lunedì 24 febbraio 2014

La banda degli zulù



Con "La banda degli zulù", Rosso disegna un acquerello della sua amata Trastevere, per la precisione di Santa Maria in Trastevere, con ragazzi che bighellonano senza far nulla vicino ad una fontana, altri che suonano e altri ancora che fanno colletta.
Appena parte la canzone sembra di essere lì insieme a Stefano ad osservare questo spaccato di vita romana.
Nella canzone non poteva mancare la consueta ironia di Stefano: "Ma il governo se un bel giorno cambierà sai che bella fine fanno quelli là...".
Musicalmente il pezzo è molto ritmato con un piano allegro e saltellante a far da contrappunto al cantato di Stefano.
Questa volta le sonorità acustiche vengono lasciate da parte a favore di chitarre elettriche, di un basso corposo e di una batteria incalzante.
Ci sono anche dei cori femminili, che sono a firma del gruppo dei Baba Yaga, formato da Isabella Sodani, Rita Mariano e Patrizia Neri.
Stefano mostrerà il suo apprezzamento per questo pezzo riproponendolo più volte in veste acustica nei suoi concerti dal vivo.

LA BANDA DEGLI ZULU'

Ecco la banda degli zulù
dice la gente di sangue blù 
son tutti matti qualcuno fa 
e un altro dice sarà l'età
Son seduti alla fontana 
non li vogliono nel bar 
non consumano mai niente 
e il barista non ci sta 
io c'ho famija nun se pò fa 

Chi suona il flauto, chi fa colletta 

chi prede il sole e chi va di fretta 
qualcuno ha detto che la madama
fa una retata sulla fontana 
Dice bimba è andata bene ho già fatto mille e sei
due si baciano, uno canta all are ready want to do 
questa è la banda degli zulù 

Poi tramonta il sole e sono ancora la

 e qualcuno il sacco a pelo non ce l'ha
 dice Susy, be venite su da me
 è in crociera il vecchio e a casa posto c'è 

Poi c'è un terzetto che guarda il gruppo

 ma guarda quello, ma quanto è brutto
 e le ragazze che fanno schifo, 
che non si lavano nemmeno il viso
 Ma il governo se un bel giorno cambierà
 sai che bella fine fanno quelli la
poi si voltan, e nel bar entrano a bere

un magnaccia, un ladro e un contrabbandiere.. 

la la lalala.. la la lala



L'angolo degli accordi:


  Do                          Sol 

Ecco la banda degli zulù
               Fa                   Do
dice la gente di sangue blù 
                                    Sol
son tutti matti qualcuno fa 
                 Fa            Do
e un altro dice sarà l'età
        Lab           
Son seduti alla fontana 
              Do
non li vogliono nel bar 
             Lab
non consumano mai niente
         Do 
e il barista non ci sta 
               Sol                    Do
io c'ho famija nun se pò fa 
                                          Sol
Chi suona il flauto, chi fa colletta
                   Fa                      Do
chi prede il sole e chi va di fretta
                                          Sol 
qualcuno ha detto che la madama
              Fa                Do
fa una retata sulla fontana
  Lab                                              Do
Dice bimba è andata bene ho già fatto mille e sei
 Lab                                               Do
due si baciano, uno canta all are ready want to do 
                   Sol               Do
questa è la banda degli zulù. 

  Lam                                             Re
Poi tramonta il sole e sono ancora la
   Lam                                             Do
 e qualcuno il sacco a pelo non ce l'ha
   Lam                                 Re
 dice Susy, be venite su da me
   Do                                  Sol             Do                                                 
 è in crociera il vecchio e a casa posto c'è. 
                                                    Sol
Poi c'è un terzetto che guarda il gruppo 
                     Fa                             Do
 ma guarda quello, ma quanto è brutto
                                      Sol
 e le ragazze che fanno schifo
                   Fa                         Do 
che non si lavano nemmeno il viso
   Lam                                              Re
 Ma il governo se un bel giorno cambierà
   Lam                                     Do
 sai che bella fine fanno quelli la
          Lam                                     Re
poi si voltan, e nel bar  entrano a bere
        Do                        Sol                 Do
un magnaccia, un ladro e un contrabbandiere
                  Sol       Fa      Do
la la lalala.. la la lala la la la  la







L'angolo live:

Come detto in precedenza, Stefano Rosso ha spesso suonato questa canzone dal vivo.
La prima esecuzione che sentiamo è presa da un concerto fatto al "Lettere Caffè" di Roma il 7.6.2002:


La seconda performance invece è tratta da un live al Jailbreak di Roma del 20.11.2003.
Alla fine del pezzo si può sentire Stefano che scherza con il pubblico.
Stefano amava spesso parlare tra una canzone e l'altra, raccontare aneddoti, fare battute e prendere a volte bonariamente in giro il pubblico, con quell'ironia tipica romana, come avviene appunto in questa occasione:














Nessun commento:

Posta un commento