mercoledì 7 maggio 2014

Ragazza sola



Questa canzone mi piace moltissimo, sicuramente una delle più belle dell'album "Bioradiofotografie".
Stefano descrive le sofferenze amorose di un ragazzo che non riesce a conquistare la donna che ama,  cerca di raggiungere il suo cuore in tutte le maniere, persino offrendogli marijuana, che si rivelerà poi essere invece the!
Ragazza "sola" è sicuramente da leggersi con la "o" aperta, dandogli così un'accezione romana e non italiana, a Roma infatti "sola" sta per fregatura.
Rosso ritorna dopo la canzone "Una storia disonesta" a parlare di marijuana.
Anche musicalmente il pezzo è molto interessante, la canzone si apre con un piano dal suono molto antico, quasi da "saloon" e subito dopo entra una chitarra acustica ritmica.
La voce di Stefano è come al solito stupenda e in alcuni punti sembra quasi recitare la canzone.
Completano il quadro un sottofondo di violini e una spruzzata di sintetizzatore, usato qui per fortuna con più parsimonia e accuratezza.




RAGAZZA SOLA


Quante storie di ragazzi innamorati pazzi avrete già ascoltato.
La mia però è diversa:
Amo una ragazza bionda alta magra e con la verginità persa!

Me l'ha detto un pomeriggio passeggiando mano in mano lungo il fiume,
Che fu di un capellone,
Uno originale non uno banale un anarchico totale!

E io mi mangiavo il fegato perché,
Di originale avevo solo il mio gilet
Trovato in un vecchio cassetto.
E imprecavo contro i miei capelli a spazzola,
Giurando a me di non tagliarli più,
Per farmi amare ma non fu così!

Con casacca indiana con collana ciondolletti baffi e con stivali,
Lei mi rispose: “No!
Se sei un hippy originale
Devi darmi marijuana da fumare!”

Ed io mi mangiavo il fegato perché
Io che potevo darle da fumare
Tutt'al più una nazionale.
Finalmente un giorno ne trovai un bel po',
da un tale a sole dieci mila lire.
E in un prato la portai!

Fece una boccata poi una faccia strana,
Dissi “Che ti senti male?”
"No - disse - questo è the!
Non è mariuana e chi te l'ha data è un gran figlio di puttana!”

Ed io mi mangio il fegato perché,
Da quella volta non l'ho vista più,
Da quella volta non so più dov'è!
Ed io mi mangio il fegato così,
Ed impreco contro il mio destino,
E mi son buttato al vino!

Quante storie di ragazzi innamorati pazzi avrete già ascoltato.
La mia però è diversa:
Amo una ragazza bionda alta magra e con la verginità persa!

L'angolo degli accordi:

Intro: Mim-Sim-Mim-Fa#m-Sim (3 volte)
Re
Quante storie di ragazzi innamorati pazzi avrete
           Mim
già ascoltato. 
Fa#m               Re
La mia però è diversa:
Mim                      Sim                     Fa#m
Amo una ragazza bionda alta magra e con la
                Sim
verginità persa! 
Re
Me l'ha detto un pomeriggio passeggiando
                                    Mim
mano in mano lungo il fiume,
 Fa#m                Re
Che fu di un capellone,
Mim                Sim                        Fa#m 
Uno originale non uno banale un anarchico
Sim
totale! 
Mim                        Fa#m   Re
E io mi mangiavo il fegato perché,
                     Sim                    Mim
Di originale avevo solo il mio gilet
               La                 Re
Trovato in un vecchio cassetto.
Mim                          Fa#m              Re 
E imprecavo contro i miei capelli a spazzola,
                 Sim                        Mim 
Giurando a me di non tagliarli più,
                Fa#m                  Sim 
Per farmi amare ma non fu così!
Strumentale:Mim-Sim-Mim-Fa#m-Sim(2volte)
Re
Con casacca indiana con collana ciondolletti 
                  Mim
baffi e con stivali,
 Fa#m               Re
Lei mi rispose: “No!
Mim                  Sim
Se sei un hippy originale
                   Fa#m            Sim
Devi darmi marijuana da fumare!” 
Mim                        Fa#m      Re
Ed io mi mangiavo il fegato perché
                      Sim        Mim
Io che potevo darle da fumare
         La            Re 
Tutt'al più una nazionale.
 Mim                         Fa#m                 Re 
Finalmente un giorno ne trovai un bel po'
                    Sim         Mim
da un tale a sole dieci mila lire.
Fa#m                  Sim 
E in un prato la portai! 
Re                                         
Fece una boccata poi una faccia strana,
                             Mim 
Dissi “Che ti senti male?” 
Fa#m                         Re
"No - disse - questo è the! 
Mim                  Sim
Non è mariuana e chi te l'ha data è un gran
Fa#m     Sim
figlio di puttana!” 
Mim                        Fa#m    Re
Ed io mi mangio il fegato perché,
                Sim                      Mim 
Da quella volta non l'ho vista più,
                Re                      Sim
Da quella volta non so più dov'è!
 Mim                        Fa#m    Re
Ed io mi mangio il fegato così,
                    Sim              Mim 
Ed impreco contro il mio destino,
Fa#m                     Sim
E mi son buttato al vino! 
Re
Quante storie di ragazzi innamorati pazzi avrete
       Mim
già ascoltato.
Fa#m              Re
La mia però è diversa:
Mim                      Sim                     Fa#m 
Amo una ragazza bionda alta magra e con la
               Sim
verginità persa!

L'angolo live:

Ed ecco una bella performance live di "Ragazza Sola":





Stefano ha inciso nuovamente la canzone per inserirla nel cd "Il meglio" del 2001,  il nuovo arrangiamento è più scarno e asciutto, il piano è stato sostituito con un organetto, sostenuto occasionalmente da violini, mentre per forza di cose la voce è meno fresca, contando ben 22 primavere in più.
Alla fine del pezzo Stefano si lancia in un curioso monologo in finto francese.








Nessun commento:

Posta un commento