia sorrideva felice
Sopra l'arcobaleno io le ho teso la mano
Ma era troppo lontano e forse è giusto così
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
E le donne che ho amato sono sempre più belle
E non le tradirò
Quante notti a vino di giochi in libertà
Quanto sangue per rubare un po' di vita
Quanti sogni e quante false verità
Fino a quando non è finita
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
E le donne che ho amato sono sempre più belle
E non le tradirò

L'angolo degli accordi:

Intro: La-Sim-Mi-La

La                Sim                    Mi          La
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
                              Sim                               Mi
E le donne che ho amato sono sempre più belle
                   La
Non le tradirò
                          Sim           Mi               La
Ho sognato mia madre l'ho sognata sul ponte
                                                   Sim
Che va a casa mia dove io sono nato
                            Mi                                    La
Dove non c'è più niente giusto il nome alla via
                    Sim                    Mi          La
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
                              Sim                               Mi
E le donne che ho amato sono sempre più belle
                     La
E non le tradirò
                          Sim            Mi             La
Ho sognato mia moglie l'ho rivista bambina
                                                             Sim
Come l'ho conosciuta con la vita negli occhi
                         Mi                           La
Con i sogni nel cuore gocce di eternità
                    Sim                    Mi          La
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
                             Sim                                Mi
E le donne che ho amato sono sempre più belle
                     La
E non le tradirò
                          Sim            Mi   La
Ho sognato mia figlia sorrideva felice      
                                                      Sim
Sopra l'arcobaleno io le ho teso la mano
                        Mi                                 La
Ma era troppo lontano e forse è giusto così
                    Sim                    Mi          La
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
                              Sim                               Mi
E le donne che ho amato sono sempre più belle
                     La
E non le tradirò

Quante notti a vino di giochi in libertà

Quanto sangue per rubare un po' di vita

Quanti sogni e quante false verità
           Sim            Mi    La
Fino a quando non è finita
                    Sim                     Mi         La
Quanti anni d'amore sono gli anni che ho
                              Sim                               Mi
E le donne che ho amato sono sempre più belle
                     La
E non le tradirò

L'angolo live:











giovedì 25 settembre 2014

Via della Scala



Anche "Via della Scala" come accaduto per "Gli occhi dei bambini" è una canzone che Stefano aveva da tempo nel cassetto e non aveva mai inciso, limitandosi ad eseguirla sporadicamente nei suoi concerti dal vivo.
Nel cd "Live al folkstudio" è presente infatti una bella versione acustica della canzone, che è però indicata con un titolo diverso:"Vado via".
Al momento di inciderla per l'album "Banjoman", Stefano cambierà il titolo in "Via della Scala".
L'arpeggio di chitarra rimanda alla bellissima "Letto 26", molto belli e misurati anche i fraseggi di chitarra elettrica.
Ancora una volta tristezza e speranza si mischiano nei testi di Rosso, ed al malinconico verso "La chitarra è scordata, la mia favola andata.." fa da contrappunto il verso "Ma la donna che ho amato, lei è sempre più bella e l'amo sempre di più".





VIA DELLA SCALA

Poi ti svegli un mattino non ti trovi più là
Per seguire il destino mille donne e due sogni
E un pò di libertà.
E ti svegli una notte che la luna ti dà
L'acqua in frigo è finita e la sveglia in cucina
Chissà che anno fà
Vado via col vento verso l'ultima follia

Se il tempo c'è se c'è la fantasia
Io l'ultima canzone canterò
Poi ti svegli un mattino non ti trovi più là
Ugo, Alberto, Armandino
La piazzetta e il pallone
Ma che fine si fà 

Mentre fuori c'è il sole come mille anni fà
Tra le rose e le viole son cambiati i bambini 

E nessuno lo sa
Vado via col vento verso l'ultima follia

Se il tempo c'è se c'è la fantasia
Io l'ultima canzone scriverò
Così passa la vita passa l'eternità
E stanotte l'amore la mia storia infinita
Chissà dove sarà 

