mercoledì 26 febbraio 2014

Manù



La genesi di "Manù" è stata più volte raccontata dallo stesso Rosso durante molti suoi concerti, l'ispirazione venne a Stefano nei suoi viaggi in pullman per recarsi alla RCA, la sua casa discografica sita in zona Tiburtina.
Durante il tragitto il pullman passava di fronte ad una baraccopoli  che stava per essere abbattuta, ed una delle ultime baracche era appunto di questo vecchio raggrinzito che Stefano decise di chiamare "Manù", prendendo spunto da una vecchia favola indiana.
La canzone è una ballata essenzialmente acustica ma curata molto nell'arrangiamento, a metà canzone ad esempio fa il suo ingresso il banjo, strumento che col passare degli anni sarà suonato sempre più spesso da Stefano, non solo in studio ma anche durante i suoi concerti.
Verso il finale troviamo anche il violino a conferire alla canzone un tocco gitano, suonato per l'occasione da Tino Fornai.
Completano il quadro dei bellissimi tocchi di slide guitar.

MANU'


La foresta di cemento sotto un cielo grigio e blu,
si svegliava in un momento e contava un giorno in più.

Grida in alto un aeroplano, cerca un nido che non c'è
e quel gatto alcolizzato, ha esaurito i suoi perché

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

E un mago laggiù, guarda il mostro dice cresce bene
poi non pensa più, cerca solo un posto che conviene

E mentre sull'asfalto va, qualcuno ride chi sarà
è Manù il gitano vecchio, che da sopra la collina
prende l'acqua nel suo secchio e s'innaffia la piantina

E tra i panni stesi al vento, su due canne di bambù
dice al mostro di cemento, tu non prenderai Manù

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia un treno e vola via

E un giorno così, che soffiava un vento di tristezza
lui quel giorno capì e chinando il capo all'amarezza

Vide la pianta che bruciò, vide il bambù che si spezzò

E mentre fugge ancora, cercando nel modo qualcosa
un cucciolo d'uomo fisso ad una stella di latta, sta
sognando una rosa
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, su una nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte

Da da da da, sulla nuova ferrovia
da da da da, fischia il treno e vola via

Da da da da, s'affaccia all'orizzonte
da da da da, file d'auto sopra il ponte




L'angolo degli accordi:

Intro: Do-Rem

Do
La foresta di cemento sotto un cielo grigio e blu

       Fa                                       Do
si svegliava in un momento e contava un giorno in più. 

Grida in alto un aeroplano, cerca un nido che non c'è

             Fa                             Do 
e quel gatto alcolizzato, ha esaurito i suoi perché 

                                             Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte 

                                                 Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                         Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia 

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via 
Mim                                      Rem
E un mago laggiù, guarda il mostro dice cresce bene

Mim                                 Rem 
poi non pensa più, cerca solo un posto che conviene 
Sol                           Do    Rem      Sol         Do     Re#   Fa    Sol
E mentre sull'asfalto va, qualcuno ride chi sarà

Do 
è Manù il gitano vecchio, che da sopra la collina

               Rem                                 Do
prende l'acqua nel suo secchio e s'innaffia la piantina 

E tra i panni stesi al vento, su due canne di bambù

             Rem                                    Do 
dice al mostro di cemento, tu non prenderai Manù 

                                             Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                  Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                              Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia

                                                       Do 
da da da da, fischia un treno e vola via
Mim                             Rem
E un giorno così, che soffiava un vento di tristezza

Mim                             Rem 
lui quel giorno capì e chinando il capo all'amarezza 
Sol                           Do    Rem      Sol                  Do
Vide la pianta che bruciò, vide il bambù che si spezzò 

E mentre fugge ancora, cercando nel modo qualcosa

Lam                                              Rem 
un cucciolo d'uomo fisso ad una stella di latta, sta

  Sol                 Do 
sognando una rosa

                                            Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte 

                                                  Do
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                             Sol
Da da da da, su una nuova ferrovia

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via

                                              Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                   Do 
da da da da, file d'auto sopra il ponte 

                                           Sol
Da da da da, sulla nuova ferrovia

                                                    Do
da da da da, fischia il treno e vola via 

                                              Sol
Da da da da, s'affaccia all'orizzonte

                                                   Do 
da da da da, file d'auto sopra il ponte



Ma andiamo a conoscere Manù, dalla viva voce di Stefano:



L'angolo live:

Un paio di versioni live di questa bella canzone:





Nessun commento:

Posta un commento