lunedì 27 ottobre 2014

Roma, romani e romanisti



La canzone che chiude l'album "Piccolo mondo antico" è anche quella che chiude la carriera musicale di Stefano Rosso e si chiama "Roma, romani e romanisti".
Lo stile è quello usato per "L'ultimo romano" e "Quanno c'era mi' nonno", la canzone-stornello in romanesco.
Il collegamento ideale del pezzo è ovviamente con "Quando partì Noè", con il quale condivide la tematica del diluvio universale, raccontato anche in questa occasione con spirito e ironia, tanto da riuscire a inserirci l'A.S. Roma e il suo essere romanista.
Dopo una breve malattia Stefano Rosso muore a Roma il 15 settembre 2008, ma non morirà mai la sua musica e la sua poesia che continuerà ad accompagnare la vita di tante persone.
Il blog però non si ferma qui, dopo aver analizzato le affascinanti 110 composizioni del suo canzoniere andrò a fare un piccolo resoconto anche delle bellissime performance strumentali contenute in album quali "La chitarra fingerpicking", "Lullaby of Birdland", "Fingerstyle guitar" e "Live at the station".





ROMA, ROMANI E ROMANISTI

Ci fu un diluvio detto universale
Che er Padre Eterno mannò sulla tera
Perché la gente si faceva guera
E non pensava antro che a far male
Salvò solo Noè e la su famija
Dicennoje avete fatto er bene
Così che voi nun passerete pene
All'antri un accidente che je pija
Poi metti insieme coppie de animali
Così che ce ripopolamo er monno
De qua de là pe' quanto e grosso e tonno
E da rifallo bello senza eguali
E poi c'ho sempre sto pensiero in testa
Na chicca come un fiore ne l'occhiello
Da dì che adesso è veramente bello
Che tutti quanti ci faranno festa
Così plasmò la creta co le mani
Presa la puzzolana er travertino
La carce fresca er marmo fino fino
E fece Roma insieme a li romani
E quanno un giorno poi li vide tristi
Senza televisione e senza radio
Intorno a un campo fabbricò no stadio
L'AS Roma co li romanisti
Dicheno che sta storia nun è vera
E l'invidia amichi mii e na cosa brutta
Ma er coloseo San Pietro e via Margutta
E so fiori dell'eterna primavera
Sverti de lingua e lesti co le mani
Forse pe' questo semo i più mar visti
Però nun semo farzi ne razzisti
Che ce volete fa semo romani!

L'angolo degli accordi:

Capotasto:1st fr

Intro: Sim-La-Sim-La-Sim-La-Sim-La

La                                        Sim
Ci fu un diluvio detto universale
            Mi                                     La
Che er Padre Eterno mannò sulla tera
                                        Sim
Perché la gente si faceva guera
    Mi                                        La
E non pensava antro che a far male
Fa#m                            La
Salvò solo Noè e la su famija
Sim                                 Mi
Dicennoje avete fatto er bene
Sim                     Mi            La
Così che voi nun passerete pene
      Sim                                 La
All'antri un accidente che je pija

Sim-La-Sim-La

La                                        Sim
Poi metti insieme coppie de animali
Mi                                      La
Così che ce ripopolamo er monno
                                                       Sim
De qua de là pe' quanto e grosso e tonno
    Mi                             La
E da rifallo bello senza eguali
    Fa#m                                        La
E poi c'ho sempre sto pensiero in testa
Sim                                      Mi
Na chicca come un fiore ne l'occhiello
      Sim                  Mi             La
Da dì che adesso è veramente bello
Sim                                    La
Che tutti quanti ci faranno festa

Sim-La-Sim-La

La                                     Sim
Così plasmò la creta co le mani
Mi                                       La
Presa la puzzolana er travertino
                                                Sim
La carce fresca er marmo fino fino
    Mi                                La
E fece Roma insieme a li romani
    Fa#m                                     La
E quanno un giorno poi li vide tristi
Sim                                   Mi
Senza televisione e senza radio
Sim                          Mi              La
Intorno a un campo fabbricò no stadio
Sim                      La
L'AS Roma co li romanisti

Sim-La-Sim-La

Sib                                         Dom
Dicheno che sta storia nun è vera
    Fa                                          Sib
E l'invidia amichi mii e na cosa brutta
                                                  Dom
Ma er coloseo San Pietro e via Margutta
         Fa                             Sib          
E so fiori dell'eterna primavera
Solm                                    Sib
Sverti de lingua e lesti co le mani
Dom                                           Fa
Forse pe' questo semo i più mar visti
Dom                 Fa        Sib
Però nun semo farzi ne razzisti
Dom                            Sib
Che ce volete fa semo romani!

Dom-Sib-Dom-Sib (Fino a sfumare)


Nessun commento:

Posta un commento