Forse vive in un sogno che non passa più qui
La chitarra è  scordata la mia favola è andata
E non è giovedì
Poi ti svegli da grande che non c'è la fai più
Ma la donna  che ho amato lei è sempre più bella
E l'amo sempre di più
Vado via col vento verso l'ultima follia

Se il tempo c'è se c'è la fantasia
Io l'ultima  canzone inventerò
Vado via col vento verso l'ultima pazzia

Se il tempo c'è se c'è la vita mia
Io l'ultima canzone sognerò

L'angolo degli accordi:

Capotasto: 1st fr
  
Do                   Rem     Sol                Do
Poi ti svegli un mattino non ti trovi più là
                    Rem                                Sol
Per seguire il destino mille donne e due sogni
                     Do
E un pò di libertà 
                      Rem Sol               Do
E ti svegli una notte che la luna ti dà
                          Rem                      Sol
L'acqua in frigo è finita e la sveglia in cucina
                         Do
Chissà che anno fà
        Rem    Sol                         Do
Vado via col vento verso l'ultima follia
                                   Rem
Se il tempo c'è se c'è la fantasia
    Sol                          Do
Io l'ultima canzone canterò
                           Rem Sol                Do
Poi ti svegli un mattino non ti trovi più là
                              Rem            
Ugo, Alberto, Armandino
                        Sol
La piazzetta e il pallone
                     Do
Ma che fine si fà 
                          Rem Sol                  Do
Mentre fuori c'è il sole come mille anni fà
                       Rem                      Sol
Tra le rose e le viole son cambiati i bambini 
                    Do
E nessuno lo sa
        Rem    Sol                         Do
Vado via col vento verso l'ultima follia
                                    Rem
Se il tempo c'è se c'è la fantasia
    Sol                           Do
Io l'ultima canzone scriverò
                     Rem Sol            Do
Così passa la vita passa l'eternità        
                Rem                        Sol
E stanotte l'amore la mia storia infinita
                   Do
Chissà dove sarà 
                        Rem    Sol                      Do
Forse vive in un sogno che non passa più qui
                    Rem                             Sol
La chitarra è  scordata la mia favola è andata
                   Do  Re
E non è giovedì
                       Mim    La                      Re
Poi ti svegli da grande che non c'è la fai più
                               Mim                            La
Ma la donna  che ho amato lei è sempre più bella
                           Re
E l'amo sempre di più
        Mim     La                         Re
Vado via col vento verso l'ultima follia
                                           Mim
Se il tempo c'è se c'è la fantasia
    La                              Re
Io l'ultima canzone inventerò
        Mim     La                               Re                          
Vado via col vento verso l'ultima pazzia
                                          Mim
Se il tempo c'è se c'è la vita mia
    La                            Re
Io l'ultima canzone sognerò

L'angolo live:

Ecco la bellissima versione solo voce e chitarra registrata per il disco "Live al Folkstudio":







mercoledì 24 settembre 2014

Metempsicosi




Dopo aver fatto uscire greatest hits, cd live e qualche disco di pezzi strumentali, Rosso nel 2004 torna a pubblicare un album canonico, "Banjoman".
E' un disco che unisce composizioni originali  a cover di brani amati dal nostro Stefano, quali "Blowin' in the wind", "Deep river blues" ed altri.
Il disco si apre con "Metempsicosi", una canzone in cui la nostalgia sgorga abbondante, le liriche sono intrise di tristezza per un'epoca che non c'è più ("Bella mia si tirava a far mattino con la musica ed il vino...").
L'atmosfera è molto country con Stefano che suona l'armonica a bocca e il banjo, banjo che visto anche  il titolo del cd, sarà ovviamente l'indiscusso protagonista delle canzoni di questo album.
Un'ultima piccola curiosità, anche in questo brano è presente un riferimento ai Beatles, con la citazione della canzone obladi-obladà.





