lunedì 23 giugno 2014

Lilly del West



Dalle atmosfere festanti e allegre di "Quella notte che Bessie cantò", passiamo a quelle malinconiche di "Lilly del West".
Le liriche di Stefano sono esplicite e crude, la protagonista infatti "aveva un culo che parlava" e abitava in un posto che "è un po' il cesso del mondo".
Si evince subito che la Lilly narrata da Rosso è un osso duro, che non ama certo le cose romantiche e che alla prima occasione deruba il malcapitato di turno (" Mi risvegliai che già imbruniva, non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni").
Stefano decide di non appesantire la canzone con arrangiamenti che ne avrebbero allentato il "feeling" e registra solamente voce e chitarra acustica.
Ma andiamo anche noi ad incontrare Lilly sull'ottava:




LILLY DEL WEST

Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
Lilly abitava in un buchetto lì vicino
Come nei film o come quando vai a mignotte
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
E l'importante fu passare un'altra notte
Le chiesi fai un po' di caffè
Sbuffò però mi disse si
Portò due sigarette accese e disse
Dacci un taglio con la tua
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
Non è per te se vai cercando gente brava
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
Ci addormentammo che era quasi mezzogiorno
Sognai di stare a casa a scrivere canzoni
Col mare affianco e col giardino tutto intorno
Dove ho lasciato il cane e pochi libri buoni
Mi risvegliai che già imbruniva
Non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni
Chiesi di lei alla donna che puliva
Quella e chi la conosce quella lì
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
Pensai che fosse suo quel letto lì vicino
Come nei film o come quando vai a mignotte
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
E l'importante fu passare un'altra notte
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
Non è per te se vai cercando gente brava
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
Forse quel gatto tra i rifiuti che mangiava




L'angolo degli accordi:

Sol                                                   Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
                     Do             Re               Sol
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
                                                          Lam
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
          Do                       Re            Sol
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
                                                Lam
Lilly abitava in un buchetto lì vicino
                Do               Re                 Sol
Come nei film o come quando vai a mignotte
                                                       Lam
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
    Do                   Re                    Sol
E l'importante fu passare un'altra notte
Mim                          Lam
Le chiesi fai un po' di caffè
Re                             Sol
Sbuffò però mi disse si
Mim                                     Lam
Portò due sigarette accese e disse
 Do                  Re
Dacci un taglio con la tua
Sol                                                  Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
             Do                         Re                     Sol
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
                                                      Lam
Non è per te se vai cercando gente brava
        Do              Re                    Sol
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
                                                      Lam
Ci addormentammo che era quasi mezzogiorno
                Do                 Re         Sol
Sognai di stare a casa a scrivere canzoni
                                                            Lam
Col mare affianco e col giardino tutto intorno
               Do                      Re            Sol
Dove ho lasciato il cane e pochi libri buoni
Mim                          Lam
Mi risvegliai che già imbruniva
 Re                                                      Sol
Non c'era più nemmeno un soldo nei calzoni
 Mim                                    Lam
Chiesi di lei alla donna che puliva
 Do                               Re     
Quella e chi la conosce quella lì
Sol                                                   Lam
Lilly del west io l'ho incontrata sull'ottava
                    Do              Re              Sol
Col cuore in tasca e due polmoni da vetrina
                                                          Lam
Fumava il filtro e aveva un culo che parlava
           Do                        Re        Sol
E l'ho incontrata che era quasi già mattina
                                                    Lam
Pensai che fosse suo quel letto lì vicino
                Do               Re                 Sol
Come nei film o come quando vai a mignotte
                                                        Lam
Non fu romantico e fortuna c'era il vino
    Do                   Re                   Sol
E l'importante fu passare un'altra notte
                                                                    Lam
Dicono che quel posto è un po' il cesso del mondo
                Do          Re                    Sol
Non è per te se vai cercando gente brava
                                                   Lam
Però qualcosa ci sarà di bello in fondo
                  Do          Re            Sol
Forse quel gatto tra i rifiuti che mangiava


L'angolo delle cover:

Giovanni del Grillo, che è stato anche pianista di Stefano Rosso per cinque anni, canta "Lilly del West":










Nessun commento:

Posta un commento