venerdì 4 luglio 2014

Malati di far west



"Malati di Far West" è un'altra bella canzone dell'album "Vado, prendo l'America... e torno".
Ancora una volta Stefano con la sua poesia ci fornisce uno spaccato della nostra Italia, "che muore di finanza...", "che mangia carboidrati" e "che fa i suoi comodi con i poveri e i soldati".
Insomma un'Italia dove convivono varie anime e sentimenti, dove poesia, bellezza e allegria si mischiano a povertà e tristezza.
Ma l'amore di Rosso per la nostra Italia è troppo grande e vince anche sui problemi e sulle cose negative:(...non la cambierei con niente mai perché, mi fa soffrire da lontano e capirete, ha gli occhi neri e il culo come piace a me").
Il pezzo è contraddistinto dal bel fingerpicking di Stefano, che da alla canzone un ritmo sostenuto e serrato, poi nell'inciso il ritmo cambia, si abbassa e Rosso racconta amaro come agli inizi non venisse gratificato per le sue canzoni ("dove stampai le mie prime canzoni, pagato a pesci in faccia da buffoni").
L'atmosfera è ancora una volta molto country e non a caso Rosso sceglie di guarnire la canzone con una bella armonica a bocca.





Nel 2001 in occasione dell'uscita dell'album "Il Meglio", Stefano ha re-inciso la canzone.
L'arrangiamento fa perdere un po' l'atmosfera country della canzone, l'armonica viene eliminata, così come il verso "dove la favola finisce bene è vero ma sopra i libri e in qualche ministero".
Nel complesso però il nuovo arrangiamento funziona molto bene e anche la voce di Stefano sembra godere di una seconda giovinezza nonostante siano passati ben vent'anni dall'incisione originale.






MALATI DI FAR WEST


Questa è l'Italia mia malata di Far West
con troppa gente che scarseggia in allegria,
dei mille santi in cielo e dalla chioma bruna,
dei capoccioni e della cassa malattia.

Così è l'Italia mia che soffre a "MEZZOGIORNO"
che sputa rabbia,figli e sogna la poesia,
che ingoia il rospo e che si medica col vino,
dove c'è mamma dove c'è Ninetta mia.

Questa è l'Italia mia che muore di finanza
dove i miei vecchi mi hanno fatto professore
perché crescevo in testa e mamma là in "panza"
dove ho confuso il portafogli con l'amore.

Dove imparai la mia prima poesia
casa de mamma casa de mamma mia,
dove gridai la mia prima preghiera
prima di masturbarmi beh! quasi ogni sera,
dove ho capito che la vita è bella
e se non fosse tanto hai solo quella,
dove stampai le mie prime canzoni
pagato a pesci in faccia da buffoni.

Questa è l'Italia mia malata di Far West
con troppa gente che scarseggia in allegria,
dei mille santi in cielo e dalla chioma bruna,
dei capoccioni e della cassa malattia.

Questa è l'Italia mia che mangia carboidrati
carne Argentina e veste il culo coi Blue Jeans,
che fa i suoi comodi con i poveri e i soldati
e impreca a chi inventò il lavoro il lunedì

dove ho saputo che puoi vivere alla grande
ma senza sbrufoli senza mutande,
dove la favola finisce bene è vero
ma sopra i libri e in qualche ministero
dove ho sorriso e allora mi ha risposto:
non t'allargare amico e stai al tuo posto,
dove ho scoperto poi chi era la befana
dei figli è mamma e per i grandi è una puttana.

Questa è l'Italia mia che copia le canzoni,
ma non la cambierei con niente mai perché
mi fa soffrire da lontano e capirete
ha gli occhi neri e il culo come piace a me.

L'angolo degli accordi: (Fanno riferimento alla versione del 2001)


Intro :Sol-Do-Re-Sol (2 volte)

Sol                                               Do
Questa è l'Italia mia malata di Far West
                   Re                               Sol
Con troppa gente che scarseggia in allegria
                                                        Do
Dei mille santi in cielo e dalla chioma bruna
                                            Re
Dei capoccioni e della cassa malattia
           Sol                                       Do
Così è l'Italia mia che soffre a mezzogiorno
                 Re                            Sol
Che sputa rabbia, figli e sogna la poesia
                                                           Do
Che ingoia il rospo e che si medica col vino
                                                      Re
Dove c'è mamma, dove c'è Ninetta mia
              Sol                                Do
Questa è l'Italia mia che muore di finanza
                  Re                             Sol
Dove i miei vecchi mi hanno fatto professore
                                                            Do
Perché crescevo in testa e mamma là in panza
                                                   Re
Dove ho confuso il portafogli con l'amore
         Do                           Sim
Dove imparai la mia prima poesia
              Do                                  Sim
Casa de mamma, casa de mamma mia
          Do                       Sim
Dove gridai la mia prima preghiera
              Do                                      Sim
Prima di masturbarmi, beh quasi ogni sera
              Do                        Sim
Dove ho capito che la vita è bella
              Do                          Sim
E se non fosse tanto hai solo quella
          Do                          Sim
Dove stampai le mie prime canzoni
               Do                     Re
Pagato a pesci in faccia da buffoni
              Sol                                Do
Questa è l'Italia mia malata di Far West
                   Re                               Sol
Con troppa gente che scarseggia in allegria
                                                        Do
Dei mille santi in cielo e dalla chioma bruna
                                            Re
Dei capoccioni e della cassa malattia
               Sol                             Do
Questa è l'Italia mia che mangia carboidrati
           Re                                            Sol
Carne argentina e veste il culo coi Blue Jeans
                                                     Do
Che fa i suoi comodi coi poveri e i soldati
                                                    Re
E impreca a chi inventò il lavoro il lunedì
               Do                                   Sim
Dove ho saputo che puoi vivere alla grande
                 Do                Sim
Ma senza sbrufoli, senza mutande
             Do                          Sim
Dove la favola finisce bene è vero
                 Do                     Sim
Ma sopra i libri e in qualche ministero
              Do                              Sim
Dove ho sorriso e allora mi han risposto
        Do                                      Sim
Non t'allargare amico e stai al tuo posto
              Do                              Sim
Dove ho scoperto poi chi era la befana
               Do                                      Re
Dei figli è mamma e per i grandi è una puttana
              Sol                               Do
Questa è l'Italia mia che copia le canzoni
                 Re                                 Sol
Ma non la cambierei per niente mai perché
                                         Do
Mi fa soffrire da lontano e capirete
                                                          Re
Ha gli occhi neri e il culo come piace a me

Coda:Sol-Do-Re-Sol



Nessun commento:

Posta un commento