METEMPSICOSI

Bella mia se ritornasse il sole
Quello che ci riscaldava
Trenta o quaranta anni fa
Bella mia tra le canne e le viole
Si cantava a gola tesa dimmi adesso come va
Bella mia è tornata primavera
Ma la grande quella vera quella non ritorna più
Bella mia si tirava a far mattino con la musica ed il vino
Con gli amici e con Gesù
Bella mia non contavamo i rischi
Ma contemplavamo i dischi come fosse verità
Bella mia li cantavano i profeti

Senza ipocrisia o divieti e adesso chi li canterà
Bella mia cercavamo un pò noi stessi
Troppo furbi o troppo fessi ma non lo sapremo mai
Bella mia e ci scrivo una canzone

Alla faccia del padrone che non ho coperto mai
Bella mia t'ho promesso anche la luna
Fu vigliaccheria o sfortuna non ci sono riuscito mai
Bella mia ci riproverò domani

Ho un affare per la mani e tu dimmi come stai
Bella mia si avvicina già l'inverno
Assomiglia un pò all'inferno mi dispiace ma è così
Bella mia ho ripreso anche a fumare
Ma ci voglio riprovare ricomincio lunedì
Bella mia è passato anche domani
Biancaneve e i sette nani obladì e anche obladà
Bella mia è passata ormai la festa
Ci prendiamo quel che resta e i castelli dell'età
Bella mia sono molto riflessivo
Ciò vuol dire che son vivo e qualcosa sa 'dda fà
Bella mia me l'ha detto anche Platone
Di non fare più il coglione che non è finita qua
Bella mia ma l'ha detto anche Plutino
Di non fare più il cretino e si ricomincerà


L'angolo degli accordi:


Intro:Re-La-Re-La-Re-La-Sim-La

         Mi                         La
Bella mia se ritornasse il sole
                            Mi
Quello che ci riscaldava

                                  La
Trenta o quaranta anni fa

         Mi                          La
Bella mia tra le canne e le viole

                           Sim                               La
Si cantava a gola tesa dimmi adesso come va

         Mi                         La
Bella mia è tornata primavera

                             Mi                              La
Ma la grande quella vera quella non ritorna più

         Mi                         La                                  Sim
Bella mia si tirava a far mattino con la musica ed il vino

                              La
Con gli amici e con Gesù

         Mi                            La
Bella mia non contavamo i rischi

                                Mi                        La
Ma contemplavamo i dischi come fosse verità

         Mi                       La
Bella mia li cantavano i profeti

                          Sim                                 La
Senza ipocrisia o divieti e adesso chi li canterà
        Mi                                   La
Bella mia cercavamo un pò noi stessi

                               Mi                                  La
Troppo furbi o troppo fessi ma non lo sapremo mai

        Mi                          La
Bella mia e ci scrivo una canzone   

                      Sim                                   La
Alla faccia del padrone che non ho coperto mai

Re-La-Re-La-Re-La-Sim-La (Go round-Go round...)
         Mi                                     La
Bella mia t'ho promesso anche la luna
                           Mi                                      La
Fu vigliaccheria o sfortuna non ci sono riuscito mai

        Mi                        La
Bella mia ci riproverò domani

                            Sim                           La
Ho un affare per la mani e tu dimmi come stai
        Mi                         La
Bella mia si avvicina già l'inverno

                               Mi                                 La
Assomiglia un pò all'inferno mi dispiace ma è così

         Mi                              La
Bella mia ho ripreso anche a fumare

                   Sim                        La
Ma ci voglio riprovare ricomincio lunedì

         Mi                            La
Bella mia è passato anche domani

                               Mi                          La
Biancaneve e i sette nani obladì e anche obladà

         Mi                              La
Bella mia è passata ormai la festa

                                 Sim                        La
Ci prendiamo quel che resta e i castelli dell'età

        Mi                          La
Bella mia sono molto riflessivo

                                Mi                               La
Ciò vuol dire che son vivo e qualcosa sa 'dda fà

        Mi                                 La
Bella mia me l'ha detto anche Platone

                         Sim                               La
Di non fare più il coglione che non è finita qua

        Mi                                 La
Bella mia ma l'ha detto anche Plutino

                         Sim                      La
Di non fare più il cretino e si ricomincerà

Coda:Re-La-Re-La-Re-La-Sim-La